Innovazione

Chi sono i fondi arabi che finanziano Telegram

di

Telegram

Telegram ha raccolto da investitori esteri un miliardo di dollari emettendo in obbligazioni, comprate anche da Mubadala e Abu Dhabi Catalyst Partners

 

Il servizio di messaggistica crittografata Telegram ha emesso più di 1 miliardo di dollari in obbligazioni necessarie per finanziare la sua crescita.

L’annuncio arriva dal suo co-fondatore russo Pavel Dourov, sul proprio canale Telegram.

Il round di finanziamento includeva un investimento combinato di 150 milioni di dollari da parte di Mubadala Investment Co e Abu Dhabi Catalyst Partners. Quest’ultimo è in parte di proprietà del fondo statale di Abu Dhabi.

Sebbene la società non abbia fornito dettagli sugli altri investitori, Durov ha affermato di includere “alcuni dei più grandi e informati investitori di tutto il mondo”.

Il Fondo russo per gli investimenti diretti ha dichiarato martedì di essersi unito a Mubadala nell’acquisto di obbligazioni convertibili di Telegram, ma l’app di messaggistica ha negato che l’entità controllata dal Cremlino fosse un investitore, riporta Bloomberg. I regolatori russi hanno tentato di bloccare il servizio di messaggistica nel 2018 quando si è rifiutato di fornire alle forze dell’ordine chiavi di crittografia per leggere i messaggi.

Telegram, insieme all’app di messaggistica Signal, ha visto un aumento degli utenti quest’anno tra i problemi di privacy con WhatsApp più grande rivale di proprietà di Facebook. Attualmente il servizio di messaggistica ha 500 milioni di utenti attivi mensilmente ma ancora non monetizza.

Tutti i dettagli.

TELEGRAM EMETTE OBBLIGAZIONI

Ieri Telegram ha annunciato di aver raccolto oltre 1 miliardo di dollari emettendo obbligazioni.

IL FINANZIAMENTO DI MUBADALA E ABU DHABI CP

Mubadala e Abu Dhabi Catalyst Partners hanno annunciato ciascuno di aver effettuato un investimento di 75 milioni di dollari in obbligazioni convertibili pre-iniziali di offerta pubblica su Telegram,

E APRE AD ABU DHABI

Secondo Reuters Telegram aprirà un ufficio ad Abu Dhabi a seguito dell’investimento, rafforzando la sua presenza regionale da una base di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

PER FINANZIARE LA CRESCITA

“Questo permetterà a Telegram di continuare a crescere a livello globale pur rimanendo fedele ai suoi valori e restando indipendente”, ha scritto Durov.

È stata fondata nel 2013 dai fratelli Pavel e Nikolai Durov, che hanno anche fondato la rete di social media russa VKontakte.

“Queste risorse accelereranno le strategie di monetizzazione che ho delineato a dicembre”, ha aggiunto Durov, riferendosi a un post in cui annunciava che la società aveva raggiunto, con i primi 500 milioni di utenti, dimensioni tali da necessitare nuovi fondi per diventare sostenibile e cominciare a macinare ricavi.

DOPO IL TENTATIVO FALLITO DI GRAM

In realtà, la società di Durov è stata costretta a raccogliere fondi anche per rimborsare gli investitori. Il tentativo di Ico per la sua criptovaluta Gram è fallito infatti a causa di un divieto imposto dalla Securities & Exchange Commission.

OBIETTIVO MONETIZZAZIONE PER TELEGRAM

“Come ho detto quando ho lanciato Telegram quasi 8 anni fa, l’obiettivo finale per Telegram è diventare un progetto finanziariamente sostenibile, che possa servire l’umanità per decenni, o secoli.
La notizia di oggi è un altro passo verso questo obiettivo”, ha concluso Durov nel suo post.

SENZA PUBBLICITÀ

La piattaforma ha anche rifiutato l’idea di utilizzare i dati degli utenti per indirizzare gli annunci, una mossa che minerebbe le forti promesse sulla privacy che Telegram fa ripetutamente agli utenti per mettere distanza tra la sua app e i servizi concorrenti.

IMITANDO CLUBHOUSE

Infine, a inizio settimana Telegram ha introdotto una nuova funzionalità chiamata Voice Chat 2.0 all’interno della sua app per Android. Si tratta della possibilità di aprire e partecipare a conversazioni audio, proprio come accade su Clubhouse, social network del momento.

Le chat audio di Telegram però di discostano dalla concorrenza per un paio di elementi unici: ad esempio, i partecipanti possono decidere di restare “anonimi”, scegliendo di farsi elencare semplicemente tra gli ascoltatori, senza rivelare il loro vero nome o nickname. Inoltre, gli amministratori di una room hanno facoltà di registrare tutto o parte dell’evento audio, per ripubblicarlo in un secondo momento.

Articoli correlati