skip to Main Content

Amazon alla conquista di nuovi mercati

Amazon si lancia nel campo della ristorazione londinese, ma il mercato è altamente competitivo e il big non avrà vita facile

Amazon, colosso americano dell’e-commerce, non si accontenta dei successi fino ad ora ottenuti e si pone nuovi grandi sfide ( e opportunità). Da sempre impegnato nella consegna a domicilio di oggetti tecnologici, abbigliamento e accessori, Amazon ha scelto di lanciarsi anche nella delivery del cibo. Nulla di nuovo, direbbe qualcuno: il big dello shopping online permette già da tempo di ordinare frutta, verdura e tanto altro e riceverlo dopo qualche ora a casa.

Lo scorso anno, Amazon ha pensato di lanciarsi anche nel campo della ristorazione, consegnando a casa cibi caldi ordinati dai migliori ristoranti della città. Il servizio è stato lanciato a Seattle, casa madre del colosso dell’e-commerce, e poi in altre 12 città degli Stati Uniti.

La novità è che ora offrirà la consegna a casa di alcuni piatti caldi anche in Europa, a Londra, per la precisione. I cittadini londinesi potranno ordinare la loro pietanza preferita da ristoranti come Michelin-starred Benares, Levant, Strada and Crazy Bear e riceverla dopo un’ora a casa.

Un mercato ad alta competitività

Amazon è solo uno dei soggetti che a Londra, come negli Usa, offre il servizio di consegna a domicilio di piatti pronti e non sarà certo facile penetrare nel mercato. A Londra, in particolare, Amazon dovrà scontrarsi con Uber Technologies Inc. e Deliveroo (che ad oggi vale 1 miliardo di dollari). Non sarà facile dunque penetrare un mercato altamente competitivo come quello della Gran Bretagna: sarà difficile conquistare i clienti, soprattutto quelli che ancora non utilizzano il servizio Prime e che, dunque, non avranno diritto ad alcuna agevolazione (consegna gratuita sopra i 15 chili).

Non solo delivery e cibo. Gli altri interessi di Amazon

Amazon tvAd Amazon piacciono le sfide difficili. Il colosso dell’e-commerce ha deciso di lanciarsi anche nel settore dello streaming video, offrendo ai suoi clienti una piattaforma aggiornata di contenuti originali da vedere tramite abbonamento mensile, e in quello della mobilità, lanciando un sito per la vendita di auto nuove e usate.

Se in campo automotive, Amazon non dovrà affrontare una concorrenza spietata e potrà tranquillamente dar vita ad una community di persone interessate al settore, in grado di interagire non solo caricando annunci e fotografie, ma anche con richieste di approfondimenti generali e sui singoli modelli, in campo Internet Tv non avrà certo vita facile.

Amazon Prime Video dovrà scontrarsi, infatti, con Netflix, gigante del settore, Infinity e le future piattaforme streaming di Google ed Apple. Indipendentemente da come andrà, però, è evidente che Amazon sta allargando il suo core business e prova ad esplorare nuove strade.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore