skip to Main Content

Marines

Lockheed, Raytheon, Northrop Grumman e non solo. Come i colossi Usa della Difesa sprintano a Wall Street

Il settore della difesa è cresciuto in Borsa del 14% finora quest'anno, sovraperformando l'S&P 500 del 39%. I produttori beneficiano dei contratti per sostenere l'invio di armi in Ucraina, ma c'è la questione delle scorte e della produzione...

 

Nel 2022 diversi titoli della difesa hanno registrato brillanti performance a Wall Street.

Gli appaltatori della difesa sono stati protagonisti del mercato azionario quest’anno, anche se non sono immuni dai venti contrari macroeconomici. “I titoli di alcuni protagonisti aziendali della difesa quest’anno hanno guadagnato in Borsa: Lockheed il 36%, Northrop Grumman il 37%, Raytheon del 14%”, ha riportato nei giorni scorsi il Sole 24 Ore.

“L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio ha innescato una ripresa della difesa che è svanita quando l’auspicata ondata di nuovi ordini ha impiegato più tempo a concretizzarsi” osserva il Wall Street Journal. Tuttavia, il settore è cresciuto del 14% finora quest’anno, sovraperformando l’S&P 500 del 39%, secondo Vertical Research Partners.

A quasi 10 mesi dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, I governi affermano di essere impegnati in maggiori budget per la difesa. Tuttavia, in mezzo a tanta incertezza economica, sono stati lenti a firmare i contratti di approvvigionamento pluriennali di cui i gruppi della difesa hanno bisogno per accelerare la produzione, sottolinea il Financial Times. E allo stesso tempo, gli alleati che hanno sostenuto lo sforzo bellico di Kiev sono sempre più preoccupati dalla sfida per aumentare la produzione di munizioni mentre il conflitto “brucia” velocemente le scorte.

TUTTI GLI ULTIMI COLPI MESSI A SEGNO DA LOCKHEED MARTIN

Il giorno successivo alla comunicazione degli utili, Lockheed Martin è balzato dell’8,69% grazie al fatto che il produttore di armi ha registrato entrate trimestrali più forti del previsto e mantenendo la guidance per il 2022.

Nel frattempo, a inizio mese il colosso della difesa americano si è aggiudicato un contratto da 431 milioni di dollari dall’esercito degli Stati Uniti per la produzione a pieno regime di lanciatori di razzi di artiglieria ad alta mobilità M142 con l’obiettivo di rifornire rapidamente le scorte degli Stati Uniti e dei suoi alleati e partner che hanno inviato armi in Ucraina.

Lockheed ha anche vinto un contratto dell’esercito il mese scorso del valore di 14,4 milioni di dollari per aumentare la capacità di produzione per rifornire rapidamente le scorte statunitensi di HIMARS. La società è attualmente attrezzata per costruire 60 lanciatori HIMARS all’anno, ma tale accordo, aggiudicato all’inizio di ottobre, le consentirà di aumentare la produzione a 96 lanciatori all’anno, ha detto un portavoce dell’azienda a Defense News.

A novembre, l’esercito ha anche assegnato a Lockheed un accordo da 521 milioni di dollari per rifornire le scorte statunitensi di sistemi missilistici a lancio multiplo guidato, anch’essi forniti all’Ucraina.

ANCHE RAYTHEON E ROLLS ROYCE BENEFICIANO DI CONTRATTI DAL PENTAGONO

Ma Lockheed Martin non è l’unico appaltatore della difesa a beneficiare degli ultimi ordini del Pentagono.

E all’inizio di questa settimana, l’Esercito degli Stati Uniti ha assegnato un contratto da 1,2 miliardi di dollari a Raytheon Missiles and Defense per fornire rapidamente sei batterie del sistema missilistico Nasams per l’Ucraina.

Anche Pratt & Whitney di Raytheon si è aggiudicato un contratto da 511,5 milioni di dollari dalla Marina degli Stati Uniti per il sostegno annuale del sistema di propulsione F135. L’accordo include la gestione del programma, il rifornimento di pezzi di ricambio, l’integrazione della propulsione e il supporto del motore. Inoltre, Raytheon Missiles and Defense ha ottenuto un contratto da 84 milioni di dollari dall’esercito per proiettili Excalibur Increment lb da 155 mm.

A fine novembre Rolls Royce si è aggiudicata dalla Marina Militare un contratto a 228 milioni di dollari per servizi di supporto tecnico e logistico per i sistemi di propulsione KC-130J (i tanker prodotti da Lockheed Martin).

QUESTIONE DI SCORTE

Dopo aver inviato più di 40 miliardi di dollari di sostegno militare all’Ucraina (20 miliardi solo da Washington), per lo più da scorte esistenti, i ministeri della difesa dei membri della Nato stanno scoprendo che le linee di produzione di armi dormienti non possono essere attivate dall’oggi al domani. L’aumento della capacità richiede investimenti che, a loro volta, dipendono dall’ottenimento di contratti di produzione a lungo termine, evidenzia il Ft.

Gli Stati Uniti hanno inviato all’Ucraina circa un terzo delle loro scorte di missili anticarro Javelin e un terzo delle loro scorte di missili antiaerei Stinger. Ma hanno poche prospettive di essere in grado di sostituirli rapidamente.

Secondo il ceo di Raytheon, Greg Hayes, l’azienda potrebbe non essere in grado di produrre più Stinger almeno fino al 2023. “Ci vorrà un po’ di tempo” aveva sottolineato Hayes dal momento che alcuni componenti non sono più disponibili in commercio, pertanto l’azienda dovrà riprogettare l’elettronica. La linea di produzione Stinger è stata chiusa a dicembre 2020, ha affermato il Pentagono. Nel luglio 2021, Raytheon ha vinto un contratto per la produzione di più Stinger, ma principalmente per governi internazionali, secondo l’esercito degli Stati Uniti.

“È un problema di finanza aziendale”, ha affermato un alto funzionario della difesa europea al quotidiano britannico. “Nessuna azienda vuole investire in una seconda linea di fabbrica per aumentare la produzione senza una certezza contrattuale a lungo termine. La Russia sarà ancora una minaccia tra cinque anni e, in caso contrario, i governi continueranno ad acquistare armi dalle compagnie?”

Back To Top