Energia, Onde gravitazionali

Le onde gravitazionali esistono

di

onde gravitazionali

Sono state scoperte le onde gravitazionali: la teoria di Albert Einstein è vera

Una scoperta storica: le onde gravitazionali esistono. L’annuncio è stato dato oggi, 11 febbraio 2016, alle 16,30 a Pisa in una conferenza che ha anticipato di qualche minuto la conferenza stampa gemella a Washington.

L’esistenza di queste onde è stata ipotizzata esattamente un secolo fa, nel novembre 1915, quando Albert Einstein illustrò la sua Teoria della relatività generale. Il 14 settembre 2015 alle 10,50 e 45 secondi (ora italiana) i due strumenti dell’esperimento Ligo negli Stati Uniti (nello Stato di Washington e in Louisiana) avevano registrato un dato anomalo. Oggi, dopo diverse conferme, è stato dato l’annuncio. Anche l’Italia ha fatto la sua parte in questa scoperta: Fulvio Ricci è il coordinatore della collaborazione Virgo, un rivelatore interferometrico di onde gravitazionali.

Le onde gravitazionali rivelate sono state prodotte nell’ultima frazione di secondo del processo di fusione di due buchi neri in un unico buco nero ruotante: un buco nero aveva massa equivalente a circa 29 masse solari, l’altro a 36 masse solari. Il buco nero unico che si è venuto a formare era pari a 62 masse solari: le tre masse solari mancanti al totale della somma equivalgono all’energia emessa durante il processo di fusione dei due buchi neri, sotto forma di onde gravitazionali.

Ma cosa sono le onde gravitazionali?

Le onde gravitazionali sono delle increspature del tessuto dello spazio-tempo che permea tutto l’universo, che vengono prodotte dal movimento di corpi dotati di massa. Secondo Einstein la gravità stessa è dovuta alla curvatura dello spazio-tempo causata dalla massa. La scoperta dell’esistenza di queste onde non solo va a confermare la teoria di Einstein, ma va a rivoluzionare il mondo della fisica e dell’astrofisica: le onde gravitazionali ci permetteranno di studiare il mondo in modo diverso, finora osservato attraverso i segnali emessi da stelle e galassie nello spettro elettromagnetico (luce visibile, raggi X e gamma, infrarossi, ultravioletti, onde radio di varia lunghezza d’onda).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati