skip to Main Content

Come funzionerà il Bulletin di Facebook

Facebook Bulletin

Facebook svela ‘Bulletin’, un servizio di newsletter in abbonamento. Tutti i dettagli

Facebook ha inaugurato un servizio di newsletter in abbonamento martedì, un tentativo di attirare scrittori influenti sulla sua piattaforma, dato che più creatori si allontanano dalle pubblicazioni tradizionali e diventano indipendenti.

Per avviare il servizio, chiamato Bulletin, Facebook ha trascorso mesi reclutando decine di scrittori in diverse categorie – tra cui sport, intrattenimento, scienza e salute – pagandoli in anticipo per portare i loro lettori sulla piattaforma di Facebook. Gli scrittori includono lo scrittore del New Yorker Malcolm Gladwell, l’autore Mitch Albom, e lo psicologo organizzativo Adam Grant. Facebook prevede di espandere il programma e di collaborare con più scrittori nel tempo, compresi quelli che si concentrano sulle notizie locali – scrive il NYT.

“L’obiettivo è quello di sostenere milioni di persone che fanno un lavoro creativo”, ha detto Mark Zuckerberg, l’amministratore delegato di Facebook, in una conferenza telefonica con i giornalisti. “Sempre più scrittori indipendenti stanno scoprendo modi per usare la loro voce e fare soldi attraverso altre vie, simili a quelle che stiamo introducendo qui”.

Coloro che fanno parte del Bulletin possono condividere i loro scritti via e-mail agli abbonati, utilizzando la vasta portata della piattaforma di Facebook per costruire il loro seguito personale. Zuckerberg ha detto che vuole anche che Bulletin sia un posto per i giornalisti per promuovere i loro podcast e progetti audio, idealmente utilizzando gli strumenti audio recentemente introdotti da Facebook.

Il nuovo servizio è parte di un revival delle newsletter in tutta l’industria dei media. Anche se le newsletter non sono nuove, la recente crescita di start-up focalizzate sulla newsletter come Substack e Revue ha rinnovato l’interesse nella forma. Gli editori tradizionali come il Washington Post, il Wall Street Journal e il New York Times stanno anche sperimentando prodotti di newsletter per attrarre e mantenere i lettori.
Zuckerberg ha detto da tempo che Facebook è per “dare a tutti una voce”, e ha osservato da vicino l’ascesa dei nuovi arrivati come Substack, che dà agli individui gli strumenti e le infrastrutture di pagamento per costruire e far crescere il proprio seguito attraverso newsletter via e-mail.

Dopo aver monitorato la crescita e i progressi di Substack, Zuckerberg ha ordinato ai luogotenenti di cercare di costruire un prodotto concorrente all’inizio di quest’anno, ha riferito il Times. Anche Twitter vede opportunità nelle newsletter e ha comprato Revue a gennaio.
Facebook sta corteggiando gli scrittori non prendendo un taglio di qualsiasi quota di sottoscrizione al lancio. Substack prende il 10 per cento e Revue il 5 per cento. Facebook non ha detto quando o cosa farà pagare i creatori in futuro.

Gli articoli del bollettino e i podcast saranno inizialmente disponibili sulle pagine di pubblicazione dei singoli creatori, attraverso il News Feed di Facebook e all’interno della sezione News tab di Facebook.
Facebook ha una storia traballante di notizie e partnership giornalistiche. Nel 2016, il social network aveva stretto una serie di accordi sui contenuti che pagavano le società di informazione – tra cui il Times – per trasmettere video in diretta su Facebook, ma poi ha fatto marcia indietro sull’iniziativa.

Facebook ha anche precedentemente fatto delle proposte agli editori per produrre spettacoli video per il suo sito. Ha ridimensionato anche questo sforzo, lasciando alcune organizzazioni di media che si erano impegnate nello sforzo in gravi difficoltà. Mic, una start-up di media una volta sfavillante, ha chiuso dopo aver scommesso alla grande su spettacoli video finanziati da Facebook.

Per placare le preoccupazioni e attirare nuovi talenti,Zuckerberg ha detto che gli scrittori saranno proprietari dei loro contenuti e liste di abbonati e-mail, permettendo loro di scegliere e andare su altre piattaforme se lo desiderano.

“I migliori creatori stanno andando alle piattaforme che danno loro i migliori strumenti che li aiutano a costruire i migliori business, e in definitiva che danno loro la maggior libertà”, ha detto.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore