skip to Main Content

Cosa farà Snam con le startup di idrogeno

Snam Idrogeno

Snam ha lanciato HyAccelerator, un acceleratore di startup attive nella filiera dell’idrogeno. Tutti i dettagli

La società di infrastrutture energetiche Snam ha annunciato il lancio, oggi, di HyAccelerator: si tratta di un programma di accelerazione per startup, chiamato così perché punta a favorire la “maturazione” di queste società permettendole di accedere a capitali e investimenti.

COS’È HYACCELERATOR

HyAccelerator ha scala globale, si rivolge alle startup che sviluppano tecnologie sull’idrogeno ed è gestito da Snam. È stata aperta una prima call, dedicata ad aziende che operano lungo l’intera filiera dell’idrogeno: dalla sua produzione al trasporto allo stoccaggio, fino agli usi finali nelle industrie e nella mobilità.

COME FUNZIONA

Le startup selezionate nelle varie call potranno accedere a un “percorso di accelerazione” dai quattro (il minimo) ai sei mesi (il massimo) di durata. Riceveranno, in questa fase, del supporto sulla ricerca e lo sviluppo, sulla creazione di contatti e sul test delle soluzioni da loro sviluppate. Potranno anche usufruire della rete creata da Snam attraverso l’Hydrogen Innovation Center, in collaborazione con università e centri di ricerca.

Dopodiché, terminato il periodo, le startup andranno a realizzare insieme a Snam degli studi di fattibilità per futuri progetti pilota sull’idrogeno.

L’IMPORTANZA DELL’IDROGENO NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA

L’idrogeno è un combustibile “pulito”, nel senso che non rilascia gas serra (ad eccezione del vapore acqueo) che potrebbe favorire la decarbonizzazione di quei processi industriali e di quei trasporti difficilmente elettrificabili: la siderurgia da un lato, ad esempio; i treni o i camion a lunga percorrenza dall’altro.

L’idrogeno può inoltre essere utilizzato come “energia-rifugio”, ovvero come elemento per lo stoccaggio di energia rinnovabile che può essere convertita in elettricità nei momenti di bisogno: in questo modo, l’idrogeno permetterebbe di bilanciare la rete elettrica e di risolvere il problema dell’intermittenza di generazione delle fonti come l’eolico e il solare.

IL PROBLEMA DEI COSTI

Il problema dell’idrogeno, che storicamente ne ha ostacolato lo sviluppo e l’affermazione su larga scala, è negli alti costi di produzione, specialmente per quanto riguarda la varietà “verde” (cioè l’idrogeno prodotto utilizzando energia rinnovabile).

Produrre un chilo di idrogeno verde costa infatti tra i 4 e gli 8 dollari. Di contro, un chilo di idrogeno blu (ottenuto dal gas ma catturando le emissioni) costa circa 3,5 dollari. Mentre l’idrogeno grigio (senza cattura delle emissioni) è ancora più economico: 1,5 dollari al chilo.

IL COMMENTO DI PANZACCHI (SNAM)

Cosma Panzacchi, vicepresidente esecutiva della divisione Idrogeno di Snam, ha spiegato che “l’obiettivo di HyAccelerator è dare impulso allo sviluppo dell’ecosistema idrogeno puntando sulle tecnologie più promettenti e facilitandone l’ingresso sul mercato. Attraverso questa iniziativa, Snam entrerà in contatto con le startup più innovative del settore a livello globale, rafforzando il proprio ruolo di abilitatore della filiera dell’idrogeno e della transizione energetica”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore