skip to Main Content

Google ha costruito un monopolio nella ricerca mobile. Le accuse della Ftc americana

Google Pubblicità

Che cosa ha rivelato Politico su Google dai documenti interni della Federal Trade Commission (Ftc) statunitense

 

Che Google sia il motore di ricerca numero uno al mondo sia online che per dispositivi mobili è indiscusso.

Secondo Statista, nel gennaio 2021 il colosso di Mountain View ha una quota del mercato di ricerca globale dell’85,86%. Il motore di ricerca online Bing (Microsoft) ha una quota del 6,84%. Quella del motore di ricerca cinese Baidu è dello 0,55%.

Ma si può accusare Google di aver costruito un monopolio nel mercato della ricerca mobile?

Sì, secondo gli avvocati della Federal trade commission, l’agenzia federale degli Stati Uniti che sorveglia il commercio.

Nel 2011 gli investigatori federali erano convinti che la spinta di Google a rilevare le ricerche su Internet mobile era illegale. Tanto che i legali della Ftc raccomandarono all’agenzia di citare in giudizio Google per i suoi contratti di telefonia mobile.

Centinaia di pagine di promemoria interni inediti della Ftc, ottenuti da Politico, rivelano che i commissari dell’agenzia hanno respinto prove sostanziali a sostegno della rivendicazione di monopolio.

Quella causa non fu intentata infatti.

Eppure, quasi un decennio dopo, il Dipartimento di Giustizia e e 11 procuratori generali di stato hanno citato in giudizio Google per gli stessi contratti multimiliardari per smartphone che gli investigatori della Federal Trade Commission hanno segnalato anni fa.

L’accusa sostiene che gli accordi presentano alcune delle prove più evidenti che Google ha costruito un monopolio di ricerca e pubblicità. Non solo, Big G ha usato il suo potere di mercato per soffocare la concorrenza.

Ecco tutti i dettagli sulle rivelazioni riguardo la Federal Trade Commission e Google riportate da Politico.

I DOCUMENTI DELLA FEDERAL TRADE COMMISSION USA VISIONATI DA POLITICO

I promemoria interni della Ftc visionati da Politico suggeriscono che i regolatori dell’era Obama ganno discusso sull’opportunità di mettere un freno a Google quando la società aveva ancora concorrenti validi.

Su richiesta di Politico, William Kovacic, un ex presidente dell’Ftc, ha esaminato i documenti del 2012 e ha affermato che rivelano che i commissari dell’agenzia hanno ignorato ciò che molti esperti e regolatori considererebbero chiare violazioni dell’antitrust.

“Ho sempre pensato che il promemoria dello staff non fosse così specifico, diretto e chiaro sul percorso da intraprendere. C’è molto del caso [attuale] del Dipartimento di Giustizia dentro. È davvero mozzafiato “, ha dichiarato Kovacic, che era alla Ftc quando ha votato per l’apertura dell’indagine su Google nel 2011.

LA NOTA DEI LEGALI DELLA FTC DATATA 2012

In una nota dell’ottobre 2012, 18 avvocati e paralegali della Ftc hanno riferito ai commissari che Google controllava il 97% del mercato globale per la ricerca mobile e che i suoi contratti con i fornitori di telefonia lo rendevano il motore di ricerca predefinito sull’86% degli smartphone statunitensi.

COSA STABILISCE LA LEGGE ANTITRUST DEGLI STATI UNITI

La legge antitrust degli Stati Uniti non definisce quale quota di mercato rende un’azienda un monopolio.

Ma diversi tribunali hanno fissato il 70% come soglia. In base a tale misura, entrambe le stime del personale della Ftc qualificherebbero Google come monopolista sui dispositivi mobili.

I CONTRATTI SIGLATI DA GOOGLE PER IMPOSTARE IL SUO MOTORE DI RICERCA COME PREDEFINITO SUGLI SMARTPHONE

Al centro della raccomandazione dei legali della Ftc a intentare una causa contro Google, i contratti che hanno reso Google il motore di ricerca predefinito su quasi tutti gli smartphone statunitensi, dando all’azienda un grande vantaggio proprio quando gli americani stavano iniziando ad affollare gli smartphone.

COME GOOGLE POTREBBE “POSSEDERE IL MERCATO STATUNITENSE”

Tra le rivelazioni nei documenti visionati da Politico — che la Ftc non ha mai reso pubbliche — l’affermazione di un alto dirigente di Google. In un’e-mail al ceo, il manager spiegava che Google potrebbe “possedere il mercato statunitense” con i suoi contratti esclusivi con i principali produttori di telefoni e vettori.

Questi contratti hanno reso Google il motore di ricerca predefinito sull’86% degli smartphone statunitensi.

I CONTRATTI CON APPLE, VERIZON, SPRINT, T-MOBILE E AT&T

Come ricorda Politico infatti, in un contratto del 2005, Google ha accettato di pagare ad Apple la metà delle entrate guadagnate dagli annunci della rete di ricerca per dispositivi mobili per cinque anni in cambio dell’impostazione predefinita del motore di ricerca Google sugli iPhone.

Google ha firmato contratti simili con AT&T, T-Mobile, Sprint e Verizon per pagare loro tra il 15% e il 40% di tali entrate.

Nel tempo Google ha cercato di modificare i contratti riducendo la loro quota di entrate. Il contratto Apple, ad esempio, è passato da un pagamento del 50% delle entrate pubblicitarie da parte di Google per i primi cinque anni al 40% in seguito. Con Sprint, Google ha prima dato all’azienda il 40%, poi l’ha ridotto al 32%.

PERCHÉ NON CI FU UNA SONDA SU GOOGLE ALL’EPOCA

Secondo gli avvocati antitrust della Ftc Google stava violando la legge “bandendo potenziali concorrenti” dai telefoni cellulari.

Proprio per questo hanno raccomandato all’agenzia federale di citare in giudizio Google e cercare una soluzione che richiedesse modifiche ai contratti citati.

Tuttavia, gli economisti dell’agenzia hanno espresso il parere opposto, sconsigliando un’azione legale dal momento il mobile controllava solo una piccola quota del mercato.

Come ha spiegato Politico, gli esperti antitrust fanno solo raccomandazioni alla Ftc. La decisione su quale azione intraprendere spetta ai cinque commissari della Ftc, incaricati dal presidente degli Stati Uniti che operano indipendentemente dal ramo esecutivo.

Dunque gli economisti della Ftc, i cui argomenti hanno indotto i commissari a non fare causa, hanno sostenuto in una nota dell’agosto 2012 che solo l’8% delle ricerche su Internet proveniva da telefoni in quel momento e che i consumatori potevano facilmente cambiare il motore di ricerca predefinito dei loro telefoni.

L’INDAGINE DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA

Eppure, 10 anni dopo, i rilievi dei legali della Ftc del 2012 risultano validi per il Dipartimento di Giustizia americano.

Nella sua causa antitrust contro Google avviato lo scorso ottobre, il Dipartimento di Giustizia ha rivelato che la società paga fino a 12 miliardi di dollari all’anno solo ad Apple per mantenere il suo motore di ricerca come predefinito su iPhone, iPad e browser Safari.

“La Google di oggi è un monopolio, una delle più ricche aziende al mondo con un valore di mercato di 1.000 miliardi di dollari e ricevi annuali che superano i 160 miliardi. Per molti anni — afferma il Dipartimento di Giustizia nella documentazione depositata in tribunale — Google ha usato tattiche anticoncorrenziali per mantenere ed estendere i suoi monopoli sui mercati dei servizi per le ricerche online, della ricerca pubblicitaria”.

Le disposizioni chiave dei contratti di licenza Android richiedono che i produttori precarichino le app Google sui propri dispositivi e rendano Google il motore di ricerca predefinito. In molti casi, è complicato e complicato per i consumatori capire come passare a un diverso motore di ricerca predefinito e il più delle volte non lo fanno.

Come aveva sottolineato Axios, adesso i pubblici ministeri dovranno dimostrare che Google detiene non solo un monopolio, ma un monopolio dannoso in un mercato chiaramente definito.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore