skip to Main Content

Tutte le sfide della democrazia tech

Tecnologia

Brookings guarda all’agenda tech 2022 del Presidente Biden. Ecco come. Il post di Marco Emanuele, autore del blog Globaleye

 

L’anno che è appena iniziato ci mette di fronte, fin da subito, a grandi sfide. La pandemia anzitutto, in particolare le prospettive di un recovery che appare assai difficile a tutte le latitudini.

Il think tank Brookings, What to expect from Biden’s 2022 tech agenda, guarda all’agenda tech 2022 del Presidente americano Biden e alla interrelazione di pandemia, investimenti infrastrutturali e qualità della democrazia. Un mix strategico e, se non adeguatamente affrontato come sfida complessa, potenzialmente esplosivo. E non vale solo per gli Usa.

La tecnologia, insieme alla grande partita della transizione ecologica, fa la differenza. Ciò vale sotto vari aspetti, tutti importanti e decisivi e tutti interrelati l’uno nell’altro, inseparabili l’uno dall’altro. Ricordiamo ciò che accadde il 6 gennaio dello scorso anno a Capitol Hill, qualcosa che nella democrazia americana ha assunto la rilevanza di un evento spartiacque.

Ebbene, anche su quell’avvenimento la tecnologia ha inciso. Angelo Alù, su Agenda Digitale (Assalto a Capitol Hill: così la “trappola” social ha incastrato i promotori della rivolta), si pone una domanda: “La capacità di monitorare il flusso comunicativo online ha consentito alle forze dell’ordine di risalire all’identità dei rivoltosi che hanno assediato il Campidoglio a Washington, lo scorso sei gennaio. I post sui social sono stati fatali. Non si poteva usarli per prevenire quanto successo?”

In questa domanda c’è tutta la complessità del rapporto tra democrazia e tecnologia. In un momento in cui la democrazia liberale è realisticamente in crisi de-generativa (cioè perde progressivamente la capacità di dare “forma storica” ai valori che propugna), la tecnologia può essere un grande alleato.

Ma la tecnologia, non dimentichiamolo, mai è neutra: essa porta con sé grandi opportunità e grandi rischi. Serve la Politica (il maiuscolo non è un refuso) per finalizzare la tecnologia alla realizzazione dei valori democratici: è inutile parlare genericamente di etica ma occorre partire dei fatti.

La democrazia liberale si salva se riesce, finalizzando la tecnologia al bene comune, a migliorare i servizi essenziali (sanità, scuola) infrastrutturali (con particolare attenzione alle infrastrutture critiche), a proteggere i dati, a lavorare per la sicurezza dei Paesi in un contesto fattosi “glocale”.

Se non si riesce a far questo in democrazia, salvaguardandone i principi e le forme, è inevitabile – e non auspicabile – che vincano altri modelli.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore