Innovazione

Cyber security: PMI sicure? No, poco digitali

di

Cyber Security

In tema di digitalizzazione l’Italia resta drammaticamente indietro. E per questo in tema di cyber security possono stare tranquille

Le Pmi Italiane sono poco digitalizzate. E per questo in tema di cyber security possono star tranquille. Il settore industriale del Bel Paese è investito marginalmente dalla trasformazione digitale ed è per questo che non è ancora sotto scacco delle minacce informatiche che ogni giorno provano a contaminarlo. È stato questo il tema centrale del convegno “Cyber Security: tecnologie, innovazione e infrastrutture”, tenutosi presso l’auditorium milanese Gio Ponti di Assolombarda.

Sono poche le aziende italiane pienamente coinvolte e interessate dal processo di digitalizzazione. E in un contesto globale in cui tutti i settori stanno sperimentando una digitalizzazione dirompente nei prodotti e nei servizi, l’Italia resta ancora drammaticamente indietro. É per questo che siamo al riparo da attacchi informatici che altrove sono già concreti.

Italia Bocciata dal Desi

Il Digitale in Italia non decolla. E a dirlo è anche il DESI (Digital Economy and Society Index 2016), l’indice sviluppato dalla Commissione Europea che misura il grado di diffusione del digitale nei paesi Ue, basato su cinque indicatori: connettività, capitale umano, uso di Internet, integrazione di tecnologie digitali e servizi pubblici digitali. Nella classifica, il nostro Paese si piazza solo al 25esimo posto (su 28), perdendo una posizione rispetto al 2014, con uno score di 0,42, rispetto alla media Ue a 28 di 0,52. Tra i migliori a livello europeo, invece, la Danimarca, i Paesi Bassi, la Svezia e la Finlandia.

Cyber Security

Una politica efficace di cyber security può aiutare la digitalizzazione?

Serve un cambiamento di rotta e parlare di cyber security, si spera, possa aiutare le Pmi. “Realizzare una politica efficace di cyber security significa aiutare le imprese a compiere quel processo di cambiamento culturale legato alla trasformazione digitale, tutelando gli asset strategici aziendali”, ha dichiarato Alvise Biffi, Presidente della Piccola Industria di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e Vicepresidente con delega ai Servizi alle imprese.

Il digitale, per quanto ancora poco diffuso, ‘sta ridisegnando il modo di lavorare nelle imprese, a cominciare dai processi produttivi, dalla cultura organizzativa e dai tempi e gli spazi di comunicazione – ha proseguito Alvise Biffi –. Una rivoluzione che se, da un lato, ha favorito le relazioni tra persone, aziende e istituzioni per finalità sociali, economiche e finanziarie, dall’altra ha creato nuovi spazi per attività criminali. In questo scenario Assolombarda per far fronte ai bisogni delle aziende ha creato nuovi servizi per le imprese nell’ambito, per esempio, del digitale e del trasferimento tecnologico; della sicurezza informatica; dell’Industry 4.0; della ricerca e dell’innovazione”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati