Innovazione

Dal budget dell’aeronautica Usa mazzata per Lockheed a favore di Boeing

di

Il nuovo piano quinquennale della US Air Force prevede 48 F-35 Lockheed Martin all’anno, in calo da 54. Confermato l’acquisto di 80 F-15 della rivale Boeing, come previsto dal Pentagono

Accorciata la traiettoria a stelle e strisce degli F-35 di Lockheed Martin. Come anticipato a inizio mese, nel suo piano quinquennale la Us Air Force ha deciso di acquistare gli F-15 di Boeing e diminuire gli investimenti nei velivoli di ultima generazione di Lockheed Martin. Ecco i dettagli del budget riportato da Bloomberg.

IL PIANO DELL’AIR FORCE A FAVORE DI BOEING

Una settimana dopo che il presidente Donald Trump ha presentato la sua proposta di bilancio per il prossimo anno fiscale, l’Air Force ha annunciato un piano quinquennale che combacia con l’intenzione del Pentagono a dotarsi dei cacciabombardiere F-15 di Boeing in una versione aggiornata.

Come sottolinea DefenseNews, gli appalti della Forza armata sono rimasti stagnanti a 25,9 miliardi di dollari, con il più grande spostamento di fondi sull’inventario dei velivoli da combattimento.

LA SCURE SU LOCKHEED MARTIN

Invece di andare “all in” sugli appalti F-35, il budget dell’Air Force cerca finanziamenti per otto nuovi aerei F-15EX per 1,1 miliardi di dollari. “L’Air Force rimane impegnata nell’F-35 con la sua tecnologia rivoluzionaria e questo bilancio per l’anno fiscale 2020 continua l’acquisizione di 48 F-35A Joint Strike Fighters ogni anno”, si legge nel piano dell’aeronautica statunitense. Tuttavia ora prevede di acquistare 48 F-35A a  4,9 miliardi di dollari rispetto ai 54 programmati.

Il bilancio del 2019 aveva rilevato che l’Usaf stava cercando di acquistare 54 velivoli F-35 ogni anno dal 2021 al 2023 ma, a causa di diversi problemi con la consegna del programma fino ad oggi, ora ordina 48 unità all’anno. Il caccia della Lockheed Martin otterrebbe comunque 37,5 miliardi di dollari nel corso dei cinque anni.

MEGLIO UN VELIVOLO MENO COSTOSO

Questo dietrofront nei confronti del caccia di ultima generazione targato LM a favore della rivale Boeing è stato spiegato in termini di risparmio economico piuttosto che di potenzialità tecniche del velivolo. Il generale Joseph Dunford, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha riferito la scorsa settimana al Senate Armed Services Committee che i funzionari del Pentagono hanno deciso di acquistare l’F-15X in parte perché è “leggermente meno costoso rispetto all’F-35” ma soprattutto perché  “è più economico del 50% operativamente e ha il doppio delle ore in termini di durata”.

CHI GUADAGNERÀ DI PIÙ DALL’AERONAUTICA

Ma le commesse per i due player del settore difesa e aerospazio non si esauriscono con i caccia. Dal piano quinquennale dell’Usaf, Boeing otterrebbe 19 miliardi di dollari fino al 2024 per l’acquisto di 66 dei suoi tanker KC-46, 9 in meno rispetto ai 75 velivoli precedentemente programmati fino al 2023. Il nuovo piano prevede 15 nel 2021 ma 12 ciascuno nel 2022 e nel 2023, invece dei 15 precedentemente pianificati ciascuno anno. A Lockheed Martin potrebbero essere destinati fino a 18 miliardi di dollari per spese di aggiornamento e supporto al velivolo F-22.

Nel settore spaziale il budget quinquennale vede le due rivali unite “contro” SpaceX. Oltre agli 1,3 miliardi di dollari per i satelliti GPS-III della Lockheed Martin, gli investimenti spaziali per il 2020 includono 1,67 miliardi di dollari per gli accordi di lancio spaziale e di servizi di terra contesi tra la società di Elon Musk e United Launch Alliance, la joint venture tra Lockheed e Boeing.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati