Innovazione

L’inevitabile crollo dei Pc. Cisco pronta a licenziamenti di massa

di

Pc

Da Cisco a Intel, Da Microsoft ad Hp: tutte le grandi aziende tecnologiche soffrono il declino dei PC

I pc non piacciono (o non servono) più. Tablet e smartphone consentono accesso ad internet, ci permettono di redigere documenti, di inviare e-mail e di lavorare anche mentre non siamo in casa: piccoli e poco ingombranti, oramai hanno sostituito il vecchio personal computer, che inevitabilmente vede le sue vendite crollare (con conseguenze di non poco conto).

cisco pcAnche le aziende del settore tech hanno preso atto dell’inevitabile crollo dei pc. Cysco Systems, per esempio, sarebbe pronta a tagliare (secondo indiscrezioni di Reuters) di 14mila unità il suo organico, ovvero un quinto della sua forza lavoro da 70mila dipendenti. Il motivo dei grandi tagli sarebbe il passaggio da azienda che produce hardware a una che si concentra sul software. L’annuncio di tale cambiamento dovrebbe arrivare nelle prossime settimane: Cysco non ha ancora commentato le indiscrezioni, ma è certo che il colosso tecnologico punta a sviluppare nuovi prodotti software su data-analytics e strumenti basati sul cloud per i data-center.

Ma Cysco non è certo l’unico colosso tecnologico costretto a dover mandare a casa i propri dipendenti. Già nel luglio del 2014 Microsoft ha presentato uno dei maggiori piani di riduzione del personale, tagliando ben 18mila posti di lavoro. Anche ad Hp è toccata la stessa sorte: la società nel settembre 2015 ha affermato che nel corso del prossimo triennio, la sua forza lavoro si potrebbe ridurre di oltre 33mila unità. Intel qualche mese fa, invece, ha annunciato il taglio di 12mila posizioni a livello globale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati