skip to Main Content

Minerali Critici

La transizione verde sta causando una guerra per i minerali

La crescente domanda e la limitata offerta di minerali strategici sono destinate a influenzare gli eventi geopolitici del futuro. L'analisi di Daniel Wild, Chief Sustainability Officer di Bank J. Safra Sarasin.

Nell’ultimo secolo, la produzione mondiale di metalli è aumentata in modo significativo. Questa tendenza è destinata a continuare grazie agli sforzi globali per ridurre le emissioni di carbonio. Si prevede che le normative più severe, attuate ora e in futuro, spingeranno ulteriormente la domanda di metalli.

Proteggere l’approvvigionamento futuro di minerali strategici

A differenza del petrolio e del gas, i giacimenti di risorse di molti metalli necessari per la transizione energetica sono altamente concentrati in pochi Paesi. Il Cile è il primo produttore di rame al mondo e contribuirà a circa un quarto della produzione totale di rame nel 2022. Il Sudafrica e la Repubblica Democratica del Congo (RDC) rappresentano rispettivamente circa il 70% della produzione globale di platino e cobalto, mentre la Cina rappresenterà il 68% della produzione globale di terre rare nel 2022 (anche se in calo rispetto a oltre l’80% della metà del 2010). L’Australia e il Cile insieme rappresentano circa il 70% dell’estrazione globale di litio, rendendoli gli attori dominanti in questo settore.

Il livello di concentrazione è ancora più elevato per quanto riguarda le operazioni di lavorazione e raffinazione.

La Cina ha acquisito una forte posizione in queste aree per la maggior parte dei metalli. La sua quota di raffinazione si aggira intorno al 35% per il nichel (la cifra diventa più alta se si include il coinvolgimento delle aziende cinesi in Indonesia), al 50-70% per il litio e il cobalto e fino al 90% per la lavorazione delle terre rare, che converte la produzione mineraria in ossidi, metalli e magneti. La concentrazione delle risorse può portare a gravi problemi di approvvigionamento di materie prime critiche in caso di interruzioni impreviste, in particolare per mercati come l’Europa, dove la produzione locale è molto limitata.

Il dominio della Cina

Il dominio della Cina nel settore dei minerali strategici è dovuto in parte ai giacimenti naturali presenti nel Paese, ma anche a una pianificazione deliberata. Il governo cinese ha lanciato la Belt and Road Initiative (BRI) nel 2013 per sviluppare nuove rotte commerciali che colleghino il Paese al resto del mondo, aumentando l’influenza economica della Cina. Dall’inizio del progetto, i relativi impegni (investimenti e costruzioni) hanno superato la soglia dei mille miliardi di dollari. Di conseguenza, la Cina si è già assicurata un’ampia fetta di risorse minerarie e ancora di più nella lavorazione. Gli impegni nel settore metallurgico e minerario sono un’area in crescita, con un aumento del 131% nella prima metà del 2023 rispetto alla prima metà del 2022. Le aziende cinesi stanno acquisendo attivamente miniere di litio in tutto il mondo per assicurarsi l’accesso a materie prime strategiche. Tra i 136 impianti di batterie agli ioni di litio pianificati in tutto il mondo a partire dal 2019, 101 apriranno in Cina.

La risposta europea e americana

In risposta, l’Europa e gli Stati Uniti hanno intrapreso misure per recuperare il ritardo nel garantire le risorse strategiche critiche. Un esempio è rappresentato dagli elementi di terre rare, di cui la Cina detiene circa il 68% della produzione. L’Europa non ha miniere che producono elementi di terre rare, ma possiede aree con una geologia adatta alle risorse di terre rare. Ad esempio, nel gennaio 2023, la società mineraria statale svedese LKAB ha dichiarato di aver individuato più di 1 milione di tonnellate di ossidi di terre rare nell’area di Kiruna, nell’estremo nord del Paese, il più grande giacimento conosciuto in Europa. Nel marzo 2023, l’Unione Europea ha presentato la legge sulle materie prime critiche (CRMA). La legge è stata concepita per garantire l’approvvigionamento dei minerali ritenuti fondamentali per la transizione verde e per porre fine alla dipendenza dalla Cina. Il CRMA è il risultato della situazione creatasi durante la pandemia di Covid-19, quando le forniture di beni di prima necessità si sono prosciugate, e dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e della conseguente riduzione delle forniture di gas naturale.

In risposta, la Cina ha imposto restrizioni alle esportazioni di gallio, germanio e grafite, che fanno parte dell’elenco delle materie prime strategiche dell’UE, e ha vietato le esportazioni di tecnologia per la lavorazione delle terre rare, adducendo preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Da parte sua, il governo statunitense ha lanciato nel 2022 massicci crediti d’imposta con l’Inflation Reduction Act (IRA) per incentivare i progetti di energia pulita. L’obiettivo principale è quello di ridurre le emissioni di gas serra negli Stati Uniti del 40% rispetto ai livelli del 2005 entro la fine del decennio in corso. Una componente chiave della legge è l’impegno a incrementare l’offerta nazionale di minerali strategici per fornire i materiali necessari a una vasta espansione di veicoli elettrici, batterie e infrastrutture per l’energia rinnovabile.

La decisione degli Stati Uniti di stimolare la transizione verde attraverso 370 miliardi di dollari di incentivi è in contrasto con l’UE, che ha optato per un approccio normativo per guidare la decarbonizzazione. Ciononostante, molti Paesi hanno optato per la via normativa, cercando di proteggere i propri interessi strategici in materia di materiali. Molti Paesi hanno emanato politiche e approvato regolamenti per garantire la sicurezza dei metalli, con oltre 100 nuove politiche solo negli ultimi tre anni. Gli investitori possono trarre vantaggio dalla spinta normativa e dalla crescente domanda di metalli. Integrando attentamente i fattori ESG, è possibile selezionare le aziende leader con le migliori pratiche operative che probabilmente trarranno vantaggio dalle normative emergenti, evitando invece quelle che subiranno conseguenze economiche a causa della mancanza di conformità e del mancato rispetto dei rischi di sostenibilità.

La geopolitica dei minerali strategici

La crescente domanda e la limitata offerta di metalli sono destinate a influenzare gli eventi geopolitici del futuro. I Paesi ricchi di minerali acquisteranno importanza sulla scena globale e sposteranno le dinamiche di potere a loro favore. La competizione per le scarse risorse potrebbe anche intensificare le rivalità geopolitiche. Finora le tabelle di marcia dei governi si sono concentrate soprattutto sull’offerta e meno sulla riduzione della domanda, ad esempio promuovendo un’economia circolare e di condivisione.

In effetti, un aumento del riciclaggio da solo potrebbe contribuire a soddisfare una parte della crescente domanda di minerali strategici una volta che la transizione verde avrà preso piede. L’AIE stima che il riciclaggio potrebbe rappresentare il 10% dell’offerta di minerali come il rame, il litio e il nichel entro il 2040. I materiali per le tecnologie delle energie rinnovabili, come le turbine eoliche, un tempo erano molto difficili da riciclare. Oggi, i nuovi materiali compositi consentono di riutilizzare la maggior parte dei materiali. L’obiettivo è quello di garantire sempre più che il prodotto sia progettato in modo da poter essere riciclato nel modo più semplice ed efficiente possibile.

Back To Top