Advertisement skip to Main Content

Robot

Midea, Estun, Inovance: tutte le aziende cinesi che producono robot

La Cina sta sostenendo lo sviluppo di aziende produttrici di robot per accelerare l'automazione delle fabbriche. L'articolo di Le Monde.

Il locale è tanto un’officina quanto una fabbrica: molti scaffali, alcune stazioni di prova, tre linee di assemblaggio lunghe una decina di metri ciascuna. Su grandi cassettiere metalliche, bracci robotici bianchi e verdi raccolgono viti e bulloni e li inseriscono nei pezzi. Benvenuti alla CGXI, una start-up con 300 dipendenti con sede a Wuxi, a nord di Shanghai, che produce “cobot” (contrazione di “robot” e “collaborativo”), piccoli robot industriali in grado di lavorare in collaborazione con l’uomo. Qui i robot fanno i robot. Paradossalmente, l’azienda non ha ancora raggiunto un elevato grado di automazione, a causa dei suoi piccoli volumi di produzione. Tuttavia, grazie al finanziamento di una banca d’investimento pubblica, la start-up si sta preparando a lanciare una nuova fabbrica completamente automatizzata, il cui processo industriale “3.0” sarà ottimizzato per la produzione su larga scala.

QUANTO VALE IL MERCATO DEI ROBOT

Perché il mercato è enorme: secondo l’International Federation of Robotics (IFR), nel 2022 la Cina avrà installato 290.000 robot industriali, più della metà delle installazioni mondiali. Secondo il China Electronics Institute, il mercato dovrebbe raggiungere 11,5 miliardi di dollari (circa 10,7 miliardi di euro) entro il 2024.

I ROBOT IN CINA

La rapida automazione delle fabbriche riflette un’importante transizione. Con la popolazione in età lavorativa in calo dal 2010 e i salari in aumento, il Regno di Mezzo non è più così attraente per le multinazionali in cerca di manodopera a basso costo. Per rimanere la fabbrica del mondo, deve spostarsi verso l’alto.

Le autorità ne sono ben consapevoli. Di conseguenza, esistono decine di piani di sostegno sia a livello centrale che locale. Nel 2015, il Guangdong, un’importante provincia industriale nel sud-est della Cina, ha adottato un piano per “sostituire gli esseri umani con i robot”, con un budget di 950 miliardi di yuan (123 miliardi di euro). E questa determinazione non ha vacillato. All’inizio del 2023, il governo centrale ha pubblicato un “piano d’azione Robot+” volto a sviluppare l’automazione nella maggior parte dei settori economici, dall’industria all’agricoltura e alla sanità.

Con 322 robot ogni 10.000 lavoratori, la Cina è il quinto Paese più attrezzato al mondo, dietro a Corea del Sud (1.000 ogni 10.000), Singapore, Giappone e Germania, ma davanti a Stati Uniti (272 ogni 10.000) e Francia. Questo tasso di equipaggiamento è ancora più sorprendente se si considera che il costo del lavoro in Cina rimane molto più basso.

LE AZIENDE (CINESI E NON) PIÙ ATTIVE

Non si tratta di lasciare che i benefici di questi investimenti evaporino all’estero. Dal lancio del piano Made in China 2025 nel 2015, Pechino punta a sostituire i robot importati con tecnologia cinese. Da allora, i produttori locali hanno più che raddoppiato la loro quota di mercato, passando dal 17,5% del 2015 al 35,5% del 2022, secondo MIR Databank.

L’acquisizione del campione tedesco Kuka per 4,5 miliardi di euro nel 2016 da parte di Midea, uno dei principali produttori cinesi di elettrodomestici, aveva già dimostrato l’interesse del Paese per questo settore. Il settore è ancora dominato da produttori affermati come la svizzera ABB e le giapponesi Fanuc e Yaskawa, ma aziende cinesi come Estun e Inovance stanno guadagnando quote di mercato.

Quando scelgono un robot, i produttori guardano in particolare alla velocità e alla precisione dei movimenti, nonché al tempo medio tra i guasti, un criterio in cui gli anni di esperienza dei produttori affermati fanno ancora la differenza, è stato spiegato tra i corridoi di una “fiera della robotica” organizzata dalla città di Nanchino, a nord di Shanghai, a metà dicembre 2023.

Erano presenti i maggiori marchi internazionali e i loro concorrenti locali emergenti – Estun, Chaifu, Siasun – e alcune start-up, come CGXI, a dimostrazione dell’entusiasmo dei produttori e delle autorità per questo settore. “Il nostro capo è vicino a un funzionario di Nanchino, ed è così che ha potuto lanciare la nostra start-up, con la collaborazione del governo locale”, ha detto il rappresentante di una giovane azienda con 80 dipendenti che produce piccoli veicoli automatici per il trasporto di carichi. Un altro operatore offriva robot dotati di telecamere e utilizzati per il controllo qualità, in particolare nell’industria dei semiconduttori.

LA CONNESSIONE CON L’INDUSTRIA DELLE AUTO ELETTRICHE

Secondo l’IFR, in Cina il settore dell’elettronica rappresenta un terzo di tutte le installazioni di robot. Dietro di loro ci sono i settori automobilistico e delle energie rinnovabili. Mentre gli operatori affermati dominano le macchine utilizzate nel settore automobilistico tradizionale, i nuovi arrivati possono ritagliarsi uno spazio con i produttori di veicoli elettrici, che richiedono nuovi processi.

“Molti marchi di veicoli a energia nuova provengono dalla Cina e sono più aperti alle catene di fornitura nazionali. Alcuni nuovi operatori si stanno cimentando con i robot cinesi, anche se l’utilizzo è limitato”, spiega Wang Feili, specialista di macchine utensili presso UBS securities.

FUNZIONI INTELLIGENTI

Il produttore di veicoli elettrici numero uno al mondo, BYD, ha acquistato 20.000 robot entro il 2022, tra cui 1.000 “cobot” dalla società cinese Aubo, un concorrente di CGXI. L’amministratore delegato di questa società, Wei Hongxing, stima che i suoi robot siano composti da circa il 30% di componenti prodotti in Cina, come riporta il media economico Caixin. Tuttavia, l’azienda continua a dipendere dalle importazioni di chip elettronici e software.

A Wuxi, CGXI punta anche sul mercato in forte espansione dei “cobot”. A differenza dei loro cugini, che sono in grado di trasportare carichi pesanti ma devono essere protetti da gabbie nelle fabbriche, questi piccoli robot collaborativi si integrano facilmente in una linea di produzione.

Una dimostrazione nello showroom della start-up, dove il robot bianco e verde si ferma al minimo tocco. Un’altra caratteristica intelligente è la capacità di riprodurre i movimenti. Basta guidare la sua “mano” e la macchina impara il movimento e può ripeterlo all’infinito. Una caratteristica che può essere utilizzata per dipingere un disegno sugli oggetti.

Fondata nel 2018 da Ji Feng, un ingegnere di un’azienda specializzata in automazione industriale, la società ha prodotto il suo primo robot due anni dopo e ha venduto mille unità nel 2023, principalmente per l’industria elettronica (Huawei, Xiaomi) e automobilistica (BMW, Volkswagen).

L’azienda punta a distinguersi per il servizio e il software: “Il livello di qualificazione dei lavoratori cinesi è inferiore a quello europeo, quindi cerchiamo di realizzare macchine facili da usare”, sottolinea il signor Ji, il capo, un uomo dall’aspetto serio sulla quarantina, con occhiali e capelli neri a spazzola.

Nonostante il rallentamento dell’economia, spera che il mercato continui a crescere, soprattutto nei servizi: grazie ai sensori di pressione, i suoi robot sono in grado di preparare caffè o fare massaggi, dice il capo. Nel 2022, in piena politica Covid zero, CGXI ha potuto dimostrare la delicatezza dei suoi robot equipaggiando diverse stazioni di prova Covid-19 in città con i suoi bracci articolati: “Erano più delicati degli umani!”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)
Back To Top