Pagamenti digitali / Fintech

Ecco perché Ibm ha lanciato una criptovaluta

di

L’articolo di Marcello Bussi, giornalista di Mf/Milano Finanza, sulla criptomoneta targata Ibm

Ibm ieri ha lanciato una nuova criptovaluta ancorata al dollaro. In un momento di difficoltà del mercato delle criptovalute, mentre è sempre più diffusa la consapevolezza che questi token in grande maggioranza siano delle truffe o comunque destinati a vedere azzerato il loro valore, può apparire sorprendente che un colosso come il gruppo guidato da Ginni Rometty entri in questo settore. Ma la realtà è che la mossa è consequenziale alla scelta di puntare forte sulla tecnologia blockchain. La criptovaluta targata Ibm si chiama Stronghold Usd ed è stata lanciata sulla piattaforma blockchain di Stellar, altra criptovaluta che nella serata di ieri guadagnava l’1% a 0,234 dollari.

Questa blockchain è diversa da quella originale, che è alla base del bitcoin. Mentre la blockchain bitcoin è pubblica e consente a chiunque di partecipare, Ibm consente il suo utilizzo solo a un certo numero di parti fidate. Gli acquirenti della moneta depositeranno i dollari presso la banca partner della società, Prime Trust for Stronghold, con sede in Nevada, che emetterà i token basati su un rapporto 1 a 1. L’ancoraggio al dollaro è un modo per diminuire la volatilità delle criptovalute. Stronghold Usd è stato progettato per essere utilizzato da aziende, come le istituzioni finanziarie, le multinazionali e le società di gestione patrimoniale con l’obiettivo di elaborare i pagamenti più velocemente e in modo più sicuro. I token verranno resi disponibili alla clientela al dettaglio nei prossimi mesi.

Le criptovalute ancorate a una moneta fiat come il dollaro, l’euro o lo yen, vengono chiamate stablecoin e la più celebre è tether. Contestatissima e sottoposta dal dicembre scorso, insieme all’exchange Bitfinex, a un’indagine da parte della Cftc (la Commissione Usa sul trading delle commodity e dei future) su tether grava il sospetto che non abbia le coperture necessarie. A oggi sono in circolazione 2,7 miliardi di tether e molti sospettano che Bitfinex non disponga dell’equivalente in dollari. L’exchange è inoltre sospettato di usare tether per gonfiare le quotazioni del bitcoin. Per dimostrare che il suo token è molto più affidabile di tether, Ibm ha annunciato che Stronghold Usd è sottoposta alla vigilanza della Fdic, l’agenzia indipendente Usa che fornisce un’assicurazione sui depositi delle banche e svolge alcune funzioni a tutela del depositante. Poiché la Fdic copre solo depositi fino ai 250 mila dollari in caso di fallimento della banca, qualsiasi deposito più grande sarà suddiviso e conservato presso più banche.

Jesse Lund, capo dei servizi blockchain per le istituzioni finanziarie di Ibm, ha dichiarato che l’obiettivo del progetto Stronghold Usd è quello di cambiare radicalmente il mercato dei cambi: non ci sarà più bisogno di lavorare su grossi blocchi di valute come avviene adesso, ma gli scambi saranno in tempo reale e anche di piccolissime dimensioni.

Articolo pubblicato su Mf/Milano finanza

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati