skip to Main Content

Ecco com’è andato il 2021 per i chip di Samsung, Intel, Huawei e non solo

Samsung

Grazie alle vendite del 2021, Samsung Electronics è la prima azienda produttrice di microchip al mondo per fatturato. Tutte le novità su Intel, AMD, Huawei e non solo

Nel 2021 la società di elettronica sudcoreana Samsung Electronics è diventata la prima azienda produttrice di microchip al mondo per volumi di entrate, superando l’americana Intel. Il sorpasso è stato possibile soprattutto grazie ai numeri dei chip di memoria (memory chip), utilizzati per l’archiviazione dei dati digitali.

I NUMERI DI SAMSUNG

L’anno scorso le entrate di Samsung legate ai semiconduttori sono cresciute del 31,6 per cento, arrivando a 75,9 miliardi di dollari: lo scrive il Nikkei Asia, riprendendo i dati elaborati dalla società di ricerca americana Gartner. Si tratta di elaborazioni preliminari, però, che non includono le fonderie (cioè i luoghi dove si fabbricano concretamente i chip) come quelle della taiwanese TSMC.

La divisione memory ha registrato un aumento delle vendite del 34,2 per cento nel 2021, grazie al maggiore utilizzo di dispositivi elettronici (computer e non solo) conseguente alla pandemia.

QUANTO VALE IL MERCATO DEI MICROCHIP

Sempre secondo Gartner, nel 2021 l’intero mercato dei semiconduttori è cresciuto del 25,1 per cento, arrivando a un valore di 583,5 miliardi di dollari.

COME È ANDATA INTEL

Per Intel, scesa al secondo posto della classifica dei maggiori produttori di chip, quello scorso è stato un anno modesto: le entrate sono aumentate dello 0,5 per cento appena, per 73,1 miliardi in tutto. Quello di Intel è stato il tasso di crescita più basso tra le venticinque compagnie principali del settore.

LE ALTRE AZIENDE

Positivo, invece, è stato il 2021 di AMD (Advanced Micro Devices), azienda americana diretta concorrente di Intel: ha guadagnato quote di mercato e ha scalato posizioni nella classifica, passando dal quattordicesimo al decimo posto.

L’americana Qualcomm e la taiwanese MediaTek, che realizzano entrambe chip per l’industria delle telecomunicazioni, si sono posizionate al quinto e al settimo posto, rispettivamente.

E HUAWEI?

Finita nel mezzo delle tensioni commerciali e politiche tra Stati Uniti e Cina, e infatti bersagliata dalle sanzioni americane già da anni, nel 2021 il business dei semiconduttori della cinese Huawei è precipitato. La sua divisione focalizzata su questo settore, HiSilicon Technologies, è scesa a 1 miliardo di dollari nel 2021: un calo molto vistoso se paragonato agli 8,2 miliardi del 2020.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore