Innovazione

L’altalena dei tamponi nelle regioni d’Italia. Report Gimbe

di

tamponi test rapidi salivari indicatori monitoraggio tamponi reagenti Veneto Padova

Come si muovono le regioni sui tamponi? Numeri, confronti e analisi del report della fondazione Gimbe

 

Si fanno sempre meno tamponi. A denunciarlo è un report della Fondazione Gimbe, secondo cui ben 9 regioni, nonostante la riapertura e le promesse di un attento monitoraggio, hanno arretrato ulteriormente nel testing.

Andiamo per gradi.

TAMPONI: NUMERI IN PICCHIATA

Il trend dei tamponi, secondo i dati raccolti da Gimbe, è altalenante. Dal 28 maggio al 10 giugno il numero dei tamponi totali è in picchiata: -12,6%. Ampliando la finestra di monitoraggio, è possibile notare come il trend dei tamponi diagnostici è crollato del 20,7% in prossimità delle riaperture del 4 maggio, per poi risalire e precipitare nuovamente del 18,1% in vista delle riaperture del 3 giugno.

INDIETRO TUTTA IN 9 REGIONI

In realtà, nell’ultima settimana (dopo il 3 giugno) il numero dei tamponi effettuati è tornato a salire del 4,6%, ma se da una parte il numero fa ben sperare, dall’altra emerge che gli incrementi non sono omogenei sul territorio nazionale.

Secondo i dati della Fondazione Gimbe, 12 fra Regioni e Province Autonome fanno registrare un incremento assoluto dei tamponi diagnostici, mentre nelle rimanenti 9 regioni il numero dei tamponi effettuati si è ridotto ulteriormente.

CARTABELLOTTA: IL TESTING NON E’ PRIORITA’

“L’attività di testing finalizzata all’identificazione dei nuovi casi, alla tracciatura dei contatti e a loro isolamento continua a non essere una priorità per molte Regioni: purtroppo, nella gestione di questa fase dell’epidemia, in particolare dove la diffusione del virus non sembra dare tregua, la strategia delle 3T non è adeguata”, critica il presidente della fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta.

LE TERAPIE INTENSIVE SI SVUOTANO

Alla riduzione dei tamponi corrisponde, fortunatamente, una marcia indietro del virus, almeno a guardare i numeri delle terapie intensive. Anche nell’ultima settimana (4-10 giugno) si assiste ad riduzione del carico su ospedali (-24,8% ricoverati con sintomi) e terapie intensive (-29,5%). Rallentano i contagi (+0,8%) e, in misura minore, i decessi (+1,5%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati