Advertisement skip to Main Content

Vermont

Il Vermont vuole far pagare i danni climatici alle Big Oil. Report Guardian

Il Vermont è diventato il primo stato a dotarsi di una legge che ritiene le compagnie petrolifere economicamente responsabili per i danni al clima. L'approfondimento del Guardian.

Il Vermont è diventato il primo Stato a promulgare una legge che ritiene le compagnie petrolifere finanziariamente responsabili per i danni al clima, dopo che il governatore repubblicano, Phil Scott, ne ha permesso l’approvazione senza la sua firma nella tarda serata di giovedì, scrive The Guardian.

Modellata sul modello del programma Superfund dell’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente, la legge Climate Superfund prevede che lo Stato imponga alle principali compagnie di combustibili fossili il pagamento di potenziali miliardi di dollari per gli impatti climatici a cui hanno contribuito le loro emissioni. Si prevede che l’industria dovrà affrontare delle sfide legali.

COSA PREVEDE LA LEGGE DEL VERMONT CONTRO LE COMPAGNIE PETROLIFERE

Secondo la legge, i funzionari del Vermont avranno tempo fino al gennaio 2026 per valutare i costi totali per lo Stato derivanti dai gas serra emessi tra il 1995 e il 2024, compresi gli impatti sulla salute pubblica, sulla biodiversità e sullo sviluppo economico. Utilizzeranno quindi i dati federali per determinare l’importo da addebitare ai singoli inquinatori per tali danni.

I sostenitori del clima hanno festeggiato l’approvazione della legge, che ha ottenuto il sostegno della super maggioranza nella legislatura statale da parte dei democratici e di alcuni repubblicani.

“Non capita tutti i giorni di partecipare a qualcosa di storico e potenzialmente in grado di cambiare le carte in tavola per tutti i cittadini del proprio Stato”, ha dichiarato Ben Edgerly Walsh, un sostenitore del Vermont Public Interest Research Group.

I sostenitori sperano che la legge possa servire da modello per il resto del Paese, visto che Maryland, Massachusetts e New York stanno prendendo in considerazione misure simili e che i legislatori federali stanno valutando le proposte presentate dai senatori Bernie Sanders e Chris Van Hollen.

L’IMPATTO DEL RISCALDAMENTO GLOBALE IN VERMONT

Il Vermont è tra gli Stati che si riscaldano più rapidamente negli USA e negli ultimi anni è stato colpito da disastri climatici; l’anno scorso le inondazioni hanno provocato danni per oltre 1 miliardo di dollari. In una nota inviata giovedì al segretario del Senato, Scott ha dichiarato di comprendere “il desiderio di cercare fondi per mitigare gli effetti del cambiamento climatico che ha danneggiato il nostro Stato in molti modi”.

Ma nonostante abbia permesso l’approvazione del disegno di legge, il governatore si è detto preoccupato per i costi della legge per il suo piccolo Stato.

“Invece di coordinarsi con altri Stati come New York e la California, con risorse molto più abbondanti, il Vermont – uno degli Stati meno popolati e con il PIL più basso del Paese – ha deciso di recuperare da solo i costi associati al cambiamento climatico”, ha scritto.

Edgerly Walsh, tuttavia, ha dichiarato che la legislatura ha preso provvedimenti per rispondere a queste preoccupazioni, anche aggiungendo fondi alle agenzie statali per gestire l’attuazione. Ha detto che il Vermont non può permettersi di pagare da solo i costi “assolutamente enormi” della crisi climatica.

COME RISPONDERANNO LE BIG OIL

L’American Petroleum Institute, la più grande lobby del petrolio e del gas degli Stati Uniti, ha inviato a marzo una lettera ai legislatori del Vermont per opporsi al disegno di legge, sostenendo che “impone retroattivamente costi e responsabilità su attività precedenti che erano legali” e “viola i diritti di uguale protezione e di giusto processo, ritenendo le aziende responsabili delle azioni della società in generale”.

I sostenitori dicono di essere preparati alle battaglie giudiziarie che li attendono.

“Sappiamo che le grandi compagnie petrolifere si batteranno in tribunale”, ha dichiarato Martin LaLonde, presidente della commissione giudiziaria della Camera. “Ma, essendo io stesso un avvocato e avendo lavorato a stretto contatto con molti studiosi di diritto per la stesura della legge, credo che abbiamo un solido caso legale”.

L’approvazione della legge indica una maggiore richiesta di responsabilità per il clima, ha dichiarato Cassidy DiPaola, portavoce della campagna Make Polluters Pay, che sostiene le proposte di legge sul superfondo per il clima in tutto il Paese.

“Il Vermont è solo l’inizio”, ha detto. “La marea sta cambiando e la resa dei conti per l’industria dei combustibili fossili è all’orizzonte”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top