skip to Main Content

Perché Amazon fa la guerra a Visa nel Regno Unito

Visa Plaid

A partire da gennaio Amazon non accetterà più pagamenti con carte di credito Visa rilasciate nel Regno Unito. Motivo? Il costo eccessivo delle commissioni

 

Al via una battaglia tra giganti statunitensi nel Regno Unito sui pagamenti.

Amazon non accetterà più pagamenti con carte di credito Visa sulla sua piattaforma di commercio online dagli utenti britannici.

Il colosso dell’e-commerce di Seattle ha comunicato via e-mail ai clienti che le carte di credito Visa emesse nel Regno Unito saranno sospese dall’uso sul suo sito dal 19 gennaio.

La causa è la “commissione interbancaria“, una tassa applicata ai commercianti che va alle banche emittenti ogni volta che un cliente paga con la carta di plastica. Amazon ha attribuito infatti questa decisione alle “alte commissioni che Visa addebita per l’elaborazione delle transazioni con carta di credito”.

Nel 2015, una legge dell’Ue aveva limitato le commissioni interbancarie sulle carte di credito allo 0,3%. Dopo Brexit, Visa ha innalzato la quota di “interscambio” sulle sue transazioni tra Ue e Regno Unito all’1,5%.

Da gennaio del prossimo anno i clienti saranno comunque ancora in grado di utilizzare carte di debito, tra cui Visa, e carte di credito non-Visa, ha precisato Amazon.

“Siamo molto delusi dal fatto che Amazon stia minacciando di limitare la scelta dei consumatori. Quando la scelta del consumatore è limitata, nessuno vince”, ha replicato Visa.

E il colosso americano delle carte di credito ha già risentito di questa decisione: le azioni sono crollate di oltre il 3% alla notizia. Proprio per questo, Visa ha aggiunto che sta lavorando a una risoluzione con Amazon.

Tutti i dettagli.

LA POSIZIONE DI AMAZON

”Come risultato del continuo alto costo dei pagamenti di Visa, ci dispiace che Amazon.co.uk non accetterà più le carte di credito Visa emesse nel Regno Unito a partire dal 19 gennaio 2022″, ha spiegato un portavoce di Amazon.

“Il costo dell’accettazione dei pagamenti con carta continua ad essere un ostacolo per le imprese che si sforzano di fornire i migliori prezzi per i clienti. Questi costi dovrebbero scendere nel tempo con i progressi tecnologici, ma invece continuano a rimanere alti o addirittura aumentano”, ha precisato.

COME PAGHERANNO GLI UTENTI NEL REGNO UNITO A PARTIRE DAL 19 GENNAIO 2022

Tuttavia, a partire dal 19 gennaio i clienti potranno comunque utilizzare carte di debito Visa, carte di credito MasterCard, carte di credito American Express e carte di credito Visa emesse al di fuori del Regno Unito. Possono anche impostare l’addebito diretto. Inoltre, la società offre ad alcuni clienti del Regno Unito un incentivo di £ 20 ($ 27) per impostare una carta di credito di debito o non Visa come impostazione predefinita di pagamento.

PERCHÉ NON RIGURDA MASTERCARD

Tuttavia, Visa non è l’unica azienda di carte di credito ad aver innalzato le commissioni per le transazioni, ricorda The Verge.

“MasterCard ha aumentato in modo identico le sue commissioni interbancarie prima di Visa, ma non è stata bloccata da Amazon. Non è del tutto chiaro il motivo per cui è stata colpita proprio Visa. Potrebbe essere semplicemente una decisione strategica da parte di Amazon: puntare un’azienda invece di colpire un intero settore. Oppure potrebbero esserci complicazioni specifiche nelle politiche di pagamento di Visa”, commenta il sito americano.

LA REAZIONE DI VISA…

Una portavoce di Visa ha dichiarato: “Siamo molto delusi che Amazon stia minacciando di limitare la scelta dei consumatori in futuro. Quando la scelta del consumatore è limitata, nessuno vince”.

“Abbiamo una relazione di lunga data con Amazon e continuiamo a lavorare per una soluzione, in modo che i nostri titolari di carta possano utilizzare le loro carte di credito Visa preferite su Amazon UK senza restrizioni imposte da Amazon a partire dal gennaio 2022” ha aggiunto.

…NON NUOVA ALLA QUESTIONE DELLE COMMISSIONI

In realtà il problema sorto con Amazon non è unico o nuovo. Le commissioni sulle carte sono state a lungo un punto di contesa. E Visa è stata nell’occhio del ciclone più di una volta, ricorda Quartz.

Nel 2014, Walmart ha citato in giudizio l’unità statunitense di Visa per oltre 5 miliardi di dollari, per aver addebitato ai clienti che pagavano con carta commissioni “irragionevolmente alte”. Nel giugno 2016, i 370 negozi canadesi del gigante della vendita al dettaglio hanno vietato le carte Visa a causa di commissioni “inaccettabilmente alte” per sei mesi.

Nel 2018, anche la catena di supermercati Kroger ha smesso di accettare le carte di credito di Visa presso la sua controllata Foods Co.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore