Innovazione, Pagamenti digitali / Fintech

Guerra al contante? Nexi gongola (ma si taglino le commissioni sui pagamenti digitali). Report Mediobanca

di

Nexi

Le misure del governo per potenziare i pagamenti digitali avranno un effetto positivo per i conti di Nexi e dovrebbero essere abbinate a una riduzione delle commissioni sui pagamenti digitali. Il report di Mediobanca Securities

 

Si prospetta un buon periodo in arrivo per Nexi, azienda italiana leader nei pagamenti digitali: le mosse del governo, che ha inserito in manovra un’ampia serie di misure volte a potenziare i pagamenti digitali per combattere l’evasione fiscale, potrebbero avere “un effetto positivo” per l’azienda PayTech. Lo assicura l’ultimo report di Mediobanca Securities.

BANCHE E AZIENDE PENSINO A COME RIDURRE LE COMMISSIONI SUI PAGAMENTI DIGITALI

“Le misure più efficaci sembrano essere gli incentivi ai consumatori, come il rimborso in contanti degli importi pagati con strumenti digitali, le sanzioni per i commercianti che non accettano pagamenti digitali e l’introduzione di pagamenti digitali obbligatori per le spese fiscali, mentre i limiti inferiori ai pagamenti in contanti non hanno avuto in passato un impatto significativo – osservano gli analisti -. Le misure volte a incrementare i volumi dovrebbero essere abbinate a una riduzione delle commissioni sui pagamenti digitali, azzerandole per le operazioni di importo inferiore a 5 euro e riducendo del 50% quelle per le operazioni tra i 5 e i 25 euro in alcuni mercati verticali. A quanto ci risulta, qualsiasi decisione sulla riduzione delle commissioni dovrebbe essere presa in consultazione con gli operatori del settore ed essere compensata da volumi più elevati”, si legge nel report.

NIENTE È PERO’ ANCORA DECISO, CI SARANNO CAMBIAMENTI NELLE NORME

Tuttavia, avverte Mediobanca, “niente è ancora deciso” definitivamente. “I diversi atteggiamenti dei vari componenti del governo nei confronti di queste misure rendono la loro definizione e approvazione finale più complessa di quanto inizialmente previsto. A nostro avviso – sottolineano gli analisti -, saranno probabilmente introdotti ulteriori cambiamenti, eventualmente attenuando alcuni dei loro impatti o ritardandone l’attuazione. D’altro canto, a nostro avviso, è evidente che, se non tutti, saranno compiuti comunque alcuni passi importanti per aumentare il volume dei pagamenti digitali. Il Cashback sulla spesa con carta e la lotteria con ricevuta fiscale dovrebbero essere approvati senza intoppi e rappresentano già un forte incentivo per gli utenti della carta. Le sanzioni ai commercianti sono più controverse, ma dovrebbero essere introdotte a tempo debito, insieme ad una riduzione dei limiti di utilizzo del contante”.

UN EFFETTO POSITIVO SU NEXI

Nonostante ciò, l’insieme di misure introdotte con la legge di bilancio 2020 “dovrebbe avere un effetto netto positivo su Nexi, che beneficerebbe di maggiori volumi di pagamenti digitali nelle sue operazioni di acquisizione ed emissione di carte. La riduzione delle commissioni sui piccoli pagamenti non sembra costituire una grave minaccia per Nexi, che ha una bassa esposizione ai micro/piccoli pagamenti. Ciò è confermato, a nostro avviso – commentano gli analisti di Mediobanca Securities -, dall’operazione media di Nexi di 78 euro in acquiring e 84 euro in emissione e dal fatto che Nexi offre già ai suoi esercenti incentivi sui micropagamenti. Mentre l’impatto dello scenario positivo a medio termine non è stato incluso nelle nostre stime attuali, sulla base dei dati pro forma del 2018, calcoliamo un aumento del 3,8% dei ricavi legati ai volumi di Nexi, dell’1,8% dei ricavi totali e del 2,3% dell’EBITDA per un aumento dell’1% della penetrazione dei pagamenti digitali”. Ma anche un “aumento del 5% dell’EPS dovuto al rifinanziamento del debito e ad un altro solido trimestre più avanti”. Secondo gli analisti di Mediobanca anche il terzo trimestre sarà solido con “un EBITDA in crescita del 5,6% e del 16% a/a (raggiungendo rispettivamente 251 e 133 milioni di euro). Insieme alla comunicazione dei risultati del terzo trimestre (prevista per l’8 novembre), ci aspettiamo anche che il management dia maggior colore all’impatto delle nuove misure governative”.

L’IMPATTO SUI CONSUMATORI

“Le esperienze passate dimostrano che l’elasticità dei consumatori è elevata, il che è positivo per l’efficacia del cashback e della lotteria fiscale. Alcune iniziative messe in atto da Nexi – si legge nel report -, come il programma ioSi engagement (dove i punti maturano con qualsiasi acquisto e possono essere riscattati per ottenere ricompense da un catalogo esclusivo) o ioVinco digital instant win (concorso a vincita istantanea per premiare le transazioni e aumentare la viscosità) hanno prodotto buoni risultati in termini di volume dei pagamenti con carta. Inoltre, la previsione di pagamenti digitali obbligatori per le spese fiscali sembra essere uno dei principali motori per incrementare i pagamenti non in contanti in considerazione dell’elevato importo in questione, circa 23 miliardi di euro, di cui 18 miliardi di euro relativi alle spese mediche, e dell’attuale scarsa penetrazione degli strumenti di pagamento digitali in questo segmento”.

IL POTENZIALE FORTE IMPATTO SUI VOLUME DEI PAGAMENTI DIGITALI GRAZIE ALLE SANZIONI

Non solo. Secondo gli analisti di Mediobanca Securities “l’introduzione di sanzioni chiare per i commercianti che non accettano i pagamenti digitali” è un modo “efficace per aumentare il volume dei pagamenti digitali. Infatti, l’assenza di sanzioni è stata considerata un fattore importante per la bassa penetrazione dei pagamenti digitali nonostante l’infrastruttura italiana. Al contrario, non ci aspettiamo un impatto significativo delle misure in corso sui POS installati”. L’Italia ha infatti “una rete infrastrutturale ben sviluppata, in linea con i Paesi caratterizzati da un’elevata penetrazione dei pagamenti digitali – evidenzia il report -. Il numero di terminali POS per milione di abitanti è uno dei più alti d’Europa. La penetrazione dei terminali POS è stata favorita anche da alcune azioni specifiche attuate dal governo italiano. Tuttavia, a causa della mancanza di sanzioni per gli esercenti non disposti ad accettare pagamenti digitali, un aumento dei terminali POS non ha portato ad un aumento proporzionale dell’uso dei pagamenti digitali”.

MODESTO IMPATTO A BREVE TERMINE DELLA RIDUZIONE DEI LIMITI AI PAGAMENTI IN CONTANTI

“Non esiste una correlazione diretta e positiva tra i paesi con restrizioni nell’uso del contante e lo sviluppo relativo dell’ambiente cashless – sottolinea il report -, il che significa che i paesi che non impongono alcuna limitazione del contante sono quelli con un ambiente cashless più sviluppato. Tuttavia, in un contesto caratterizzato da una maggiore attenzione al contante contro i pagamenti digitali, e con un efficace sistema di sanzioni e controlli, i limiti di cassa possono avere un effetto positivo nel medio/lungo termine in termini di riduzione dell’economia sommersa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati