Innovazione

Salesforce alla ricerca (disperata) di un social network

di

salesforce

I social network, anche quelli che non registrano fatturati eccellenti, sono una miniera di informazioni utili. E Salesforce lo sa bene

Salesforce vuole un social network. Dopo il mancato accordo per acquistare Linkedin (soffiato via da Microsoft), la società americana punta su Twitter. Anche questa volta, però, non sarà facile aggiudicarsi la piattaforma di Jack Dorsey: la società dovrà vedersela, tra gli altri, con Google, Verizon, Apple e (nuovamente) Microsoft. Ma perchè la società americana vuole un social? Partiamo dall’inizio.

Salesforce: l’azienda americana di cloud computing

La società di San Francisco che fa capo a Marc Benioff si occupa di cloud computing e di customer relationship management. L’azienda offre applicazioni per gestire il team di vendita, per monitorare i dati dei clienti, per la gestione e l’analisi dei dati e del marketing. I numeri fanno di Salesforce la più importante azienda Usa nel settore del cloud computing, con un valore di capitalizzazione di 55 miliardi.

Perchè Salesforce vuole Twitter

twitterGrazie a Twitter, Salesforce avrebbe una rete di aziende, di consumatori e utenti che tanto potrebbero far comodo alla società per migliorare i propri servizi e le proprie offerte. Il social di Dorsey sarebbe una miniera da cui trarre informazioni utili per capire le tendenze e studiare le strategie marketing.

Non solo. Twitter stesso è uno strumento di marketing. Se è vero che i programmi advertising stentano a decollare perché ritenuti troppo cari rispetto a quelli offerti da Facebook, è anche vero che Salesforce potrebbe inserirli nei servizi offerti, facendo scendere il prezzo. In questo modo, l’azienda specializzata nel vendere software enterprise in abbonamento alle grandi imprese, si lancerebbe anche nel settore dell’advertising.

Salesforce prova a bloccare la fusione Microsoft – Linkedin

Mentre prova a chiudere un’intesa con Twitter, Salesforce ha deciso di provare a bloccare l’acquisizione da 26,2 miliardi di dollari di Linkedin da parte di Microsoft (ricordiamo che anche la società di Marc Benioff voleva Linkedin). L’azienda Americana, fa pressing sui regolatori americani ed europei, dicendo che la fusione potrebbe sollevare problemi Antitrust. 

“L’acquisizione proposta da Microsoft a Linkedin minaccia il futuro dell’innovazione e della competizione”, ha detto in una nota Burke Norton, l’avvocato numero uno dell’azienda californiana. Grazie a Linkedin, Microsoft avrebbe un controllo esclusivo delle informazioni degli oltre 450 milioni di professionisti membri del social network traendone un vantaggio competitivo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati