skip to Main Content

Tecnologia, i grandi successi e i clamorosi flop del 2017

Tecnologia

Abbiamo assistito, quest’anno, a diversi esempi di cose da non fare nel campo della tecnologia. ma anche di prodotti da ammirare

 

Un 2017, quello tecnologico, costellato da  importanti successi, ma anche da clamorosi flop. A lasciar desidera, nel settore, è soprattutto la sicurezza delle informazioni degli utenti. Proprio come racconta il New York Times, che passa  in rassegna gli ultimi 12 mesi.

Equifax
Quando si verificano violazioni della sicurezza, in genere è sufficiente modificare le password o cancellare le carte di credito. Ma l’hacking di quest’anno di Equifax, una delle tre principali agenzie di segnalazione di credito al consumo, non ha precedenti.

Gli hacker hanno sfruttato un punto debole nel software del sito Web per ottenere l’accesso a informazioni sensibili come, ad esempio, numeri di previdenza sociale e numeri di patente di guida di ben 145 milioni di americani. Quel che è peggio è che nessuno ha scelto di utilizzare Equifax perché la regola è: se hai un credito, probabilmente fai parte della violazione della sicurezza dei dati e sei vulnerabile al furto di identità.
La violazione della tecnologia dell’agenzia probabilmente causerà malumore per anni. La migliore tattica di difesa è una una seccatura assicurata: congelare il credito con tutte e tre le principali agenzie di segnalazione credito – Equifax, Experian e TransUnion – perché un ladro di identità potrebbe utilizzare le informazioni personali rubate per richiedere crediti a un istituto di credito o società che controlla i file anche con una sola delle agenzie. Inoltre, il congelamento del credito potrebbe richiedere una piccola commissione e potrebbero essere applicate le stesse tariffe per sbloccarlo nel momento in cui si desiderasse richiedere un nuovo credito.

I dirigenti di Equifax si sono dimessi dopo lo scandalo, ma la società non ha ancora rivelato cosa farà per prevenire un’altra violazione.

tecnologia

Juicero

Juicero, una start-up della Silicon Valley che ha raccolto circa 120 milioni di dollari dagli investitori, quest’anno ha perso terreno. La start-up potrebbe scrivere una lista di fallimenti di tecnologia, quest’anno, essendo entrato nel business di creazione di alcuni tipi di prodotto di cui la maggior parte della popolazione non ha mai avuto bisogno prima.

Juicero vende spremiagrumi da 700 dollari con una novità: i prodotti freschi vengono confezionati in sacchetti di proprietà, che lo spremiagrumi può premere con quattro tonnellate di pressione per creare il succo. Poiché il prodotto è contenuto in confezioni ordinate, può essere facilmente sbucciato, risparmiando agli appassionati la pulizia di un tipico spremiagrumi (un lavoro che si può facilmente gestire con una lavastoviglie).

Ecco come sappiamo che la maggior parte di noi non ha mai avuto bisogno di questo oggetto: alcuni investitori Juicero hanno dichiarato a Bloomberg News che le persone potrebbero semplicemente spremere i sacchetti di succo con le mani, senza avere bisogno della tecnologia, e ottenere più o meno la stessa quantità di succo – a volte persino più veloce della macchina. Nei test effettuati dal New York Times, una macchina Juicero impiegava più di tre minuti per spremere un sacchetto di succo di cavolo, ma spremere una busta a mano richiedeva circa due minuti. Nel corso della sua breve durata, il Juicero è crollato a $ 400 prima dell’inizio della sua attività commerciale.

Uber

I fallimenti di Uber hanno più a che fare con la società e la sua cultura lavorativa rispetto all’app che tutti conosciamo. Quest’anno, la start-up di ride è stata una calamita per lo scandalo: dopo la messa in onda lamentele sulle molestie sessuali dei dipendenti di Uber, la società ha condotto un’indagine interna e licenziato 20 persone. Il New York Times ha anche riferito che la compagnia aveva usato un programma segreto, dal nome in codice Greyball, per monitorare ed evitare i funzionari delle forze dell’ordine.

Non è finito qui. Waymo, l’unità auto-guida della casa madre di Google, Alphabet, citò in giudizio Uber, accusandolo di rubare segreti commerciali. Inoltre, Uber ha recentemente rivelato che gli hacker hanno rubato 57 milioni di account dei conducenti nell’ottobre 2016, dopo aver mantenuto la violazione segreta per oltre un anno.

Travis Kalanick si è dimesso dall’amministratore delegato della società in mezzo a una rivolta degli azionisti. Il nuovo capo di Uber, Dara Khosrowshahi, ora affronta l’alto ordine di riparare la reputazione dell’azienda.

Account falsi su Twitter e Facebook
Nel 2017 molti di noi hanno scoperto di essere stati inconsapevolmente lettori di propaganda e notizie false seminate da agenti russi. E’ addirittura possibile che anche noi abbiamo visto i post su piattaforme tecnologiche come Facebook, Twitter e Google nel 2016, che potrebbero aver influenzato il modo in cui abbiamo votato durante le elezioni presidenziali. Quest’anno, indagini del Times e della società di sicurezza informatica FireEye hanno rivelato che gli operatori russi avevano usato centinaia di migliaia di bot, o conti automatici che fingevano di essere persone, per inviare messaggi anti-Clinton.

Facebook e Twitter hanno affermato che stanno intensificando gli sforzi per disabilitare gli account falsi ma il danno è stato fatto e, in effetti, i siti di social media hanno fatto pochissimo per evitare che finti account falsi venissero creati.

Orologi intelligenti

Quando Apple Watch ha debuttato nel 2015, non era un prodotto pratico per l’acquisto. L’orologio intelligente era lento, richiedeva un iPhone per farlo funzionare, la durata della batteria era relativamente breve e il prezzo di $ 10.000 del modello in oro 18 carati era -ovviamente – oltraggioso.

Ma quest’anno Apple ha invertito le tendenze con la sua terza creazioneApple Watch – Series 3, che ha introdotto la connettività cellulare opzionale per permettere il funzionamento dell’orologio in modo più indipendente dall’iPhone.

Un errore iniziale ha causato occasionalmente la perdita della connessione cellulare dell’orologio, ma Apple ha risolto rapidamente il problema con un aggiornamento del software iPhone che adesso ha ha disposizione una doppia connessione: una wireless/bluetooth visibile e pubblica e un’altra in background che consuma meno batteria ma permette la connessione costante agli altri device tecnologici. Ancora più importante, il nuovo orologio intelligente ha una durata della batteria eccezionale; nei test effettuati dal New York Times: è circa il 40% la batteria consumata, in media, dopo un intero giorno di utilizzo. Inoltre, le app e le funzionalità come il cronometro e Siri funzionano in modo celere.
Questo è il primo orologio intelligente che sembra un prodotto maturo e ben eseguito da acquistare in sicurezza.

Nintendo
Nintendo Switch, la console convertibile che ha debuttato quest’anno, è stata un successo. Il dispositivo è composto essenzialmente da due oggetti in uno: una console che può rimanere fissa a casa e una facilmente trasportabile. E i nuovi giochi di Zelda e Super Mario, tra gli altri, hanno ricevuto ottime recensioni.

Le persone amano Nintendo, che ormai è giunta alla vendita di 10 milioni di console Switch da marzo. Facendo un rapito confronto con un altro prodotto, la società ha venduto solo 3,9 milioni di sistemi Wii U nei primi 10 mesi di quella console.

tecnologia

Casa intelligente
Anno dopo anno all’International Consumer Electronics Show di Las Vegas, le start-up profetizzano che tutto in casa sarà pieno di tecnologia, connesso a Internet e automatizzato con algoritmi quasi magici. Questa visione sta finalmente diventando una realtà.

Oggigiorno, è possibile acquistare accessori per la casa di alta qualità collegati a Internet, come lampadine, termostati e telecamere di sicurezza, che funzionano bene insieme e possono essere facilmente controllati con assistenti virtuali ad alimentazione vocale tra cui Alexa di Amazon, l’assistente vocale di Google e Siri di Apple.

Il giovane mercato casa intelligente sta crescendo rapidamente. NPD Group, una società di ricerca, afferma che il 15% delle famiglie americane con una connessione Internet ora possiede un dispositivo di automazione domestica, in aumento dal 10% ad aprile 2016.

Riconoscimento facciale

Per decenni, la scansione di una faccia per sbloccare un oggetto è stata una fantasia fantascientifica che hai visto solo in film come “Minority Report” o film animati disneyani come “The Incredibles”. Molte aziende ne avevano tentato la realizzazione senza successo; il riconoscimento del volto proposto negli smartphone Samsung Galaxy, ad esempio, potrebbe essere ingannato tenendo una fotografia del tuo volto davanti alla videocamera. Ancora peggio, alcuni sistemi più vecchi avevano problemi nell’identificare le persone con la pelle più scura.

Poi quest’anno, iPhone X, il primo iPhone di fascia premium di Apple con un costo di circa € 1.300, ha introdotto il Face ID. Il sistema di riconoscimento facciale di Apple praticamente esamina un oggetto con punti a infrarossi, ricamandone i motivi in ​​un’immagine 3D dettagliata del viso per determinare se colui che sta provando a sbloccare lo smartphone sia effettivamente il proprietario del tuo smartphone prima di sbloccarlo. Face ID impara sempre di più sul viso ad ogni utilizzo nel tempo, in modo tale che possa continuare a funzionare quando il viso cambia, ad esempio quando cresce la barba sul viso o qualora si indossasse un cappello o una sciarpa.

Face ID è il primo esempio di riconoscimento facciale affidabile e sicuro installato su un dispositivo tradizionale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore