skip to Main Content

Faro dell’antitrust inglese sulla fusione Microsoft-Activision Blizzard

Microsoft Activision

L’Antitrust del Regno Unito ha aperto un’indagine sull’acquisizione di Activision Blizzard da 68,7 miliardi di dollari di Microsoft annunciata a inizio anno

Non così veloce la fusione Microsoft-Activision Blizzard (il gigante dei videogiochi).

Mercoledì il regolatore della concorrenza del Regno Unito ha annunciato l’avvio di un’indagine antitrust sulla proposta di acquisizione da parte di Microsoft del colosso dei videogiochi Activision Blizzard.

Lo scorso gennaio la società fondata da Bill Gates ha annunciato l’acquisizione da 68,7 miliardi di dollari di Activision Blizzard. Quest’ultima è autrice di famose serie di videogiochi come Warcraft, Diablo, Call of Duty e Candy Crush. Una volta conclusa la transazione, il colosso di Redmond diventerebbe la terza maggiore società di videogiochi al mondo per fatturato, dietro a Tencent e Sony.

L’indagine si concentrerà sul fatto che l’accordo possa ridurre sostanzialmente la concorrenza o creare aspettative che potrebbe.

L’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (Cma) ha fissato una scadenza per il 1 settembre per la sua decisione finale. Le consultazioni con le terze parti si concluderanno il 20 luglio.

Come ricorda la Cnbc, le autorità antitrust di tutto il mondo si stanno attrezzando per rivedere l’accordo Activision-Microsoft. Negli Stati Uniti, la presidente della Federal Trade Commission (Ftc) Lina Khan ha affermato che l’agenzia — che si occupa di far rispettare le leggi antitrust — sta esaminando la transazione, così come l’authority australiana.

Tutti i dettagli.

L’INDAGINE DELL’ANTITRUST BRITANNICO

In una dichiarazione, la Cma del Regno Unito ha affermato che la sua indagine valuterà se l’accordo possa danneggiare la concorrenza, “ad esempio, attraverso prezzi più alti, qualità inferiore o scelta ridotta”.

LA POSIZIONE DI MICROSOFT

Non è rimasta sorpresa Microsoft. La società ha precedentemente affermato che si aspetta che i funzionari dell’antitrust esaminino l’accordo.
“Siamo stati chiari su come intendiamo gestire la nostra attività di gioco e perché riteniamo che l’accordo andrà a vantaggio di giocatori, sviluppatori e industria” ha affermato in una dichiarazione Lisa Tanzi, vicepresidente aziendale e consigliere generale di Microsoft.
“Ci impegniamo a rispondere alle domande delle autorità di regolamentazione e, in definitiva, riteniamo che una revisione approfondita aiuterà l’accordo a chiudere con ampia fiducia e che sarà positivo per la concorrenza”, ha aggiunto Tanzi. “Rimaniamo fiduciosi che l’accordo si concluderà nell’anno fiscale 2023 come inizialmente previsto”.

L’OPERAZIONE

Quella di Activision è la maggiore acquisizione nella storia di Microsoft. L’enorme accordo per Activision arriva quasi un anno dopo che Microsoft ha acquisito Bethesda (ZeniMax Media) per 7,5 miliardi di dollari.  Nel 2014, Microsoft aveva acquistato Mojang, produttore di “Minecraft”, con un accordo da 2,5 miliardi di dollari.

Non solo. Secondo i dati Refinitiv, l’accordo Microsoft-Activision sarebbe la più grande acquisizione di tutti i contanti mai registrata.

I PIANI DI MICROSOFT CON BLIZZARD

Se approvata, l’acquisizione avrebbe enormi implicazioni per l’industria dei videogiochi da 190 miliardi di dollari. Il controllo di franchise del calibro di Call of Duty, Candy Crush e Warcraft passerebbe a una delle più grandi società tecnologiche del mondo.

Microsoft prevede di aggiungere molti dei giochi di Activision a Xbox Game Pass una volta concluso l’accordo.

La libreria di giochi Activision come Warcraft, Diablo, Overwatch, Call of Duty e Candy Crush offre anche alla piattaforma di gioco Xbox di Microsoft un vantaggio rispetto alla PlayStation di Sony, che da anni gode di un flusso più costante di giochi esclusivi, sottolinea Reuters.

FRENO ALLE BIG TECH?

“Sebbene sia ancora all’inizio, l’indagine è un altro segno dell’ambizione del Regno Unito di diventare un attore globale nella corsa per tenere a freno la Big Tech” commenta la Cnbc.

Sempre ieri, la Cma ha dichiarato che stava indagando su Amazon sull’utilizzo dei dati da parte di venditori di terze parti da parte del gigante dell’e-commerce. In particolare, il regolatore inglese indagherà il modo in cui Amazon raccoglie e utilizza i dati di venditori di terze parti e come stabilisce i criteri di idoneità per la vendita con l’etichetta Prime.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore