skip to Main Content

Chi investe in azioni di petrolio e gas

Crisi Covid-19 Fondi Riciclaggio Denaro CONTII PUBBLICI LOCKDOWN

Un terzo dei fondi per il clima venduti nel Regno Unito sono investiti in società petrolifere e del gas. I dettagli della ricerca di Common Wealth

Un terzo dei fondi per il clima venduti nel Regno Unito sono investiti in società petrolifere e del gas, secondo una ricerca che evidenzia la preoccupazione che gli investitori possano essere fuorviati da prodotti d’investimento sostenibili.

L’analisi del think-tank di sinistra Common Wealth ha inoltre rilevato che i fondi a basse emissioni di carbonio hanno un’esposizione molto maggiore alle aziende tecnologiche e finanziarie, settori che possono avere un ruolo indiretto nel cambiamento climatico, rispetto alle fonti di energia pulita.

I risultati aumenteranno la pressione sulle autorità di regolamentazione affinché intraprendano azioni più coraggiose per prevenire il greenwashing, dove i gestori dei fondi sopravvalutano le loro credenziali di sostenibilità per conquistare una quota del mercato dei fondi ambientali, sociali e di governance in continua crescita – scrive il FT.

Common Wealth, che ha esaminato 33 fondi a basse emissioni di carbonio venduti agli investitori al dettaglio del Regno Unito, ha affermato che, sebbene la sua ricerca non indichi necessariamente una falsa pubblicità da parte dei gestori, ha sollevato dubbi sul fatto che i fondi soddisfino le aspettative degli investitori.

“L’investitore individuale medio che si sforza di selezionare un’opzione di fondo orientata al clima potrebbe ragionevolmente aspettarsi che i suoi asset siano utilizzati per investire nella decarbonizzazione, nell’energia pulita e in altre aree correlate”, ha affermato Adrienne Buller, l’autrice della ricerca. “Ma gli investitori potrebbero essere sorpresi e delusi da ciò in cui i loro fondi investono”.

Common Wealth ha indicato 12 fondi che possedevano una o più compagnie petrolifere e del gas, pur avendo un obiettivo ambientale. Ha individuato tre prodotti, gestiti da HSBC Asset Management, Ossiam e Lyxor, che detenevano il produttore petrolifero statunitense ExxonMobil. Tuttavia, i fondi HSBC e Ossiam hanno dichiarato di aver poi venduto la società.

Inoltre, ha rilevato che i fondi a basse emissioni di carbonio sono stati fortemente investiti in tecnologia e servizi finanziari, settori che non sono direttamente legati al cambiamento climatico ma che contribuiscono in altri modi, come nel caso delle banche che concedono prestiti alle aziende inquinanti.

Questi settori rappresentano in media quasi il 30 per cento del valore di un fondo low carbon, rispetto a meno del 6 per cento per i servizi pubblici e circa il 3 per cento per l’energia, che secondo Common Wealth possono includere entrambi i fornitori di energia pulita.

Il think-tank ha esortato i responsabili politici del Regno Unito a porre fine alla confusione su ciò che gli investimenti sono considerati “verdi”, sviluppando un sistema di classificazione completo che definisca uno spettro di attività che spaziano dal verde, al dannoso e al neutro.

Una tale proposta andrebbe oltre le prossime norme ESG dell’UE, che non entreranno in vigore nel Regno Unito a causa di Brexit. Mentre il Regno Unito si prepara a tagliare i legami con l’UE, il dibattito sull’approccio della Gran Bretagna alla finanza sostenibile sta crescendo, una volta che avrà preso il controllo delle sue regole.

“Con Brexit e la COP26 [i colloqui internazionali sul clima] c’è una vera e propria finestra di opportunità per il Regno Unito di prendere una posizione coraggiosa e sviluppare una regolamentazione con i denti”, ha detto la signora Buller.

Tuttavia, alcuni sostengono che un giro di vite sull’esposizione alle aziende inquinanti impedirebbe ai gestori patrimoniali di usare la loro voce per spingere al cambiamento. La pressione degli azionisti ha infine contribuito a far sì che la ExxonMobil accettasse di ridurre alcune delle sue emissioni questa settimana.

François Millet, responsabile degli ESG ETF di Lyxor, ha affermato che possedere azioni di petrolio e gas “ci permette di parlare con le società, di esercitare la nostra influenza come azionisti e di utilizzare il nostro potere di voto”.

L’ETF Lyxor che detiene la ExxonMobil investe in tutto il mercato, ma riequilibra le azioni in base ai loro sforzi di decarbonizzazione, premiando le aziende che fanno progressi e penalizzando i ritardatari. La posizione del fondo nella società rappresenta lo 0,06 per cento del suo patrimonio

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore