Innovazione

Non solo Nexi. Casaleggio svela dettagli e sponsor del prossimo report sull’e-commerce della Casaleggio Associati

di

Ecco le aziende che hanno contribuito alla realizzazione del prossimo report sull’e-commerce a cura della Casaleggio Associati che fa riferimento a Davide Casaleggio, numero uno della piattaforma Rousseau e guru pentastellato. Il Fatto Quotidiano ha fatto notare che alcune aziende sponsor hanno rapporti istituzionali con i ministeri del Lavoro e del Sviluppo economico retti dal capo del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio

Ogni anno Casaleggio Associati produce ricerche sull’e-commerce in Italia o su temi d’attualità per il mercato di riferimento, come l’intelligenza artificiale o la blockchain. Quest’anno l’appuntamento è in programma a Milano al centro Congressi della Fondazione Cariplo il 16 aprile e a Roma all’università Luiss di Confindustria l’8 maggio.

IN COSA CONSISTE LA RICERCA SULL’E-COMMERCE IN ITALIA

Come si legge sullo stesso sito di Casaleggio Associati “la ricerca ‘E-commerce in Italia’ è lo studio del mercato e-commerce italiano dal punto di vista dei numeri, dei trend e delle strategie adottate dai principali operatori del mercato. Dal 2007 la ricerca ed il convegno ‘E-commerce in Italia’ realizzati da Casaleggio Associati rappresentano un importante appuntamento di networking e aggiornamento per gli operatori del commercio elettronico in Italia, con un’ampia copertura da parte dei media di settore. La partecipazione è riservata ai merchant e-commerce: imprenditori, amministratori delegati, direttori generali, responsabili marketing, responsabili e-commerce e responsabili Internet”.

LE AZIENDE COINVOLTE

Il sito della Casaleggio Associati di Davide Casaleggio, numero uno dell’associazione Rousseau, punto di riferimento non solo informatico per il Movimento 5 Stelle, indica anche le società che hanno pagato per affiancare il loro nome a quello della Casaleggio associati, “una piccola azienda che fa ‘strategie di rete’ e che nell’ultimo bilancio fatturava 1,1 milioni di euro”, scrive oggi il Fatto Quotidiano in un approfondimento di Stefano Feltri (vicedirettore del Fatto) e Carlo Tecce. Se lo scorso anno erano quattro, quest’anno sono già raddoppiate: a Binoocle Institute (azienda che applica i più moderni studi sulle Mind-Brain Sciences a qualsiasi attività di business), Webperformance (Agenzia media digitale attiva nel business online), la svizzera Octopus (un’agenzia di comunicazione integrata con sede a Lugano e Zurigo) e Nexi (attiva nei pagamenti elettronici e in procinto di andare in Borsa con un’Ipo riservata a investitori internazionali), tutte impegnate in attività di e-commerce, si aggiungono Flixbus, l’azienda low cost dei trasporti tramite bus, Deliveroo, l’app web per la consegna di cibo a domicilio, Fonarcom, il fondo interprofessionale per la formazione dei lavoratori della Cifa, la Confederazione italiana federazioni autonome che è pure tra i partner e dal sindacato Confsal.

CIASCUNA HA PATROCINATO IL RAPPORTO CON UNA SOMMA TRA I 5.000 E I 10.000 EURO

“Ciascuna ha patrocinato il rapporto con una somma tra i 5.000 e i 10.000 euro – si legge sul Fatto Quotidiano -. Il circuito per il pagamento digitale Nexi ha versato soltanto 7.500 euro perché non sarà tra gli oratori, Fonarcom ha speso 10.000 perché il presidente Andrea Cafa, confida di parlare a Milano”. Fonarcom, ha scritto il Fatto, “si sostiene con lo 0,3 per cento delle retribuzioni che le imprese versano all’Inps per la formazione dei dipendenti, è un ente paritetico interprofessionale che ha guardato con grande attenzione all’arrivo del reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle. Centinaia di migliaia di italiani avranno bisogno di formazione e i centri per l’impiego (pubblici) indirizzeranno i beneficiari ai maestri della formazione, come i fondi interprofessionali esplicitamente citati dalla legge approvata pochi giorni fa in via definitiva”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati