Innovazione

Che cosa è successo ai conti di Huawei dopo le trumpate

di

huawei italia francia nokia ericsson

Le sanzioni statunitensi e le ricadute economiche della pandemia Covid-19 pesano sui conti 2020 di Huawei. Ecco come e quanto (anche se vendite e utili crescono)

 

Le sanzioni statunitensi e le ricadute economiche della pandemia Covid-19 pesano sui conti di Huawei.

Huawei ha chiuso il 2020 con ricavi annui in rialzo del 3,8%, a 891,4 miliardi di yuan (circa 136,7 miliardi di dollari), in rallentamento rispetto a oltre il 19% di crescita registrato nel 2019, scontando le pesanti sanzioni imposte dagli Usa sulla vendita della componentistica hi-tech.

I profitti netti, ha riferito il colosso di Shenzhen in una conferenza stampa trasmessa in streaming, si sono attestati a 64,6 miliardi di yuan (quasi 10 miliardi di dollari), con una crescita annua del 3,2%, in calo rispetto alla crescita del 5,6% dell’anno precedente.

Huawei sta uscendo dal suo anno più duro mai registrato — scrive Bloomberg —, quando le sanzioni dell’amministrazione Trump hanno soffocato il suo business di smartphone un tempo leader e ostacolato i progressi nella produzione di chip e nelle reti 5G.

Tutti i dettagli.

LE VENDITE SALGONO

Il primo marchio tecnologico globale della Cina ha riferito che le vendite sono aumentate del 3,8% rispetto al 2019 a 891,4 miliardi di yuan (135,8 miliardi di dollari).

CRESCITA IN CALO

Tuttavia, la crescita di Huawei è in calo rispetto alla crescita del 19,1% dell’anno precedente.

BENE NEL MERCATO CINESE…

La crescita di Huawei è stata trainata dal mercato interno. Le vendite in Cina sono state pari a 584,9 miliardi di yuan ($ 89,7 miliardi), in crescita del 15,4% su base annua e rappresentano oltre il 65% delle entrate totali.

Ma la Cina è stata l’unica regione in cui opera Huawei che ha registrato una crescita dei ricavi positiva.

… MA RICAVI IN CALO OVUNQUE

La sua attività è diminuita infatti ovunque, con ricavi in ​​calo del 12,2% a 180,8 miliardi di yuan in Europa, Medio Oriente e Africa, in calo dell’8,7% a 64,4 miliardi di yuan nel resto dell’Asia e del 24,5% a 39,6 miliardi di yuan dalle Americhe.

COME VA L’UTILE

Huawei ha dichiarato che l’utile del 2020 è salito del 3,2% a 64,6 miliardi di yuan (9,8 miliardi di dollari), rallentando nella crescita del 5,6% del 2019.

DIMINUISCE IL FLUSSO DI CASSA

Il flusso di cassa di Huawei derivante dalle attività operative è stato di 35,2 miliardi di yuan, in calo del 61,5% rispetto all’anno precedente.

LA VENDITA DELLE APPARECCHIATURE 5G

L’attività di vettore della società, che include apparecchiature di rete 5G, ha portato a 302,6 miliardi di yuan, con un aumento di appena lo 0,2% un anno prima. Huawei sta scontando le pressioni statunitensi. Sotto l’amministrazione Trump, gli Stati Uniti hanno cercato di spingere i paesi alleati a bloccare Huawei dalle loro reti 5G. Paesi tra cui l’Australia e il Regno Unito hanno bloccato Huawei dalle loro reti 5G.

HUAWEI SI RIFÀ CON LE ROYALTIES

Ma il colosso di Shenzen non resterà all’angolo. Huawei inizierà a esigere royalties per il 5G da Apple e Samsung.

Il proprietario del più grande portafoglio al mondo di brevetti 5G negozierà tariffe e potenziali licenze incrociate con il produttore di iPhone e Samsung, promettendo di applicare tariffe inferiori rispetto a concorrenti come Qualcomm, Ericsson e Nokia.

L’addebito di royalty su brevetti chiave relativi alla tecnologia 5G mobile potrebbe aiutare Huawei a recuperare almeno una parte delle entrate colpite in alcune aeree del suo business, come gli smartphone, a seguito delle sanzioni statunitensi.

Huawei dovrebbe incassare da 1,2 miliardi a 1,3 miliardi di dollari in tasse di brevetto e licenza tra il 2019 e il 2021. Il canone di licenza si basa sul prezzo di vendita del telefono ed è limitato a 2,5 dollari per dispositivo, ha affermato la società.

HUAWEI PUNTERÀ SUL CLOUD?

Infine, come evidenzia Cnbc, un punto luminoso per Huawei è stata la sua attività aziendale che include prodotti che vende ad aziende di vari settori. Ciò potrebbe includere il cloud computing, un grande obiettivo per l’azienda cinese di recente”.

Nel 2020, l’attività aziendale ha registrato un fatturato di 100,3 miliardi di yuan (15,4 miliardi di dollari), in crescita del 23% su base annua, registrando la più rapida crescita di tutte le divisioni di Huawei.

SOTTO IL PESO DELLE PRESSIONI USA

Nel 2019 l’amministrazione Trump ha inserito il colosso di Shenzen in una lista nera di esportazione. Non solo, Huawei non può accedere a tecnologie critiche di origine statunitense, compromettendo la sua capacità di progettare i propri chip.

Al momento dell’inclusione nell’Entity list, Huawei era il secondo più grande operatore di smartphone per quota di mercato. Ma nel quarto trimestre, Huawei è uscita dai primi cinque maggiori fornitori per quota di mercato a causa del crollo delle vendite in tutto il mondo.

Lo scorso anno il colosso tecnologico statunitense Google ha finito per tagliare i rapporti con Huawei. Ciò significava che il gigante cinese non poteva utilizzare il sistema operativo Android di Google sui suoi smartphone a marchio Huawei e Honor. Se ciò non ha rappresentato un problema in Cina, dove i servizi Google sono bloccati, ha danneggiato Huawei nei mercati internazionali in cui i consumatori sono abituati a queste app.

Tanto che nel novembre 2020 la società cinese ha venduto la sua unità di smartphone a basso costo Honor a un consorzio di agenti e rivenditori.

Articoli correlati