skip to Main Content

Perché gli Usa hanno attinto alle riserve strategiche di petrolio per venderlo alla Cina?

Unipec

L’amministrazione Biden ha venduto quasi 6 milioni di barili di petrolio presi dalla riserva strategica a Unipec America, il braccio commerciale statunitense della compagnia petrolifera statale cinese Sinopec. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

L’amministrazione Biden ha venduto quasi 6 milioni di barili di petrolio presi dalla riserva strategica a un’entità legata al Partito Comunista Cinese.

Da settembre 2021 a luglio 2022, il Dipartimento dell’Energia (DOE) ha assegnato tre contratti di petrolio greggio per un valore di circa 464 milioni di dollari a Unipec America, il braccio commerciale statunitense della compagnia petrolifera statale cinese Sinopec. La vendita toccherebbe 5,9 milioni di barili in totale dalla riserva strategica (SPR) da esportare all’azienda cinese. L’ultimo contratto, rivelato il 10 luglio, è stato per 950.000 barili venduti per circa 113,5 milioni di dollari.

Le due vendite più recenti a Unipec sono risultate da un prelievo di emergenza delle scorte petrolifere statunitensi, avviato sotto il presidente Joe Biden il 31 marzo per compensare la perdita di petrolio russo nei mercati globali e controllare l’aumento dei costi del carburante a casa.

I contratti Unipec sono stati oggetto di pesanti critiche nelle ultime settimane, soprattutto a causa dei legami dell’azienda con il figlio del presidente Biden.

L’asta petrolifera è competitiva in termini di prezzo, il che significa che i contratti vengono assegnati al miglior offerente. Unipec, si è assicurata 1,9 milioni di barili negli ultimi tre mesi attraverso due contratti che ha vinto il 21 aprile e il 10 luglio.

Il DOE ha anche venduto 4 milioni di barili a Unipec lo scorso autunno durante una vendita su mandato del Congresso.

Le vendite a Unipec sembrano scendere nella fascia di prezzo più bassa tra gli acquirenti. Per il contratto 2021, Unipec ha pagato circa 63 dollari per ogni barile, circa 7 dollari in meno rispetto al prezzo di negoziazione dell’epoca e più di 2 dollari al di sotto del prezzo più alto di altri acquirenti nella vendita.

La Strategic Petroleum Reserve è la più grande fornitura al mondo di petrolio greggio di emergenza, con quattro siti di stoccaggio in Texas e Louisiana progettati per alleviare significative carenze di approvvigionamento di petrolio in tempi di grandi eventi geopolitici o disastri naturali.

La quantità di petrolio nella SPR ha visto un forte calo nell’ultimo anno, in particolare da quando Biden, incolpando la guerra russa in Ucraina per l'”aumento dei prezzi alla pompa”, a marzo ha ordinato un ritiro ad un tasso di 1 milione di barili al giorno per sei mesi per frenare i prezzi del gas. La prevista vendita di circa 180 milioni di barili ha segnato il più grande prelievo nella storia di oltre quattro decenni della riserva ed è destinata a ridurre l’offerta di petrolio di riserva degli Stati Uniti di circa un terzo.

La Cina è il più grande importatore mondiale di petrolio. Mentre l’Occidente si allontana dal petrolio russo a causa della guerra in Ucraina, la Cina ha accumulato risorse russe con forti sconti. Da marzo a giugno, ha speso più di 25 miliardi di dollari in petrolio, gas e carbone russi, quasi raddoppiando l’importo rispetto al periodo precedente, mostrano gli ultimi dati doganali. Il volume delle vendite ha spinto la Russia a diventare il principale fornitore di petrolio della Cina per due mesi consecutivi da maggio, spostando l’Arabia Saudita.

Il 20 luglio, 20 membri repubblicani del Comitato per la supervisione e la riforma della Camera hanno scritto al Segretario dell’Energia Jennifer Granholm chiedendo un briefing immediato e tutti i documenti relativi alla decisione dell’amministrazione di vendere le riserve petrolifere statunitensi. Hanno notato che Sinopec, l’organizzazione madre di Unipec, è stata collegata al figlio del presidente Hunter Biden, attraverso la società di private equity cinese sostenuta dallo stato BHR Partners, che è diventata uno stakeholder di Sinopec nel 2014.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore