Energia

Recovery plan, tutti i piani dell’Italia sull’Idrogeno

di

compagnie energetiche idrogeno
idrogeno

Le proposte del ministero dello Sviluppo economico per la promozione dell’idrogeno contenute nel documento inviato a Palazzo Chigi

1 miliardo di euro. È questo quanto il ministero dello Sviluppo Economico prevede per lo sviluppo e la promozione dell’idrogeno, in base alle proposte scritte inviate al dipartimento delle Politiche europee della presidenza del Consiglio

Tutti i dettagli.

PIATTAFORMA COORDINATA

Tra le prime proposte del dicastero retto da Stefano Patuanelli (M5S) c’è la creazione di una piattaforma coordinata di ricerca e sperimentazione prototipale sulle tecnologie di produzione e stoccaggio dell’idrogeno.

La piattaforma dovrà essere sviluppata da Enea (grazie all’aumento del fondo esistente al Mise) in collaborazione con Università, enti di ricerca ed imprese che stanno già sviluppando progetti sperimentali a idrogeno.

IDROLIZZATORI SU SCALA INDUSTRIALE

Tra gli obiettivi che su questo fronte si pone il Mise c’è quello dello sviluppo di prototipi a scala sempre maggiore per poter arrivare a idrolizzatori su scala industriale. Per tale obiettivo, si legge nel documento, sarà possibile utilizzare “aree industriali dismesse già connesse alle reti energetiche elettriche e gas in modo da sperimentare la produzione di idrogeno da rinnovabili, sia in terraferma che offshore, con riuso delle stesse infrastrutture e utilizzo dell’idrogeno in forma di blending nella rete gas e per utilizzazioni locali nel trasporto pubblico”.

CREAZIONE DI UN’AREA INDUSTRIALE DEDICATA

Il ministero, tra le proposte inviate a Palazzo Chigi, inserisce anche la possibile creazione “di un’area industriale con relativo territorio di indotto dedicata alla produzione di elettrolizzatori di potenza elevata con creazione di un parco tecnologico specializzato nelle tecnologie dell’idrogeno e delle celle a combustibile”. Si augura che questo possa attrarre l’interesse di aziende ed enti di ricerca italiani ed esteri.

PROGETTI SPERIMENTALI

La promozione della nuova e rinnovabile fonte energetica passa anche attraverso la realizzazione di progetti per l’utilizzo sperimentale dell’idrogeno nel settore industriale, e nel settore siderurgico in particolare.

PROGETTI DIMOSTRATIVI

Accanto ai progetti sperimentali, il Mise prevede quelli dimostrativi per l’uso di idrogeno nei trasporti pesanti e ferroviari, “per estendere l’attuale corridoio per trasporto merci pesanti dal Brennero fino all’area padana e per sostituire treni diesel con treni a idrogeno nelle tratte ferroviarie non elettrificate”, spiega il Documento.

HYDROGEN VALLEYS

Ambizioso il progetto della creazione di una Hydrogen Valleys, per la diffusione dell’utilizzo dell’idrogeno su scala locale, con progetti integrati di produzione di idrogeno da rinnovabili, con reti dedicate, e utilizzi locali per trasporto pubblico.

Qui tutte le proposte del Mise per il Recovery Plan, inviate a Palazzo Chigi. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati