skip to Main Content

In arrivo nuove regole Ue per Airbnb e le altre piattaforme di affitto case

Airbnb

La Commissione europea ha adottato una proposta di regolamento per aumentare la trasparenza nel settore della locazione di alloggi a breve termine. Tutti i dettagli

Stretta dell’Ue sulle piattaforme di viaggio come Airbnb: dovranno tirare fuori i registri delle proprietà in affitto.

Bruxelles pretende che Airbnb e altre società di affitto di case a breve termine condividano i dati sul numero di persone che utilizzano le loro piattaforme secondo le norme proposte dall’Ue, ha annunciato lunedì la Commissione europea, evidenziando un approccio leggero alla regolamentazione del settore.

La mossa per regolamentare il mercato degli affitti a breve termine arriva quando le principali destinazioni turistiche europee come Parigi e Barcellona soffrono per la mancanza di alloggi per le persone che vogliono viverci. Sebbene le proprietà di Airbnb attirino e stimolino il turismo, i residenti a lungo termine faticano a trovare posti a prezzi accessibili in cui vivere poiché gli alloggi disponibili vengono offerti solo a turisti e visitatori. Allo stesso tempo le città più piccole e le aree rurali vogliono attirare più turisti tramite piattaforme di noleggio online, che rappresentano un quarto di tutte le strutture ricettive nei 27 paesi dell’Ue.

Le norme europee per gli affitti di alloggi a breve termine creeranno maggiore trasparenza nel settore degli alloggi privati ​​in affitto a breve termine, consentendo ai governi di ricevere dati accurati da piattaforme intermediarie online.

Tutti i dettagli.

CONDIVISIONE DEI DATI DA PARTE DELLE PIATTAFORME DI ALLOGGI

Secondo le regole proposte, Airbnb e i suoi colleghi dovranno condividere i dati sul numero di ospiti e sui pernottamenti affittati con le autorità pubbliche, una volta al mese, in modo automatizzato.

Le autorità controlleranno i loro registri e potranno imporre sanzioni in caso di non conformità. Come segnala Reuters, la proposta della Commissione è simile a un accordo di condivisione dei dati che Airbnb ha stipulato con Eurostat, l’ufficio statistico dell’Ue, due anni fa, consentendo alle autorità pubbliche di accedere ai dati pubblicati trimestralmente sul numero di persone che utilizzano la sua piattaforma e sul numero di notti prenotate.

LE NUOVE REGOLE UE

“Le nuove regole proposte contribuiranno a migliorare la trasparenza sull’identificazione e l’attività degli host di alloggi a breve termine, e sulle regole che devono rispettare, e faciliteranno la registrazione degli host”, ha affermato la Commissione in una nota.

“Affronteranno anche l’attuale frammentazione nel modo in cui le piattaforme online condividono i dati e, in definitiva, aiuteranno a prevenire gli elenchi illegali. Nel complesso, ciò contribuirà a un ecosistema turistico più sostenibile e sosterrà la sua transizione digitale”, ha aggiunto l’esecutivo europeo.

LA POSIZIONE DI AIRBNB

E Airbnb ha accolto con favore la proposta dell’Unione europea in merito alle nuove regole.

“Queste proposte forniscono un quadro per Airbnb per ampliare le nostre collaborazioni con i governi e rendere più facile per gli europei di tutti i giorni condividere le loro case e seguire le regole”, ha affermato Georgina Browes, responsabile delle politiche pubbliche dell’Ue di Airbnb. Browes ha affermato che adottando un approccio più armonizzato alla regolamentazione, l’industria e i governi potrebbero collaborare meglio per migliorare l’accesso ai dati, aumentare la trasparenza e affrontare le norme locali sproporzionate.

L’UE LA ZONA PIÙ PROLIFICA DI HOST

“L’UE ospita più Host su Airbnb di qualsiasi altra regione del mondo e la stragrande maggioranza degli Host sono persone normali che condividono un annuncio. Il tipico host dell’UE ha guadagnato poco più di € 3.000 l’anno scorso e il 40% afferma che il reddito aggiuntivo li aiuta a permettersi l’aumento del costo della vita”, si legge nel rapporto pubblicato il mese scorso dalla società di affitti per le vacanze.

Inoltre, la società ha rilevato che nel 2019 le prenotazioni su Airbnb hanno sostenuto circa 345.000 posti di lavoro nei paesi dell’Ue e hanno anche generato circa 19 miliardi di euro di contributo al Pil attraverso la spesa degli ospiti.

I PROSSIMI PASSI

Tuttavia, la proposta della Commissione europea dovrà essere concordata con i paesi membri e i legislatori dell’Ue prima che possa diventare legge.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore