Innovazione

Perché Bruxelles sbuffa contro Francia e Ungheria (che snobbano Apple-Google per l’app anti Covid)

di

apple google app anti covid
© Techcrunch

Che cosa succede in Europa sulle app anti Covid. L’approfondimento del Financial Times

L’applicazione francese Covid-19 per la ricerca di contatti non sarà inclusa in uno sforzo coordinato dell’UE di condivisione di informazioni transfrontaliere dopo che Parigi ha snobbato uno standard creato da Apple e Google che è stato ripreso dalla maggior parte degli Stati membri europei – scrive il FT.

COSA HA FATTO LA COMMISSIONE EUROPEA

Nel tentativo di garantire che le app dei paesi possano accedere alle informazioni sui casi di coronavirus in tutto il blocco, il mese scorso la Commissione Europea ha concordato un accordo con le aziende tedesche SAP e T-Systems, una consociata di Deutsche Telekom, per sviluppare un sistema “gateway” che permetterà alle app nazionali di tracciamento di essere interoperabili a livello transfrontaliero.

Ma il software è stato progettato solo per le app che utilizzano le tecnologie offerte da Google e Apple, escludendo Francia e Ungheria, i due stati membri dell’UE che hanno optato per un approccio tecnologico alternativo noto come “modello centralizzato”.

Questo approccio offre alle autorità sanitarie nazionali un maggiore margine di manovra e accesso ai dati ed è stato elogiato dagli esperti sanitari, ma ha suscitato preoccupazioni tra i sostenitori della privacy e alcuni esperti di tecnologia.

LA QUESTIONE FRANCESE

Sebbene l’adozione sia stata finora lenta, le applicazioni per la ricerca di contatti potrebbero svolgere un ruolo importante nel tracciamento delle infezioni oltre confine, dato che i viaggi riprendono nei mesi estivi e i casi di Covid-19 aumentano in tutta Europa. L’esclusione della Francia è problematica in quanto è tra i paesi più visitati al mondo e ha un settore turistico di grandi dimensioni. Le infezioni da Covid-19 sono aumentate nel Paese nell’ultimo mese e, secondo i dati del governo, negli ultimi sette giorni sono state in media di circa 1.200 al giorno.

Johannes Bahrke, portavoce della Commissione Europea, ha dichiarato che il gateway dovrebbe essere completato da SAP e T-Systems “entro otto settimane”.

Un funzionario dell’UE ha detto che non è “impossibile” che la Francia possa essere inclusa nell’esercizio di coordinamento di Bruxelles, ma le difficoltà tecniche hanno fatto sì che “non possa essere sviluppata da un giorno all’altro”.

IL PUNTO SULLE APP ANTI COVID IN EUROPA

Allo stato attuale, 18 dei 27 Stati membri dell’UE si sono impegnati a sviluppare applicazioni che utilizzano l’approccio “peer-to-peer” di Google e Apple, in cui le informazioni su chi è in contatto con una persona sono memorizzate su smartphone piuttosto che su un server centrale. Nove Paesi – tra cui Germania, Italia, Polonia e Danimarca – hanno già lanciato le loro app.

Il previsto “gateway” di Bruxelles è stato progettato per garantire che le app degli Stati membri possano condividere le informazioni sulle persone che sono risultate positive e che si recano in altre parti del blocco. Funzionerà collegando le app nazionali a un server in Lussemburgo che distribuirà i dati resi anonimi agli Stati membri interessati.

COSA DICE LA FRANCIA

L’applicazione francese “StopCovid” è stata lanciata a giugno e funziona utilizzando il Bluetooth per registrare i contatti quando le persone stanno a meno di un metro l’una dall’altra per 15 minuti o più. Se l’app registra un caso Covid-19 positivo, alle persone che sono state in contatto con la persona anonima viene inviato un avviso.

Cédric O, ministro francese dell’economia digitale, ha riconosciuto che la condivisione di informazioni con le app basate su Google-Apple sarebbe difficile. Ma la Francia ha difeso la sua scelta tecnologica come migliore per la sua lotta contro il virus e come chiave della sua sovranità nazionale.

“Non rimpiangiamo la nostra scelta di optare per un modello centralizzato”, ha detto un funzionario francese, aggiungendo che il Paese è rimasto aperto a lavorare con l’UE su soluzioni alternative.

“Siamo preoccupati per la dipendenza dell’Europa dai sistemi tecnologici degli Stati Uniti”.

(Estratto dalla rassegna estera di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati