skip to Main Content

Come la Cina castiga Apple per l’App Store

Cina Apple

La Corte suprema della Cina si è espressa a favore di un consumatore locale contro Apple e il suo App Store. L’analisi di Giuseppe Gagliano

 

La Corte Suprema cinese ha emesso una sentenza civile a favore di un consumatore contro la consociata cinese di Apple, in una causa legale che secondo gli avvocati potrebbe aprire le porte a più consumatori nel paese per presentare denunce simili contro il produttore di iPhone nei tribunali locali.

La Corte Suprema del Popolo in Cina ha stabilito che una causa intentata da un consumatore cinese contro la consociata cinese di Apple per motivi antitrust potrebbe procedere in un tribunale di Shanghai, respingendo l’appello di Apple secondo cui la sua entità cinese, che distribuisce principalmente i prodotti di Apple in Cina, non dovrebbe essere citato in giudizio per problemi relativi alle operazioni dell’App Store.

Il caso coinvolge Jin Xin, che chiede ad Apple di smettere di addebitare il 30% di commissione sugli acquisti nell’App Store cinese e di consentire ai consumatori cinesi di effettuare pagamenti tramite portafogli diversi da Apple Pay, di fornire 100.000 yuan (15.500 dollari) a titolo di risarcimento e presentare pubbliche scuse. Il tribunale per la proprietà intellettuale di Shanghai deve ancora pronunciarsi sulla necessità di soddisfare le richieste della persona.

Ma la decisione della corte suprema cinese di consentire l’esame della causa da parte del tribunale di Shanghai potrebbe segnalare ulteriori problemi in vista per Apple in Cina, che ora rappresenta un quinto delle sue vendite di iPhone. Jin ha intentato una causa contro Apple Computer Trading Shanghai Co a febbraio dopo aver deciso che Apple stava potenzialmente abusando del suo dominio sul mercato addebitando “una tassa Apple” sulle app ed escludeva altri servizi di pagamento come Alipay e WeChat Pay, entrambi ampiamente usati in Cina. Per molti anni Apple ha preso una commissione del 30% per tutti gli acquisti in-app scaricati dal suo App Store. In risposta al crescente controllo globale negli ultimi mesi, quest’anno ha abbassato la commissione al 15% per gli sviluppatori che producono meno di 1 milione di dollari di entrate annuali dalle loro app . A giugno, Apple ha annunciato che l’ecosistema dell’App Store ha prodotto 643 miliardi di dollari di fatturato e vendite nel 2020. La Cina ha rappresentato il 47% mentre gli Stati Uniti hanno rappresentato il 27%.

Anche se Apple si sente orgogliosa di avere un ecosistema chiuso e sicuro, la pressione legale da parte di consumatori e concorrenti sta ora portando a crepe nel “giardino recintato” di Apple. Ad agosto, il parlamento della Corea del Sud ha approvato un disegno di legge che vieta agli operatori di app store, tra cui Apple e Google, di costringere gli sviluppatori di software a utilizzare i loro sistemi di pagamento, vietando loro di addebitare commissioni sugli acquisti in-app. Il mese scorso, un caso epocale tra Apple ed Epic Games negli Stati Uniti, riguardante questioni simili legate alla commissione della piattaforma di Apple e al sistema di pagamento chiuso, si è concluso con Apple ritenuta impegnata in una condotta anticoncorrenziale. Tuttavia, il gigante della tecnologia è stato autorizzato a mantenere il suo sistema di pagamento.

Nella sua sentenza pubblicata lunedì scorso, la corte suprema cinese ha affermato che Apple aveva potenzialmente abusato della sua posizione di mercato e minato la concorrenza.

Difficile non pensare che dietro questa vicenda di natura squisitamente giuridica si nasconde in realtà una guerra economica tra Cina e Stati Uniti che utilizza armi come il diritto ,armi analoghe a quelle che utilizzano in Stati Uniti contro la Cina nel campo tecnologico nei confronti di Huawei.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore