skip to Main Content

Netflix traballa sul trono del video streaming?

Netflix Disney

Nell’ultimo anno Netflix ha perso terreno nel mercato dello streaming, con un calo del 31% nell’ultimo anno, a causa dell’arrivo di nuovi concorrenti come Disney +. Cosa emerge dai dati di Ampere Analysis con TheWrap

 

Presto Netflix detronizzato?

Non ancora. Dopo un anno in cui lo streaming è diventato ancora più importante per milioni di americani a causa delle restrizioni per la pandemia Covid, Netflix domina ancora il settore negli Stati Uniti.

Ma i nuovi dati di Ampere Analysis pubblicati da The Wrap, mostrano che se Netflix detiene il 20% del mercato statunitense dello streaming, il suo predominio sul resto del panorama dello streaming si è ridotto.

La società guidata da Reed Hastings ha perso il 31% della quota di mercato statunitense nell’ultimo anno poiché i rivali in streaming hanno guadagnato terreno.

Oggi Netflix Usa ha una quota di mercato del 20% rispetto al 29% all’inizio dello scorso anno.

Durante il 2020, Netflix e Amazon Prime hanno affrontato nuovi rivali sotto forma di HBO Max e Peacock di NBCUniversal.

Tutti i dettagli.

NETFLIX ANCORA AL PRIMO POSTO…

Tuttavia, anche così, la piattaforma continua ad essere leader con circa 74 milioni di abbonati negli Stati Uniti. Sommati agli abbonati al servizio in altri paesi fanno un totale di oltre 203 milioni di clienti in tutto il mondo per Netflix.

MA DESTINATA A PERDERE TERRENO?

Nel frattempo, le prime stime di eMarketer delle entrate degli abbonamenti statunitensi dei principali streamer degli Stati Uniti mettono la quota di Netflix al 44,4% nel 2019; al 36,2% nel 2020; al 30,8% nel 2021 e al 28,4% nel 2022.

SEGUITA DA AMAZON PRIME VIDEO

Al secondo posto dietro Netflix c’è Amazon Prime Video. Il servizio di video streaming del colosso dell’e-commerce controlla il 16% del mercato, anche se con un calo considerevole.

All’inizio del 2020 rappresentava infatti il 21% con i suoi oltre 50 milioni di utenti, un calo di quasi il 24%.

I dati mostrano anche che la quota di mercato globale di Amazon Prime Video è in calo dal 23% al 16%.

DISNEY PLUS PRONTA A SCIPPARE IL TERZO POSTO A HULU

Hulu, una piattaforma disponibile solo negli Stati Uniti di proprietà della Disney, è il terzo posto per quota di mercato.

Ma il recente Disney Plus è al quinto posto. Hulu ha più di 39 milioni di abbonati negli Stati Uniti.

Si prevede che la quota di Disney aumenterà al 25,9% quest’anno — dal 17,4% nel 2019 e dal 24,9% nel 2020 — e raggiungerà il 27,1% nel 2022.

Il servizio di contenuti della Walt Disney Company ha raggiunto il traguardo di 100 milioni di abbonati globali a marzo (40 milioni negli Stati Uniti) solo 16 mesi dopo il suo lancio, una cifra che ha notevolmente migliorato le sue aspettative iniziali.

La società di consulenza Ampere Analysis stima che per tutto il 2021 la piattaforma di Topolino riuscirà ad imporsi come terza opzione.

A RILENTO APPLE TV+, HBO MAX E PEACOCK

AT&T ha previsto che il suo HBO Max — ora al quarto posto per quota di mercato negli Stati Uniti — raggiungerà da 120 milioni a 150 milioni di abbonati globali entro il 2025. HBO Max ha più di 37 milioni di abbonati negli Stati Uniti. Il servizio di video streaming Peacock di NBCUniversal aveva registrato 33 milioni di abbonati a gennaio.

Da parte loro, questi nuovi concorrenti come Apple TV +, di Apple; HBO Max; Peacock e Paramount + di Viacom CBS hanno mostrato una crescita più lenta, che continuerà con l’espansione del loro catalogo. Quindi il mercato dovrebbe frammentarsi ancora di più.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore