skip to Main Content

Perché piovono critiche su Musk e Starlink in Cina

Starlink Musk

Elon Musk e SpaceX hanno affrontato critiche online in Cina questa settimana dopo che una nota inviata da Pechino alle Nazioni Unite ha rivelato che alcuni dei satelliti dell’azienda si sono quasi scontrati con la stazione spaziale cinese in due diverse occasioni nel 2021

 

Tempesta di critiche “spaziali” per Elon Musk e la sua SpaceX dopo la denuncia cinese all’Onu.

A inizio dicembre Pechino ha inviato una nota all’Unoosa, l’ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico, per denunciare che che la stazione spaziale cinese ha dovuto eseguire manovre per evitare due collisioni con i satelliti della costellazione Starlink di SpaceX.

Starlink è una rete Internet satellitare gestita dalla SpaceX di Musk. SpaceX ha già schierato quasi 1.900 satelliti per servire la sua rete a banda larga Starlink.

La Cina ha iniziato la costruzione della propria stazione spaziale ad aprile con il lancio di Tianhe, il più grande dei suoi tre moduli. La stazione dovrebbe essere completata entro la fine del 2022 dopo quattro missioni con equipaggio.

Dopo che l’Unoosa ha pubblicato la denuncia, numerose critiche hanno colpito Musk, Starlink e gli Stati Uniti sulla piattaforma di microblogging cinese Weibo, simile a Twitter.

Come sottolinea Reuters, gli incidenti dietro la denuncia non sono stati ancora verificati in modo indipendente.

Con quasi 30.000 satelliti e altri detriti che si ritiene orbitino attorno al pianeta, gli scienziati hanno esortato i governi a condividere i dati per ridurre il rischio di catastrofiche collisioni spaziali.

Tutti i dettagli.

LA DENUNCIA DI PECHINO

Gli incidenti hanno avuto luogo  il ​​1° luglio e il 21 ottobre 2021, secondo il documento presentato dalla Cina.

“Per motivi di sicurezza, la Stazione spaziale cinese ha implementato il controllo preventivo per evitare le collisioni”, ha affermato Pechino nella nota pubblicata sul sito web dell’Unoosa. Gli stati devono “assumersi la responsabilità internazionale” per le attività nazionali svolte da organismi sia governativi che non governativi nello spazio, ha aggiunto.

LE CRITICHE CINESI A STARLINK

Dopo la pubblicazione online della denuncia di Pechino, in Cina gli utenti si sono scatenati sui social contro Starlink.

Un utente ha descritto i satelliti di Starlink come “solo un mucchio di spazzatura spaziale”. I satelliti sono “armi americane per la guerra spaziale” e “Musk è una nuova ‘arma’ creata dal governo e dall’esercito degli Stati Uniti”, hanno detto altri.

“I rischi di Starlink vengono gradualmente esposti, l’intera razza umana pagherà per le proprie attività commerciali” ha commentato un altro.

NON È LA PRIMA VOLTA

Non è la prima volta che il progetto di Elon Musk attira critiche.

Ad agosto, Hugh Lewis, capo dell’Astronautics Research Group presso l’Università di Southampton, Regno Unito, ha osservato che oltre la metà degli “incontri ravvicinati” o del “forte rischio collisione tra i satelliti” è dovuta a Starlink, la costellazione satellitare di SpaceX.

Starlink mira a creare “il sistema Internet a banda larga più avanzato al mondo”. Gli oltre 1700 satelliti di Starlink nell’orbita terrestre sono responsabili di circa la metà di tutti i quasi incidenti attualmente, suggeriva la ricerca del professor Lewis.

Lewis ha esaminato i dati del database Socrates (Satellite Orbital Conjunction Reports Assessing Threatening Encounters in Space), che traccia le orbite dei satelliti e ne modella la traiettoria per valutare il rischio di collisione. Ha esaminato i dati a maggio 2019, quando Starlink ha lanciato il suo primo lotto di satelliti. Lewis ha affermato che i satelliti Starlink sono responsabili di 1.600 incontri ravvicinati tra due veicoli spaziali a settimana. Escludendo i quasi incidenti che coinvolgono due satelliti Starlink, la cifra era di 500.

I satelliti Starlink saranno in definitiva responsabili del 90% dei quasi incidenti nell’orbita terrestre, prevede lo scienziato.

A CHE PUNTO È STARLINK

Ad oggi SpaceX ha già lanciato quasi 1.900 satelliti come parte della rete Starlink e prevede di distribuirne altre migliaia. La società ha ricevuto infatti il permesso dalla Federal Communications Commission degli Stati Uniti per lanciarne fino a 12.000 satelliti nello spazio.

PERICOLO DETRITI

E l’orbita terrestre è sempre più affollata… di detriti spaziali.

Gli scienziati hanno espresso preoccupazione per i rischi di collisioni nello spazio e hanno invitato i governi mondiali a condividere informazioni sui circa 30.000 satelliti e altri detriti spaziali che orbitano attorno alla Terra, ricorda Reuters.

Il mese scorso, l’agenzia spaziale statunitense Nasa ha bruscamente posticipato una passeggiata spaziale dalla Stazione Spaziale Internazionale a causa delle preoccupazioni sui detriti spaziali.

IL COMMENTO DELL’ESPERTO

Le collisioni non sono un evento raro nello spazio, ma tali incidenti sono aumentati negli ultimi anni a causa del numero e della velocità con cui vengono lanciati i satelliti, ha commentato Jonathan McDowell, astrofisico dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, al Guardian. “Starlink è una parte importante di questo”, ha sottolineato McDowell.

Tuttavia, l’astrofisico ha aggiunto che anche la Cina ha contribuito in modo determinante alla spazzatura spaziale. “È anche giusto dire che la stazione spaziale statunitense ha dovuto più volte negli ultimi 10 anni schivare i pezzi del test anti-satellite militare cinese del 2007. Non è che i cinesi abbiano avuto un record pulito qui. Il più grande evento di detriti di sempre è stato il test anti-satellite cinese”.

L’incidente ricorda che il mondo è entrato in una “nuova era nello spazio”, ha detto l’astrofisico.

“Ci sono più detriti e ci sono più satelliti attivi. Le cose stanno diventando molto più affollate e molto più affollate lassù… È un’era spaziale dominata dal punto di vista commerciale… in cui stiamo sottolineando l’ambiente spaziale per la prima volta” ha concluso McDowell.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore