Innovazione

Effetto Coronavirus su Facebook, Google e le altre big tech

di

FACEBOOK

Che cosa sta succedendo a Google, Amazon, Facebook e Apple ai tempi del Coronavirus

Colossi sì, ma dai piedi d’argilla. Almeno di fronte al rischio coronavirus SARS-CoV-2. Le Big Four tech companies, vale a dire Google, Amazon, Facebook e Apple (e, a cascata, tutte le altre della Silicon Valley), stanno facendo i conti come qualunque altra azienda del pianeta con le restrizioni sanitarie necessarie a ridurre i contagi. Uffici chiusi, commesse milionarie saltate e conferenze posticipate a data da destinarsi. Un rapido elenco.

FACEBOOK COSTRETTA A CHIUDERE DOPO UN DIPENDENTE CONTAGIATO

L’ultima colpita dal dilagare della SARS-CoV-2 è stata Facebook. Uno dei suoi dipendenti è risultato positivo alla prova del tampone (leggi anche: Tutto su Copan, l’azienda bresciana che rifornisce di tamponi il mondo) è così a Mark Zuckerberg non è restato altro da fare se non decretare la chiusura degli uffici fino a nuovo ordine. Ma il danno più grave a livello economico per il gigante dei social è stato dover cancellare F8, la conferenza annuale degli sviluppatori di Menlo Park, prevista per il 5-6 maggio prossimi a San Francisco, dove erano attesi non meno di 5 mila partecipanti.

TWITTER: LAVORATE DA CASA

Ma Facebook di Mark Zuckerberg è soltanto l’unico ad accodarsi alla necessità di sfruttare lo smart working (del resto, se non sono proprio le big del tech a dare il buon esempio…). Il primo a muoversi in tal senso era stato Jack Dorsey, ceo di Twitter, che in un cinguettio aveva detto: “Ci impegniamo per contribuire ad aumentare la salute collettiva”, invitando i dipendenti a lavorare da casa.

 

GOOGLE COSTRETTA A RINVIARE I/O

L’isteria da coronavirus che gli USA stanno vivendo in queste ore pare essere giunta anche nell’unica vera “piazza” del Web, vale a dire Google. Quest’anno niente I/O, saltata la serie di incontri e conferenze che si tiene ogni anno in primavera a Mountain View (California) durante la quale vengono rivelate al mondo le novità di casa Google, soprattutto in tema Android.

 

E i colloqui di lavoro? Google ha deciso di continuarli, ma in videoconferenza, non via Skype – ovviamente -, ma su Google Hangouts, così evitare l’imbarazzo di una assunzione che non viene certificata dalla proverbiale stretta di mano.

APPLE VIETA VIAGGI IN ITALIA AI DIPENDENTI

Apple è andata oltre, cancellando tutte le trasferte nei Paesi ritenuti a rischio (tra questi anche l’Italia) e invitando i propri dipendenti a evitare viaggi privati nelle medesime destinazioni, per la sicurezza sanitaria di tutti. La Mela aveva già risentito delle ripercussioni economiche del coronavirus sul mercato asiatico, riscontrando a fine anno una sensibile diminuzione della domanda sul mercato cinese. “L’epidemia è una situazione abbastanza dinamica”, che rappresenta “una sfida” aveva detto l’amministratore delegato Tim Cook parlando agli investitori e giustificando una trimestrale sottotono rispetto alle previsioni. “La nostra prima priorità è la salute e la sicurezza dei nostri impiegati e dei nostri partner. Le nostre energie sono concentrate su questo”, aveva poi aggiunto.

SMARTWORKING PER AMAZON E MICROSOFT

Anche Amazon e Microsoft si sono accodate alla decisione di chiudere gli uffici – o comunque lasciarli aperti al minor numero possibile di impiegati – impostando come regola da seguire quella dello smart working e di riunioni trasmesse in streaming. Il gigante di Jeff Bezos è stato costretto a tale scelta dalla contingenza, dopo che uno dei suoi dipendenti è risultato positivo al Covid-19.

CON L’EPIDEMIA NON SI GIOCA

Il Coronavirus ha travolto non solo Facebook, Google e le altre Big della Silicon Valley, ma anche l’intero settore dei videogames. Posticipata a data da destinarsi, infatti, la Game Developers Conference (GDC), il più grande raduno annuale degli sviluppatori di videogiochi professionisti dove si riversano anche centinaia di giornalisti e decine di migliaia di appassionati. Con software house in arrivo dai quattro angoli del globo (Giappone, Europa, India e ovviamente anche dalla Cina) per presentare le loro novità. Se ne riparlerà forse più in là.

Ma, dato che il calendario nel settore è fitto e cadenzato da altre date (subito dopo si tiene l’E3 di Los Angeles, quindi l’appuntamento di Colonia in agosto e poi ancora Londra e Tokyo, per concludere l’anno con la Milan Games Week), difficilmente si farà lo stesso. Un’opportunità persa anche per l’Italia, dato che Mise (Sviluppo Economico) e Ice (Commercio estero), avrebbero dovuto esporre assieme a IIDEA (l’associazione di categoria) il made in Italy del videogioco a San Francisco.

 

Per restare sul tema, gli approfondimenti di Start:

PERCHE’ NON CREDO AL CEPPO ITALIANO DEL CORONAVIRUS, PARLA IL PROF RICCIARDI (OMS)

I VERI RISCHI PER IL SISTEMA SANITARIO CON IL COVID-19

COME PROCEDE IL CORONAVIRUS IN ITALIA. ANALISI

CORONAVIRUS E INFLUENZA, BUGIE E VERITA’. IL POST DI BURIONI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati