Energia

La prossima guerra fra Usa e Cina sarà sul clima. Parola di Bank of America

di

clima bank of america

“Attraverso la regolazione, le limitazioni alle esportazioni, i dazi o investimenti significativi, riteniamo che gli Stati Uniti e la Cina faranno tutto il necessario per assumere la guida dell’azione climatica”, dice Haim Israel, responsabile della ricerca in Bank of America

 

Secondo Bank of America, la prossima “guerra” per la supremazia politica ed economica non sarà incentrata sul commercio o sulla tecnologia, ma sul clima.

Un report pubblicato dalla banca statunitense afferma per l’appunto che la questione più importante del decennio in corso è e sarà il cambiamento climatico. E la Cina – come nota Haim Israel, responsabile della ricerca in Bank of America – ha investito nell’azione climatica il doppio rispetto agli Stati Uniti.

“Crediamo che le strategie climatiche offrano una via per la supremazia globale”, ha detto Israel. “Attraverso la regolazione, le limitazioni alle esportazioni, i dazi o investimenti significativi, riteniamo che gli Stati Uniti e la Cina faranno tutto il necessario per assumere la guida dell’azione climatica”.

L’IMPEGNO PER IL CLIMA È UN’OCCASIONE PER LE AZIENDE

Secondo Israel, l’impatto economico del cambiamento climatico potrebbe raggiungere una cifra di 69mila miliardi di dollari durante questo secolo. Gli investimenti nella transizione energetica dovranno aumentare di 4mila miliardi all’anno, di cui oltre 100 miliardi di dollari convogliati nella ricerca e sviluppo.

Stando alle stime della banca, la capitalizzazione di mercato per le aziende che si impegnano nella lotta al cambiamento climatico potrebbe essere di circa 6mila miliardi di dollari, tra rinnovabili, veicoli elettrici e sostenibilità ambientale, sociale e di governance (i cosiddetti criteri ESG: environmental, social and governance).

“Il risultato finale”, secondo Israel, sarà che le compagnie leader nel percorso di transizione riusciranno a raccogliere grandi somme di denaro, mentre i “ritardatari del clima” potrebbero incappare in ostacoli finanziari o ricevere valutazioni più basse. Di recente Larry Fink, il presidente di BlackRock – la più grande società di investimento al mondo – ha dichiarato che oggi sempre più investitori puntano sulle aziende che si danno obiettivi di sostenibilità, invitando di conseguenza le società ad adeguarsi al nuovo contesto dettato dalla decarbonizzazione.

FILIERE E DAZI

I punti critici nella futura “guerra per il clima” riguarderanno il dominio delle filiere delle “energie pulite”, le politiche incentrate sulla produzione manifatturiera interna (in modo da ridurre la dipendenza dai fornitori esteri potenzialmente ostili) e le tariffe commerciali legate alle emissioni di carbonio.

L’ordine esecutivo firmato mercoledì scorso dal presidente americano Joe Biden punta proprio al rafforzamento delle supply chains critiche, ovvero legate a quei prodotti fondamentali per la sicurezza nazionale: non solo i dispositivi di protezione individuale e i semiconduttori, ma anche alcuni minerali (come le terre rare) e le batterie per i veicoli elettrici e per l’accumulo di energia.

AMERICA CONTRO CINA

Haim Israel ha detto a Bloomberg che entro il 2030 la capacità eolica e solare della Cina aumenterà rispettivamente di tre e quattro volte rispetto ai livelli attuali. Negli Stati Uniti l’espansione sarà minore: le stime dicono che, per la stessa data, la capacità eolica raddoppierà e quella solare triplicherà. In Cina sarà più corposa anche la crescita del settore delle batterie per i veicoli elettrici, rispetto all’America.

La corsa alle tecnologie per le energie pulite tra le due superpotenze potrebbe significare che la domanda di petrolio e quella di automobili con motori a combustione interna raggiungeranno entrambe il loro picco entro questo decennio.

Secondo Israel non è solo una questione di “offesa, ma anche di difesa”. “Le tensioni potrebbero crescere a causa della dominanza della Cina nelle filiere dell’energia solare e nella produzione di terre rare”, sostiene l’analista, ma anche a causa di politiche focalizzate sulla produzione domestica come Buy American di Joe Biden o come la spinta dell’Unione europea per la creazione di filiere locali per le batterie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati