Energia

Perché Eni, BP, Shell e Total punteranno su elettrico e gas

di

eni

Tutte le evoluzioni verso l’elettrico e il gas da parte di BP e Shell, Total ed Eni in un approfondimento del New York Times

È in atto una trasformazione lenta ma inesorabile delle compagnie petrolifere e del gas mondiali. Trasformazione che, spinta dai governi e dagli investitori per affrontare i problemi del cambiamento climatico, le sta portando ad affrontare la transizione energetica e “ad assomigliare” sempre di più “alle compagnie elettriche”. È quanto scrive il New York Times in un ampio articolo a firma di Stanley Reed sulla trasformazione delle aziende petrolifere “soprattutto i colossi del petrolio europei” per i quali “potrebbe essere l’anno giusto” per accompagnare il cambiamento.

GLI ESEMPI DI SHELL E TOTAL

Il New York Times correda la sua affermazione con qualche esempio partendo dalla Royal Dutch Shell: “Alla fine del mese scorso ha vinto un accordo per la costruzione di un vasto parco eolico al largo delle coste olandesi”. Lo stesso hanno fatto i francesi di Total, che possiede un produttore di batterie, e “ha accettato di fare diversi grandi investimenti nell’energia solare in Spagna e in un parco eolico al largo della Scozia. Total ha anche acquistato un’azienda elettrica e di gas naturale in Spagna e si sta unendo a Shell e BP nell’espansione della sua attività di ricarica di veicoli elettrici”, scrive il Nyt aggiungendo che al tempo stesso, queste società stanno abbandonando i piani per trivellare altri pozzi.

“La Shell ha recentemente dichiarato di voler ritardare l’apertura di nuovi campi nel Golfo del Messico e nel Mare del Nord, mentre BP ha promesso di non andare a caccia di petrolio in nessun nuovo Paese”.

PANDEMIA E CROLLO DEI FATTURATI UN AVVERTIMENTO PER CAMBIARE

Il motivo di questo cambiamento, che per ora si sta manifestando soprattutto tra le major europee, è molto semplice, chiarisce il Nyt: “Spinte dai governi e dagli investitori ad affrontare i problemi del cambiamento climatico sui loro prodotti, le compagnie petrolifere europee stanno accelerando la produzione di energia più pulita – di solito elettricità, a volte idrogeno – e promuovendo il gas naturale, che secondo loro può essere un combustibile di transizione più pulito dal carbone e dal petrolio alle energie rinnovabili. Per alcuni dirigenti – si legge ancora sul quotidiano americano -, l’improvviso crollo della domanda di petrolio causato dalla pandemia – e il conseguente crollo dei guadagni – è un altro avvertimento che, se non cambiano la composizione delle loro attività, rischiano di essere dinosauri a rischio di estinzione”.

PER DESCALZI (ENI) BUSINESS SEMPRE PIU’ LEGATO ALL’ENERGIA VERDE

E non si tratta di un caso isolato. Secondo il Nyt questa visione in evoluzione è ancora più sorprendente se si considera che è condivisa da molti veterani di lunga data del settore petrolifero. “‘Negli ultimi sei anni abbiamo avuto un’estrema volatilità delle materie prime petrolifere’, ha detto Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni. Descalzi ha detto di voler costruire un business sempre più basato sull’energia verde piuttosto che sul petrolio. ‘Vogliamo stare lontani dalla volatilità e dall’incertezza’, ha aggiunto” l’ad di Eni secondo il quotidiano americano.

Stesso discorso per Bernard Looney, 29 anni, veterano della BP, diventato amministratore delegato a febbraio, ha recentemente dichiarato ai giornalisti: “Quello che il mondo vuole dall’energia sta cambiando, e quindi noi dobbiamo cambiare quello che offriamo al mondo”.

LA SCOMMESSA È L’ELETTRICITÀ

“La scommessa è che l’elettricità sarà il primo mezzo per fornire energia più pulita in futuro e, quindi, crescerà rapidamente. I giganti americani come Exxon Mobil e Chevron sono stati più lenti dei loro omologhi europei nell’impegnarsi per raggiungere obiettivi legati al clima che sono così lontani, dicono gli analisti, in parte perché si trovano ad affrontare meno pressioni da parte del governo e degli investitori (anche se la comunità finanziaria americana si fa sempre più sentire ultimamente). (…) Aziende come Shell e BP stanno cercando di posizionarsi verso un’epoca in cui si affideranno molto meno all’estrazione di risorse naturali dalla terra che alla fornitura di energia come servizio su misura per le esigenze dei clienti – più simile alle utility elettriche che ai perforatori di petrolio”, si legge ancora sul Nyt.

“Sperano di sfruttare le migliaia di ingegneri sul loro libro paga per gestire la costruzione di nuovi tipi di impianti energetici; le loro vaste reti di stazioni di vendita al dettaglio per fornire servizi come la ricarica dei veicoli elettrici; e i loro canali commerciali, che tipicamente acquistano e coprono un’ampia varietà di futures energetici, per organizzare forniture di energia a basse emissioni di carbonio per le città o le grandi aziende”.

“L’elettricità è la chiave della maggior parte di queste strategie. Anche l’idrogeno, un gas a combustione pulita che può immagazzinare energia e generare energia elettrica per i veicoli, gioca un ruolo sempre più importante”, ha chiuso il quotidiano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati