skip to Main Content

Transizione Verde

Come la guerra e i sussidi hanno cambiato la transizione verde. Report Economist

La crisi causata dalla guerra in Ucraina potrebbe aver accelerato la transizione verde di cinque o dieci anni. L'approfondimento dell'Economist.

Per molti attivisti, Lutzerath, un borgo abbandonato in Germania, racchiude l’incubo della crisi energetica globale. Per mesi gli attivisti hanno bloccato la demolizione del sito, dopo che Robert Habeck, ministro dell’Energia del Paese, aveva permesso a un’azienda di servizi pubblici di estrarre lignite, la forma più sporca di carbone, sotto le sue case graffitate. Mentre una gigantesca escavatrice si avvicinava, centinaia di poliziotti, noncuranti dei fuochi d’artificio lanciati contro di loro, hanno allontanato i manifestanti dalle loro postazioni. Ora il villaggio è vuoto, gli ultimi edifici sono scomparsi.

Nel panico di tenere le luci accese, i politici di tutta Europa e Asia stanno riaprendo miniere di carbone, mantenendo in vita centrali elettriche inquinanti e firmando accordi per l’importazione di gas naturale liquefatto (GNL). I colossi petroliferi statali, come l’Adnoc degli Emirati Arabi Uniti e la Saudi Aramco, stanno accantonando centinaia di miliardi di dollari per incrementare la produzione, anche se le aziende energetiche private stanno macinando enormi profitti. Molti governi incoraggiano il consumo di questi combustibili sporchi sovvenzionando l’uso di energia, per aiutare i cittadini a superare l’inverno.

Ma la realtà è che il ritorno dei combustibili fossili è una sottotraccia di una storia molto più grande. Rendendo il carbone, il gas e il petrolio più scarsi e più cari – i prezzi rimangono ben al di sopra delle medie di lungo periodo, nonostante i recenti cali – l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha dato alle energie rinnovabili, che sono per lo più generate a livello nazionale, un significativo vantaggio strategico ed economico. Infatti, anche se l’anno scorso Habeck ha appoggiato le miniere di carbone, il politico verde ha presentato piani per espandere l’energia solare ed eolica, anche nella ventosa Renania di Lutzerath. In tutto il mondo i politici stanno aumentando gli obiettivi per le energie rinnovabili e accantonando ingenti somme per finanziare la costruzione di impianti.

Questa complessità rende difficile discernere se il tumulto dei mercati energetici abbia favorito o ostacolato la transizione energetica. Per valutare il quadro generale, The Economist ha esaminato una serie di fattori, tra cui il consumo di combustibili fossili, l’efficienza energetica e la diffusione delle energie rinnovabili. I nostri risultati suggeriscono che la crisi causata dalla guerra in Ucraina potrebbe aver accelerato la transizione verde di ben cinque o dieci anni.

Segnali di fumo

Come suggerisce la battaglia di Lutzerath, il motivo principale di allarme è che il mondo sta bruciando più carbone in questi giorni. Prima della guerra, sembrava che l’appetito per questo combustibile, dopo aver raggiunto il picco nel 2013, fosse in declino cronico. L’anno scorso, invece, il consumo è cresciuto dell’1,2%, superando gli 8 miliardi di tonnellate per la prima volta nella storia. I prezzi del gas alle stelle hanno spinto le aziende di servizi pubblici in Europa e in alcune parti dell’Asia, in particolare Giappone e Corea del Sud, a utilizzare molto di più questo combustibile. i politici hanno prolungato la vita delle centrali a carbone, riaperto quelle chiuse e tolto i tetti di produzione. Ciò ha portato a una corsa all’approvvigionamento, esacerbata dal divieto imposto dall’Europa alle importazioni dalla Russia. In Cina e in India la produzione è aumentata rispettivamente dell’8% e dell’11% nel 2022, portando la produzione mondiale a un livello record.

L’Agenzia internazionale per l’energia (Iea), un’agenzia di analisi ufficiale, prevede che la domanda di carbone rimarrà elevata fino al 2025 (anche se avverte che le previsioni sono particolarmente difficili nelle attuali condizioni di mercato). L’Europa riceverà meno gas dalla Russia e l’offerta globale di GNL rimarrà probabilmente limitata, il che significa che il carbone rimarrà l’opzione di ripiego del blocco. L’appetito dell’India probabilmente crescerà, aumentando la domanda. Ma l’aumento sarà mitigato da un incremento dell’uso delle energie rinnovabili e, oltre il 2025, le sorti del carbone appaiono poco rosee. I nuovi progetti di GNL in America, Qatar e altrove entreranno in funzione, dando sollievo ai mercati del gas. Allo stesso tempo, il boom dell’eolico e del solare ridurrà l’appetito per i combustibili fossili, non da ultimo in Cina. L’Iea prevede che il Paese costruirà una capacità di generazione rinnovabile in grado di fornire 1.000 terawattora entro il 2025, pari all’attuale produzione totale di energia elettrica del Giappone.

Nel frattempo, l’attuale capacità produttiva mondiale di petrolio e gas è già prossima al completo utilizzo. La Russia non può facilmente riorientare le esportazioni di gas; le sue piattaforme petrolifere, prive di personale e di pezzi di ricambio, potrebbero presto produrre meno di quanto non facciano ora. Sebbene i Paesi affamati di energia si siano impegnati a firmare accordi a lungo termine per l’importazione di GNL, che li costringerà a importare il combustibile fossile per altri decenni, i volumi rimangono modesti. Le aziende produttrici di idrocarburi stanno godendo di profitti succulenti, ma gli investimenti in nuovi progetti sono in calo. La spesa rimane ben al di sotto dei livelli di un decennio fa e un dollaro di investimento sembra andare meno lontano al giorno d’oggi: la spesa di capitale per barile di produzione, una misura dei costi di esplorazione e produzione, è aumentata del 30% dal 2017. Una domanda sostenuta e un’offerta in lento aumento, forse addirittura in calo, dovrebbero mantenere alti i prezzi di entrambi.

I prezzi elevati significano che i consumatori e le imprese hanno cercato di ridurre la loro dipendenza dai combustibili fossili. L’anno scorso l’economia mondiale è diventata del 2% meno energivora – misurata in base alla quantità di energia utilizzata per produrre un’unità di PIL – il tasso di miglioramento più rapido degli ultimi dieci anni. Gli sforzi per consumare meno sono più evidenti in Europa, che negli ultimi mesi è stata favorita da temperature insolitamente miti. Grazie al clima caldo e alla maggiore efficienza energetica, il continente ha utilizzato il 6-8% di elettricità in meno quest’inverno rispetto a quello precedente. In tutto il mondo, il capitale viene mobilitato su vasta scala per rendere l’economia più frugale. L’anno scorso governi, famiglie e imprese hanno speso insieme 560 miliardi di dollari per l’efficienza energetica. Questi soldi sono stati destinati principalmente a due tecnologie: i veicoli elettrici e le pompe di calore. Le vendite dei primi sono quasi raddoppiate sia nel 2021 che nel 2022.

Ma l’efficienza può fare solo una grande differenza. La gente guarda anche a fonti di energia alternative, soprattutto in Europa. Da dicembre 2021 a ottobre 2022 i prezzi dei contratti per i progetti eolici e solari fotovoltaici del continente sono stati in media del 77% inferiori ai prezzi dell’energia all’ingrosso. A 257 euro per megawattora (mwh), il prezzo medio in Germania a dicembre, un tipico impianto solare impiega meno di tre anni per diventare redditizio, contro gli 11 anni a 50 euro per mwh, il prezzo medio spot tra il 2000 e il 2022. A livello globale, le installazioni di pannelli solari sui tetti, che le famiglie e le imprese utilizzano per ridurre le bollette, sono aumentate della metà lo scorso anno. È stato inoltre avviato un progetto record di 128 GW di energia eolica terrestre, con un aumento del 35% rispetto all’anno precedente.

Questi indicatori coprono solo una frazione dell’attività svolta dal dopoguerra, perché la selezione di un sito, l’ottenimento dei permessi e la progettazione di grandi parchi eolici o solari possono richiedere molti anni. Un metro più rappresentativo, e anche più incoraggiante, è la quantità di denaro che affluisce ai nuovi progetti. L’anno scorso la spesa globale in conto capitale per impianti eolici e solari è cresciuta da 357 a 490 miliardi di dollari, superando per la prima volta gli investimenti in pozzi di petrolio e gas nuovi ed esistenti. La società di consulenza Rystad Energy ritiene che gli investimenti continueranno ad aumentare nei prossimi due anni.

Allo stesso tempo, la stretta sui carburanti ha dato un impulso alle politiche per l’energia pulita nelle maggiori economie mondiali. L’Inflation Reduction Act (IRA) americano stanzia 369 miliardi di dollari di sussidi per le tecnologie verdi; la Commissione europea ha presentato un “Net-Zero Industry Act“, che fornirà almeno 250 miliardi di euro (270 miliardi di dollari) alle aziende di tecnologie pulite, anticipando anche l’obiettivo di raddoppiare la capacità solare installata nell’UE al 2025, dal 2030. Anche le ambizioni nazionali sono state ridimensionate. A luglio la Germania ha innalzato all’80%, dal 65%, l’obiettivo di quota rinnovabile nella produzione di energia elettrica entro il 2030. Il 14° piano quinquennale per l’energia della Cina, pubblicato a giugno, fissa per la prima volta un obiettivo per la quota di rinnovabili nella produzione di energia (33% entro il 2025). Anche i governi provinciali del Paese stanno offrendo sempre più incentivi verdi.

Gran parte del denaro sarà speso in modo inefficiente. IRA è accompagnata da una serie di clausole “Made in America”. In risposta, la Commissione europea sta progettando di allentare le regole sugli aiuti di Stato. Questa politica industriale aggraverà un problema già esistente: quello dell’inflazione dei costi. La guerra della Russia in Ucraina ha fatto salire il prezzo di metalli come l’alluminio, il rame e l’acciaio, tutti elementi fondamentali per cavi, turbine e pannelli. Sebbene i prezzi di alcune materie prime stiano ora scendendo, i costi sono spinti al rialzo dall’aumento dei tassi di interesse, un problema particolare per gli sviluppatori di parchi solari ed eolici, che richiedono un capitale iniziale maggiore rispetto alle normali centrali elettriche. Gli alti costi di trasporto e di energia, così come la carenza di personale, aggiungono un ulteriore aggravio al conto. Namit Sharma, della società di consulenza McKinsey, ritiene che entro il 2030 l’UE dovrà quadruplicare il numero di persone che sviluppano, costruiscono e gestiscono gli impianti verdi necessari per raggiungere gli obiettivi.

Tutto ciò significa che gli sviluppatori ai vertici della filiera verde non stanno guadagnando molto. Diversi colossi dell’eolico offshore hanno recentemente annunciato che effettueranno ingenti svalutazioni sui progetti. In teoria, gli sviluppatori potrebbero trasferire i costi più elevati ai consumatori facendo offerte per i potenziali progetti a prezzi più alti. Ma in pratica le nuove regole nazionali e le aste rendono difficile questa operazione. Quest’inverno l’Europa ha adottato una tassa sui generatori di energia rinnovabile e un tetto ai prezzi dell’energia all’ingrosso, ponendo di fatto un tetto ai rendimenti. Il nuovo sistema di gare d’appalto per l’eolico offshore della Germania prevede che gli offerenti competano su quanto sono disposti a pagare per gestire i progetti, un sistema noto come “offerta negativa”. Le interminabili controversie sulle autorizzazioni diluiscono ulteriormente i rendimenti.

Terra, vento e fuoco

In un universo alternativo, meno protezionistico, i vasti pacchetti di spesa dell’America e dell’Europa avrebbero un impatto ancora maggiore. Ma anche in questo mondo decaduto, sono ancora piuttosto importanti: secondo gli esperti consultati dall’Economist, sono sufficienti per accelerare la transizione energetica di cinque-dieci anni. L’ondata di investimenti e gli obiettivi più stringenti dovrebbero creare un’enorme quantità di capacità di generazione rinnovabile. Complessivamente, l’Iea prevede che la capacità globale di energia rinnovabile aumenterà di 2.400 gw tra il 2022 e il 2027, una quantità equivalente all’intera capacità elettrica installata oggi in Cina. Si tratta di un aumento di quasi il 30% rispetto alle previsioni dell’agenzia del 2021, pubblicate prima della guerra. Le energie rinnovabili dovrebbero rappresentare il 90% dell’aumento della capacità di generazione globale nel periodo.

Con l’aumento dell’energia verde e il calo dell’uso dei combustibili fossili, le emissioni di anidride carbonica dovrebbero diminuire molto più rapidamente di quanto previsto solo 12 mesi fa. S&p Global, una società di dati, ritiene che le emissioni derivanti dalla combustione di energia raggiungeranno il picco nel 2027, a un livello che il mondo starebbe ancora producendo nel 2028 se non ci fosse stata la guerra. Rystad stima che quelle derivanti dalla sola generazione di elettricità e riscaldamento potrebbero raggiungere un tetto già quest’anno. Questo perché è improbabile che la recente corsa all’acquisto di combustibili fossili duri a lungo o sia abbastanza grande da contrastare il boom verde. Per un’illustrazione di ciò, torniamo in Germania. Il destino di Lutzerath è stato segnato da un compromesso. L’accordo prevede che due centrali a carbone che dovevano essere chiuse nel 2022 rimangano in funzione fino al marzo 2024. In cambio, però, due impianti più grandi saranno dismessi nel 2030, otto anni prima di quanto previsto.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top