Pagamenti digitali / Fintech

Bitcoin, ecco cosa pensa davvero la Bce

di

bitcoin

“Queste criptomonete sono cattive imitazioni del denaro. Quasi nessuno vende beni in bitcoin, pochi li usano per i pagamenti e, come riserva di valore, non sono migliori del gioco d’azzardo in un casinò. I responsabili politici sono giustamente preoccupati per gli abusi dei consumatori e degli investitori, nonché per l’uso illecito”. Parola di Benoît Cœuré, membro del Comitato esecutivo della Bce e presidente del Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), co-autorizzata da Jacqueline Loh, presidente del Comitato dei mercati della BRI, pubblicata sul Financial Times.

IL BITCOIN POTREBBE RAPPRESENTARE UN PRIMO SEGNO DI CAMBIAMENTO

Secondo Cœuré “il bitcoin e i suoi cugini rappresentano un po’ un miraggio” ma potrebbero rappresentare “un primo segno di cambiamento, proprio come Palm Pilots aprì la strada agli smartphone di oggi. Il denaro contante non sarà re per sempre, anche se continua a regnare in molte parti del mondo. Una nuova ricerca condotta dalla Banca dei regolamenti internazionali mostra che i pagamenti non in contanti sono più o meno raddoppiati rispetto al pil a partire dall’inizio del secolo – aggiunge Cœuré –. Alcuni paesi nordici stanno già riducendo il contante. E la iGeneration è più probabile che utilizzi un’applicazione di pagamento che una valuta. Per i loro figli, addirittura, le banconote e le monete potrebbero sembrare oggetti esposti in un museo”.

LE BANCHE CENTRALI DEVONO EMETTERE PROPRIE MONETE DIGITALI?

Naturalmente, avverte l’esponente della Bce, si sono sollevate una serie di discussioni “sull’opportunità che le banche centrali emettano proprie monete digitali. Un nuovo rapporto sulle valute digitali delle banche centrali (CBDC, cioè central bank digital currencies), pubblicato dai due comitati che presiediamo alla BRI, getta le basi per questo importante dibattito”. Cœuré ha sottolineato che se si vuole capire cos’è una CBDC la risposta va “al cuore del denaro e dei pagamenti. Oggi, le banconote e le monete metalliche sono l’unico modo in cui i consumatori possono accedere alla moneta della banca centrale. Il denaro sul conto bancario è effettivamente fornito da una banca commerciale – precisa –. La banca promette di cambiare il denaro in contanti quando andate al bancomat. Ma quando si pagano fatture online o si striscia la carta di credito, si utilizza denaro di una banca commerciale. In base al sistema attuale, solo gli istituti finanziari hanno accesso diretto alla moneta digitale della banca centrale attraverso conti presso la loro banca centrale nazionale. Un CBDC orientato ai consumatori estenderebbe tale accesso a tutti. Anche se questo potrebbe non sembrare un grande passo verso i consumatori informatizzati, potrebbe avere ramificazioni di vasta portata per il ruolo del denaro, del sistema finanziario e dell’economia”. Ad esempio, un CBDC per tutti “metterebbe in discussione l’attuale modello di banche che raccolgono depositi della clientela e utilizzano tale denaro per finanziare i prestiti che contribuiscono a stimolare l’economia”, ammette l’esponente della Bce aggiungendo che le conseguenze per i “modelli di business delle banche e la stabilità finanziaria dovrebbero essere attentamente analizzati”.

ABBIAMO VERAMENTE BISOGNO DELLE VALUTE DIGITALI DELLE BANCHE CENTRALI? riserve auree BITCOIN

La domanda è: abbiamo bisogno di un CBDC? Per Cœuré “gli accordi di pagamento esistenti – basati sul denaro commerciale – sono già disponibili in digitale e sempre più convenienti, istantanei e disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tuttavia, se scomparisse il contante, si potrebbe prendere in considerazione un CBDC. In caso contrario, il pubblico dipenderebbe interamente dalla moneta commerciale e la fiducia nella moneta, un bene pubblico fondamentale, farebbe affidamento sulla solvibilità degli enti commerciali e su specifiche tecnologie di pagamento. Tuttavia, nonostante la crescente popolarità dei pagamenti elettronici, la società senza contanti non è ancora presente. La domanda di banconote è ancora in crescita in molti paesi”.

In ogni caso ammette Cœuré, se alla fine si dovessero adottare dei CBDC queste valute “dovrebbero essere altrettanto convenienti da utilizzare per i consumatori e le imprese quanto il loro equivalente commerciale. Dovrebbero essere a prova di hacker. Se vogliamo fermare l’utilizzo illegale, inoltre, non dovrebbero garantire lo stesso anonimato del contante agli utenti. Tuttavia, fornire alle banche centrali un numero senza precedenti di informazioni sui singoli individui è altrettanto controverso. Non esiste una soluzione unica per tutti”. In sostanza, dice l’esponente della Bce, è opportuno riflettere attentamente sul futuro del denaro alla luce delle nuove tecnologie e del crescente ricorso ai pagamenti elettronici. Anche se non è ancora chiaro se i CBDC per i consumatori e le imprese siano necessari o auspicabili. In altre parole, la giuria deve ancora decidere, e la risposta sarà chiaramente diversa da paese a paese.

IL BITCOIN HA MESSO IN LUCE UN VECCHIO FALLIMENTO DEL NOSTRO SISTEMA ATTUALE: I PAGAMENTI TRANSFRONTALIERI AL DETTAGLIO.

bitcoin“Lontano dagli occhi del pubblico, il cambiamento può anche accadere e forse essere anticipato – ha spiegato il membro della Bce –. Il rapporto della BRI analizza un secondo modello complementare di CBDC destinato alle istituzioni finanziarie che si baserebbe sulle tecnologie blockchain. Tali tokenised form di moneta digitale delle banche centrali potrebbero potenzialmente contribuire a snellire molti dei gravosi processi di compensazione e regolamento attualmente necessari per completare le operazioni in titoli e in valuta estera. Finora, tuttavia, le sperimentazioni delle banche centrali con tali forme di CBDC non hanno mostrato vantaggi decisivi per i pagamenti all’ingrosso e oltre, ma la tecnologia e i modelli si stanno evolvendo rapidamente. Nonostante i suoi numerosi difetti, il bitcoin ha messo in luce un vecchio fallimento del nostro sistema attuale: i pagamenti transfrontalieri al dettaglio. Tali pagamenti non solo permettono agli acquirenti di acquistare facilmente merci online dall’estero, ma consentono anche ai lavoratori stranieri di inviare denaro a casa, sostenendo l’inclusione finanziaria e lo sviluppo. Tuttavia, questi canali di pagamento sono generalmente molto più lenti, meno trasparenti e molto più costosi di quelli nazionali. I miglioramenti qui sono il modo migliore per affrontare la sfida del bitcoin”, ha concluso Cœuré.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati