Innovazione, Reti per la crescita

Open Fiber e Acea portano la banda ultra larga a Roma

di

Roma banda ultralarga

Dopo il memorandum of Undestanding del 3 agosto 2017, ACEA e Open FIber hanno firmato un’intesa per la definizione degli accordi industriali per lo sviluppo di una nuova rete di comunicazione a banda ultra larga nella città di Roma

 

L’Amministratore Delegato di ACEA, Stefano Donnarumma, ed Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato di Open Fiber, hanno siglato un’intesa che definisce termini e condizioni del complessivo accordo industriale per lo sviluppo di una rete di comunicazione a banda ultra larga nella città di Roma con un investimento complessivo di circa 375 milioni di euro. L’intesa fa seguito a un Memorandum of Understanding firmato il 3 agosto scorso.

Il progetto – che occuperà dalle 1.000 alle 1.500 persone nell’arco di piano – prevede la realizzazione di un’infrastruttura in fibra ottica di ultima generazione destinata a offrire connettività ultraveloce agli abitanti della Capitale nell’arco dei prossimi cinque anni. La rete abiliterà una serie di servizi nel campo della cultura, della sanità, del sociale e dello sviluppo delle imprese e della Pubblica Amministrazione, anche attraverso la realizzazione di nuove applicazioni per le TLC e il telecontrollo delle reti elettriche, e idriche. Per tanto, ACEA renderà disponibili a Open Fiber le proprie infrastrutture per la posa della fibra ottica, minimizzando l’impatto dei lavori in città.

banda ultralarga“Con questo accordo, Acea entra in una nuova dimensione che proietterà la città di Roma verso la realizzazione concreta della cosiddetta “Smart City”. “- ha commentato Stefano Donnarumma, Amministratore Delegato di ACEA – “Sono anni importanti con tante opportunità da cogliere sul fronte dell’innovazione; noi non ci faremo trovare impreparati.”

Il piano complessivo di Open Fiber consentirà ai cittadini romani di beneficiare di una velocità di connessione pari a 1 Gigabit al secondo, che rivoluzionerà la capacità digitale non solo delle utenze domestiche ma anche delle aziende e della Pubblica Amministrazione e coinvolgerà circa 1,2 milioni di unità immobiliari. Grazie alla tecnologia Fiber To The Home (FTTH – fibra fino a casa), Open Fiber garantirà una qualità di connessione non raggiungibile con le tecnologie attualmente in uso.

“L’avvio del piano di sviluppo di una rete in fibra ottica in modalità FTTH nella Capitale rappresenta per Open Fiber il completamento di un progetto nazionale che ci vede ora impegnati in tutte le 271 principali città italiane” ha dichiarato Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato di Open Fiber. “L’accordo con Acea, che si aggiunge ad altre iniziative in essere, consentirà la progressiva copertura di Roma con una rete di comunicazione di ultima generazione ad elevatissima capacità. È un contributo essenziale alla competitività dell’economia cittadina, alla possibilità di attrarre investimenti e di costruire un modello avanzato di servizi digitali. Il progetto Roma completerà inoltre le attività che stiamo lanciando in tutto il Lazio, anche sulla base dei bandi Infratel, e ciò porterà l’intero territorio regionale ad un livello di connettività molto elevato”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati