Innovazione

Tutti i ritardi dell’Europa nella rivoluzione digitale

di

europa digitale

Cosa combina l’Europa nel digitale? Fatti, sbuffi, ritardi e obiettivi (della Francia) secondo il quotidiano Le Monde

Le leve per dare piena potenza alla “tecnologia” europea sono identificate. Il Vecchio Continente, scrive Le Monde, sta lavorando per attivarle per recuperare il suo ritardo.

«Gli americani hanno i GAFA [Google, Amazon, Facebook, Apple], i cinesi hanno i BATX [Baidu, Alibaba, Tencent, Xiaomi] e gli europei hanno il RGPD. » L’ammissione di debolezza è firmata da Emmanuel Macron, in un’intervista diffusa sul sito del fondo Atomico, martedì 8 dicembre, in occasione della pubblicazione del rapporto «Lo stato della tecnologia in Europa». Non essendo riuscito a far emergere giganti del digitale, il Vecchio Continente è ridotto a creare regolamentazioni difensive, come il Regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD), per evitare di essere ridotto ad una colonia digitale.

Nello spirito del presidente della Repubblica, si tratta ormai, per l’Europa, di camminare sulle sue due gambe: dotarsi di tutti gli strumenti giuridici per contrastare questi nuovi padroni del mondo, ma anche scommettere sull’emergere di leader europei capaci di competere alla pari con i loro concorrenti cinesi e americani.

Il passo è lungo. Poco più del 10% degli unicorni – queste start-up valutate a più di 1 miliardo di dollari (826 milioni di euro) – sul pianeta sono europei, secondo il censimento effettuato dalla società CB Insights. Un’altra cifra simbolica: con una capitalizzazione di mercato di 2.100 miliardi di dollari, la sola Apple pesa quanto tutte le società del CAC 40.

Con un potere così sorprendente, il marchio della mela – come altri giganti della tecnologia – ha i mezzi per acquistare qualsiasi azienda che cerchi di competere con essa. “Non possiamo vincere cercando di copiare Google o Amazon”, dice Bernard Gainnier, presidente della società PwC per la Francia e il Nord Africa.

IL DISTACCO ALL’INIZIO DEGLI ANNI 2000

Il ritardo dell’Europa nella battaglia digitale risale ai primi anni 2000, quando Internet si è diffuso. “E’ stato allora che abbiamo perso il terreno. Non siamo riusciti a tenere il passo”, dice Gainnier. I semi di questo declino sono più antichi, spiega Paul-François Fournier, direttore esecutivo della banca d’investimento pubblico Bpifrance, e risalgono alla formazione, intorno agli anni Cinquanta, della Silicon Valley. Avvicinando centri di ricerca e aziende, creando le condizioni per finanziare nuove aziende con lo sviluppo di capitale di rischio, la California, ben aiutata dagli ordini statali, ha creato l’ambiente che darà vita alle più grandi aziende tecnologiche del mondo. “In sostanza, sono stati gli americani a creare le condizioni e le regole per questo ecosistema digitale. Ci sono voluti quasi cinquant’anni per materializzarsi”, dice Fournier.

Giusto in tempo, in ogni caso, per approfittare dell’arrivo di Internet e della rivoluzione dell’economia digitale. Con un vantaggio, di cui ha beneficiato anche la Cina: quello di avere un mercato di 350 milioni di consumatori, omogeneo, soprattutto dal punto di vista linguistico. Per la prima rivoluzione digitale, che ha visto soprattutto lo sviluppo dei servizi ai consumatori, questo è un vantaggio rispetto al Vecchio Continente.

Perché l’Europa non ha risposto? In parte perché ha preferito concentrarsi sui suoi settori industriali tradizionali. Per Thierry Cruanes e Benoît Dageville, due ricercatori formatisi all’Università Pierre-et-Marie-Curie di Parigi, che, a cavallo degli anni 2000, hanno preferito offrire il loro talento oltreoceano, “creare tecnologia non era apprezzato in Francia all’epoca, era soprattutto considerato un rischio”. Vent’anni dopo, quest’anno, hanno firmato una delle migliori IPO degli Stati Uniti con la loro società Snowflake (data hosting)… Luc Julia, il padre di Siri, assistente vocale della Apple, aveva fatto la stessa osservazione quando andò in esilio a metà degli anni Novanta. “Deluso dal CNRS”, ha scoperto, in California, “che un laboratorio può essere anche un’attività che può toccare molte persone”, ma anche “uno spirito di collaborazione, di emulazione, di persone che vogliono fare cose incredibili”.

«POSIZIONI SCHIACCIANTI» DEGLI AMERICANI E DEGLI ASIATICI

Nel giro di pochi anni, i paesi europei hanno accumulato un ritardo rispetto ai loro concorrenti asiatici e americani, che riescono ad assumere “posizioni schiaccianti”. “Siamo rimasti sui modelli tradizionali”, osserva Bernard Gainnier. All’epoca l’innovazione era ancora essenzialmente nelle mani di grandi gruppi. E per le start-up che hanno cercato di emergere, il contesto non è stato favorevole, come ha ammesso il 2 dicembre la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen: “Per anni, le nostre aziende digitali hanno affrontato molti più ostacoli rispetto ai loro concorrenti in altre parti del mondo (…): lacune nelle infrastrutture e nelle competenze digitali (…), minore capacità di investimento (…), complessità normativa e barriere burocratiche quando cercano di attraversare i confini nazionali.”

A questa osservazione si è aggiunto Pascal Lamy, ex direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio e presidente del Forum della pace di Parigi, che ancora oggi deplora “un problema di rapporto con il rischio, una cultura e un ecosistema meno favorevole all’innovazione rispetto ai principali concorrenti”.

Dobbiamo aspettare fino al 2010 per vedere il Vecchio Continente sviluppare politiche pubbliche a sostegno delle sue start-up. È il momento in cui Fleur Pellerin, Ministro delegato per l’economia digitale dal 2012 al 2014, ha gettato le basi della tecnologia francese, e anche quando, nel 2014, la Commissione europea ha lanciato il piano Horizon 2020, descritto come “il più grande programma di ricerca e innovazione mai realizzato dall’Unione Europea”, dotato di 80 miliardi di euro.

Alcuni paesi stanno prendendo l’iniziativa, come il Regno Unito – che rimane il leader europeo nella tecnologia digitale – il cui vicinato culturale con gli Stati Uniti ha facilitato l’adozione degli usi della Silicon Valley. O i paesi nordici, che si sono presto resi conto che a causa del loro piccolo mercato interno, dovevano pensare più in grande. Il risultato è stato quello di giganti come lo svedese Spotify, oggi valutato 62 miliardi di euro.

OPPORTUNITÀ PER L’EUROPA

Un raro esempio di successo globale per un’azienda digitale europea, ma che sempre più aziende in tutto il continente sembrano essere in grado di emulare. Il rapporto su “Lo stato della tecnologia in Europa” rivela che la raccolta di fondi non è mai stata così importante nel continente, con 41 miliardi di dollari raccolti nel 2020, nonostante la crisi del coronavirus.

Gli ostacoli che impediscono di dare alla tecnologia europea il suo pieno potere sono più o meno identificati: armonizzare le normative in Europa per creare un vero mercato unico digitale, creare le condizioni per una concorrenza leale con gli attori egemoni, rafforzare le fonti di finanziamento – in particolare attraverso la creazione di un mercato azionario attraente per i titoli tecnologici – e darci i mezzi per mantenere i migliori “talenti” in Europa. Gli Stati membri dell’Unione Europea stanno lavorando per raggiungere questo obiettivo.

L’Europa conta soprattutto sulla nuova ondata della rivoluzione digitale per riaffermare il suo potere. Con l’emergere della “deep tech”, spera di ottenere un vantaggio sui suoi rivali, con tecnologie derivanti dalla ricerca fondamentale in settori come l’agricoltura, la salute e l’energia. Questa intuizione sembra essere confermata dalla traiettoria di Ynsect, una start-up specializzata in ingredienti proteici per animali, che quest’anno ha raccolto la cifra record di 372 milioni di euro in Francia.

Paul-François Fournier vuole credere nelle possibilità dell’Europa in questo secondo round: “O guardiamo la foto o guardiamo il film. Nella foto, il fatto che l’Europa si sia in parte lasciata sfuggire la prima rivoluzione digitale è giusto. Ma con la deep tech abbiamo un potenziale, e siamo ben posizionati sulla linea di partenza.”

Come segno che la mentalità è già cambiata, il signor Fournier cita l’esempio di “tre fondatori ventisettenni a cui sono stati offerti 100 milioni di euro per acquistare la loro azienda”. Hanno declinato: “Andiamo avanti, vogliamo fare una grande azienda, vogliamo fare 1 miliardo”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati