skip to Main Content

L’Europa continua a posticipare una decisione sul price cap del gas, tutti gli scazzi fra Stati

Cap

I leader degli stati Ue non trovano un accordo sul price cap del gas. La Commissione propone un meccanismo “dinamico” con l’Asia per non compromettere le forniture di Gnl. Italia, Francia e Spagna favorevoli al tetto. Germania, Austria e Olanda si oppongono. Tutti i dettagli

L’ultimo vertice dei leader degli stati membri dell’Unione europea sulla crisi energetica si è concluso nuovamente senza un accordo sul cosiddetto price cap del gas, cioè un “tetto” massimo ai prezzi del combustibile. I rappresentanti dei ventisette hanno concordato solo sulla necessità di proseguire le discussioni sulle varie opzioni.

APPOGGIO ALLE PROPOSTE DELLA COMMISSIONE

Durante il summit – iniziato ieri a Bruxelles, e proseguito fino a tarda notte – i leader hanno appoggiato le proposte della Commissione europea sull’istituzione di un riferimento di prezzo per il gas liquefatto alternativo al TTF e sull’acquisto collettivo (ma su base volontaria) di gas, in modo da negoziare con i fornitori da una posizione di maggiore forza. Le leggi specifiche che dovranno tradurre in realtà queste idee, però, non ci sono, e andranno negoziate nelle prossime settimane.

COSA HA DETTO VON DER LEYEN

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato che “ora abbiamo un’ottima e solida tabella di marcia per continuare a lavorare sul tema dei prezzi dell’energia”.

CORRIDO DINAMICO DEI PREZZI DEL GAS E TETTO ALL’ELETTRICITÀ DA GAS

Nelle conclusioni finali del vertice, i leader dell’Unione chiedono ai ministri nazionali e alla Commissione di “presentare decisioni concrete” su un “temporaneo corridoio dinamico dei prezzi sulle transazioni di gas naturale” e su un tetto al prezzo del solo gas utilizzato per produrre l’elettricità.

LE CONSEGUENZE DA EVITARE

I rappresentanti dei ventisette invitano a prestare attenzione alle “analisi costi-benefici” di un tetto ai prezzi del gas per il settore elettrico. Temono infatti che la misura possa incentivare il consumo di combustibile (portando dunque a un rapido esaurimento delle scorte, in un contesto di forniture scarse) e spingere le società energetiche a rivendere l’elettricità in paesi esterni all’Unione che permettono profitti maggiori poiché sprovvisti di cap (il Regno Unito, ad esempio).

APPUNTAMENTO A MARTEDÌ

I ministri dell’Energia degli stati membri europei discuteranno di price cap martedì prossimo, ma non è stata fissata una data di termine dei negoziati.

FAVOREVOLI E CONTRARI

Tra i paesi dell’Unione più contrari alla proposta di un tetto ai prezzi del gas è la Germania. Berlino sostiene che la misura ridurrà gli incentivi al risparmio energetico, viste le bollette meno care, e metterà l’Europa in una posizione di svantaggio competitivo rispetto all’Asia: attirati dai prezzi più alti, i carichi di gas liquefatto potrebbero dirigersi lì, lasciando il Vecchio continente senza abbastanza combustibile.

Per questo la Commissione ha proposto un price cap dinamico e non fisso, che rifletta l’andamento dei prezzi sul mercato asiatico (andamento che è praticamente uguale a quello europeo, benché i prezzi siano inferiori).

Le ragioni dello scetticismo tedesco sono condivise dall’Austria e dai Paesi Bassi: i due paesi ospitano degli hub del gas, rispettivamente il Baumgarten e il TTF.

Favorevole al cap, invece, è un gruppo di quindici paesi di cui fanno parte l’Italia, la Francia, il Belgio, la Spagna, il Portogallo e la Polonia.

COSA SUCCEDERÀ?

Sergio Giraldo, manager del settore energetico, ha parlato di una situazione “in stallo” in sede europea: “Anche se probabilmente”, aggiunge, “si celebrerà l’unica cosa su cui si troverà un accordo, ovvero la procedura di acquisti congiunti di gas che tanto serve alla Germania [è il paese europeo che consuma più gas, ndr], ancora una volta vale la vecchia massima secondo cui ‘stare nell’Unione europea è semplice: 27 capi di stato si siedono attorno a un tavolo, fanno lunghe trattative e alla fine la Germania dice no'”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore