Advertisement
skip to Main Content

Perché Visa non comprerà la fintech Plaid

Visa Plaid

Visa ha rinunciato all’acquisizione della startup fintech Plaid. L’accordo, proposto per la prima volta un anno fa, è stato annullato per evitare una causa antitrust da parte del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti

 

Visa non acquisirà Plaid per evitare un contenzioso antitrust.

Martedì Visa ha annullato il previsto acquisto da 5,3 miliardi di dollari della società di tecnologia di elaborazione dei pagamenti Plaid, citando la causa antitrust del Dipartimento di Giustizia presentata lo scorso anno per bloccare l’accordo.

I politici e gli esperti di antitrust avevano sostenuto infatti che l’accordo avrebbe dato a Visa, che è già la più grande società di elaborazione dei pagamenti al mondo, ancora più potere su come i clienti e le imprese pagano beni e servizi.

Come sottolinea il Financial Times, la decisione è un duro colpo per gli sforzi di Visa di aggiungere servizi fintech in rapida crescita alla sua attività di pagamento.

Tutti i dettagli.

LA MINACCIA ANTITRUST DA PARTE DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA USA

Visa ha annunciato l’accordo, del valore di 5,3 miliardi di dollari,  per la prima volta il 13 gennaio 2020.

Tuttavia, il Dipartimento di giustizia ha intentato una causa per bloccare l’accordo lo scorso novembre. Secondo il DoJ, Visa aveva scelto di acquisire Plaid perché stava sviluppando una piattaforma di pagamento che avrebbe sfidato il suo dominio nel settore.

LA POSIZIONE DI VISA

In una dichiarazione, Visa ha affermato di credere ancora che l’accordo tra le due società con sede a San Francisco avrebbe giovato a consumatori, istituzioni finanziarie e sviluppatori, ma ha deciso di eliminarlo per evitare una lunga battaglia giudiziaria.

“È passato un anno intero da quando abbiamo annunciato per la prima volta la nostra intenzione di acquisire Plaid, e un contenzioso lungo e complesso richiederà probabilmente molto tempo per risolverlo completamente”, ha affermato in una nota il ceo di Visa Al Kelly.

La società ha negato di aver tentato di eliminare un potenziale concorrente.

COSA FA LA STARTUP FINTECH PLAID

Fondata nel 2012 da Zach Perret, attuale amministratore delegato, e William Hockey, Plaid realizza un’infrastruttura digitale che collega i conti bancari delle persone alle app che utilizzano per gestire i propri soldi.

Plaid fornisce software che collega le società fintech come il gruppo di pagamenti Venmo e la società di pianificazione finanziaria Mint con i conti bancari dei loro clienti.

Il software di Plaid aiuta ad alimentare la maggior parte delle principali app fintech, tra cui, Betterment, Chime, Transferwise, SoFi e altre, collegandole ai dati del conto bancario dei client. L’azienda afferma di integrarsi con più di 11.000 banche.

PERCHÉ FA GOLA

Uno dei motivi principali per cui Visa era interessata all’acquisto di Plaid era accedere alla crescente base di clienti dell’app e vendere loro più servizi. Nell’ultimo anno, Plaid ha dichiarato di aver aumentato la sua base di clienti a 4.000 aziende. Si tratta di un aumento del 60% rispetto a un anno fa.

I TIMORI ANTITRUST SULL’ACQUISIZIONE DI PLAID DA PARTE DI VISA

Dopo l’offerta di Visa per l’acquisto di Plaid, i politici e gli esperti di antitrust hanno sostenuto che l’accordo avrebbe dato a Visa ancora più potere su come i clienti e le aziende pagano beni e servizi.

Il colosso dei pagamenti ha gestito 3,4 trilioni di dollari in transazioni con carte di credito, debito e carte prepagate nei primi nove mesi del 2019 secondo il Rapporto Nilson.

La causa del Dipartimento di Giustizia ha sostenuto, tra le cose, che l’accordo avrebbe consentito a Visa di “mantenere la sua posizione di monopolio e prezzi super competitivi nell’addebito online”.

I PIANI DI PLAID

“Lo scorso anno si è assistito a un aumento senza precedenti della domanda per i servizi forniti da Plaid e la nostra priorità è supportare le centinaia di milioni di persone che ora si affidano a fintech”, ha affermato Zach Perret, CEO e co-fondatore di Plaid, in un dichiarazione.

RESTERÀ PARTNER DI VISA

Plaid ha dichiarato che sebbene le due società sarebbero state una “grande combinazione”, ora lavorerà con Visa come investitore e partner per “concentrarsi completamente sulla costruzione dell’infrastruttura per supportare il fintech”.

La società fintech probabilmente cercherà di sollevare un nuovo round di finanziamenti nei prossimi mesi, secondo quanto riferito da una fonte a Forbes.

OBIETTIVO DI ALTRE SOCIETÀ FINTECH

Infine Plaid, sostenuta da investitori tra cui Kleiner Perkins e Andreessen Horowitz, potrebbe rimanere un obiettivo di acquisizione per altre società fintech più grandi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore