skip to Main Content

Ecco come gli Himars americani hanno cacciato i russi da Kherson

Himars

Gli Himars hanno aperto la porta alla liberazione di Kherson da parte dell’Ucraina. Gli ucraini hanno utilizzato il sistema missilistico americano altamente accurato per far saltare ponti, depositi di rifornimenti e quartier generali, contribuendo alla ritirata dei russi. Fatti e approfondimenti

Kiev ha cacciato i russi fuori da Kherson grazie ai lanciarazzi Himars ricevuti dagli Stati Uniti.

La controffensiva ucraina che ha liberato tutto l’oblast di Kherson a nord del Dnipro, compresa la città di Kherson, in realtà non è iniziata due mesi fa, quando le prime brigate ucraine hanno attaccato. No, è iniziato a maggio, quando gli ucraini hanno schierato il primo dei loro 20 nuovi Himars a ruote e altri sistemi di artiglieria di fabbricazione occidentale e hanno iniziato a prendere di mira le linee di rifornimento russe fino a 70 km dietro le linee del fronte, sottolinea Forbes.

“Il merito della vittoria è dovuto all’uso che gli ucraini hanno fatto dei razzi di fabbricazione americana Himars. Non c’è un altro modo più gentile per dirlo. Se i russi hanno consegnato di fatto Kherson ai soldati ucraini e sono filati via è perché la città era diventata intenibile. I razzi hanno tagliato quasi tutte le vie di comunicazione attorno alla città, hanno demolito i ponti che la collegano all’altra sponda, hanno fatto saltare le linee di rifornimento e hanno fatto tutto questo da circa ottanta chilometri di distanza, con un margine di errore di pochi metri all’arrivo” spiega Repubblica.

A settembre, l’Ucraina ha anche annunciato il suo piano per l’acquisto di 18 Himars, prodotti dall’americana Lockheed Martin, oltre ai 20 sistemi che gli Stati Uniti hanno inviato nel paese.

Di recente il Pentagono ha assegnato a Lockheed Martin un accordo del valore di 521 milioni di dollari per ricostituire le scorte statunitensi di sistemi missilistici Himars, forniti all’Ucraina per respingere l’invasione della Russia.

Tutti i dettagli.

TUTTO SU GLI HIMARS

L’Himars è un lanciarazzi mobile sviluppato da Lockheed Martin. Il sistema può colpire bersagli da 80 a oltre 300 km di distanza, a seconda del tipo di razzo con cui è equipaggiato. I razzi che l’amministrazione ha deciso di inviare sono sull’estremità più corta.

Saranno dotati di razzi in grado di estendere la capacità di ingaggio delle forze ucraine a circa 80 chilometri. A circa 80 km generalmente mette Himars fuori dalla portata dell’artiglieria russa, mettendo a rischio le batterie russe. Inoltre, ogni sistema Himars può scagliare sei razzi, che partono nel giro di pochi secondi

Il sistema M142 Himars è una versione su ruote modernizzata, più leggera e più agile dell’M270 Mlrs. Gli Mlrs possono lanciare missili sino a 500 km di distanza. Tuttavia, l’Himars può sparare lo stesso tipo di munizione.

Solo pochi paesi oltre agli Stati Uniti gestiscono il sistema: Giordania, Emirati Arabi Uniti, Singapore e Romania. La Polonia e l’Australia hanno ordinato 20 sistemi Himars negli ultimi anni, ma non hanno ancora ricevuto la consegna, ricorda Politico.

LA CONTROFFENSIVA UCRAINA A KHERSON CON IL “GENERALE HIMARS”

Gli attacchi ucraina attraverso gli Himars sono iniziati a giugno hanno contribuito a superare la situazione di stallo nella regione di Kherson e, a metà luglio, Kyiv ha consigliato ai restanti residenti di Kherson di andarsene, in vista di un’importante operazione per “disoccupare” la città, riassume il Telegraph.

Pochi giorni dopo, il “generale Himars” come è chiamato il lanciarazzi, era di nuovo in azione, aprendo quattro grandi buchi nel ponte Antonivskyi, una delle principali vie di rifornimento sul fiume Dnipro. Alla fine di agosto, il presidente ucraino Volodymr Zelensky ha annunciato che la controffensiva era iniziata sul serio.

Gli ucraini hanno trascorso tre mesi a degradare pazientemente la logistica russa prima di attaccare finalmente a sud e ad est tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. “Gli Himars hanno già costretto i russi ad allontanare le loro basi e i loro depositi dalla linea del fronte per proteggerli, e poi li hanno costretti a ritirarsi” sottolinea Il Foglio.

IL CONTRATTO ASSEGNATO DAL PENTAGONO A LOCKHEED MARTIN

Infine, proprio nei giorni scorsi il Pentagono ha assegnato al colosso della difesa statunitense Lockheed Martin contratti per 520 milioni di euro, per rimpiazzare migliaia di missili di artiglieria inviati in Ucraina dal primo giugno di quest’anno.

In una nota, il dipartimento della Difesa spiega che i contratti, assegnati tra il 21 ottobre e il 2 novembre scorsi, riguardano l’acquisto dei proiettili di artiglieria impiegati dai sistemi Himars, denominati Gimmlers (Gmlrs). “L’assegnazione di questi nuovi contratti dimostra ancora una volta il contributo significativo derivante sul campo dall’impiego dei sistemi Himars da parte delle Forze armate ucraine”, ha commentato William LaPlante, capo della divisione del Pentagono per gli acquisti. Il numero di missili che sarà acquistato non è specificato: tuttavia, considerando che il prezzo medio di un Gmlrs può variare dai 100 ai 130 mila dollari, si può presumere che i contratti assegnati consentiranno di rimpiazzare circa quattromila missili.

Il mese scorso, Lockheed Martin ha annunciato l’intenzione di aumentare la produzione di Himars e Gmlrs di quasi il 60%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore