Advertisement skip to Main Content

Investimenti

I fondi Esg sopravviveranno all’inflazione?

La volatilità dei prezzi e la stretta sul greenwashing minacciano i fondi sostenibili. L'articolo del Financial Times.

Gli ultimi 18 mesi hanno messo in luce i rischi a breve termine dei fondi sostenibili. Molti di essi non hanno sfruttato l’impennata del prezzo del petrolio nel 2022, sollevando dubbi non solo sulla loro performance a breve termine, ma anche sulla loro strategia a lungo termine, in un mondo che potrebbe avere bisogno dei combustibili fossili più a lungo di quanto sperato. Scrive il Financial Times.

Nel frattempo, i titoli di crescita – preferiti da molti gestori di fondi ambientali, sociali e di governance – si sono dimostrati volatili di fronte all’inflazione e all’aumento dei tassi di interesse. E le autorità di regolamentazione stanno indagando sulle affermazioni di greenwashing, tra i dubbi sulla sostenibilità di molti fondi sostenibili.

“Le preoccupazioni della gente sul fatto che sia la cosa giusta da fare vengono sicuramente a galla quando i fondi hanno una performance insufficiente”, afferma Iain Barnes, chief investment officer del gestore patrimoniale Netwealth.

Pochi investitori pensano che gli investimenti sostenibili siano solo una moda. Con la transizione energetica sostenuta da molti governi di tutto il mondo e una maggiore consapevolezza che le aziende ben gestite sono meno rischiose per gli investitori, gli investimenti che tengono conto di fattori ambientali, sociali o di governance si stanno evolvendo piuttosto che scomparire.

Tuttavia, la costruzione di un portafoglio di investimenti sostenibili richiede maggiore attenzione rispetto agli ultimi anni. L’aumento dei tassi di interesse e l’incertezza delle condizioni di mercato fanno sì che gli investitori non possano più puntare esclusivamente sui titoli in crescita. E per evitare il greenwashing, gli investitori devono assicurarsi di sapere esattamente cosa contengono i loro fondi.

Aumento dei prezzi e crescita

L’inflazione non è stata clemente con molti fondi sostenibili. Gli investitori, preoccupati per l’aumento dei prezzi dall’inizio del 2022 e per l’aumento dei tassi d’interesse, hanno ritirato il denaro dai titoli di crescita in tutto il mondo, che soffrono quando i tassi sono più alti.

Questa è stata una cattiva notizia per i fondi sostenibili, molti dei quali erano pieni di società tecnologiche, che tradizionalmente rientrano nel settore della crescita. In parte perché tendevano a essere relativamente corti sui titoli del petrolio e del gas – per ovvie ragioni – lasciando loro il resto dei titoli del loro indice di riferimento tra cui scegliere.

Morningstar osserva che, sebbene i fondi ESG siano rimasti popolari tra gli investitori, in base alla quantità di denaro affluito nel 2022, essi tendono a sottoperformare le loro controparti tradizionali, con appena il 41% di uno studio campione che ha superato i loro omologhi tradizionali. L’indice MSCI World SRI ha perso il 22% lo scorso anno, rispetto al 17,7% dell’indice MSCI World, il primo anno dal 2015 in cui ha sottoperformato la sua controparte tradizionale.

Su un orizzonte temporale più lungo, i fondi ESG hanno comunque sovraperformato, con il 56% che ha fatto meglio delle controparti tradizionali su un periodo di cinque anni. Secondo Morningstar, ciò dimostra che gli investitori non rinunciano necessariamente alla performance quando investono in modo sostenibile. Tuttavia, poiché in quel periodo i fondi sostenibili hanno beneficiato della sovraperformance dei titoli tecnologici e di altri titoli in crescita, si tratta di una guida incerta per il futuro. La domanda che gli investitori si pongono è come si comporteranno i fondi sostenibili nel nuovo contesto economico.

Dove si va ora?

Un consiglio dei gestori di fondi è quello di costruire un portafoglio di base con opzioni satellite intorno ad esso che possono essere investite in aree a rischio più elevato. Ad esempio, Dominic Rowles, analista ESG di Hargreaves Lansdown, consiglia un fondo tracker globale come l’indice L&G Future World ESG Developed o, come opzione più conservativa, il fondo BNY Mellon Sustainable Real Return, che evita le società incompatibili con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 2°C.

Un’opzione satellite potrebbe essere il WHEB Sustainability, che guarda a temi come il trasporto sostenibile e il benessere, ma è molto diverso dal più ampio mercato azionario globale.

Un altro approccio consiste nel proteggere il portafoglio assicurandosi che non sia troppo sovrappesato in alcuni settori. I portafogli multi-asset di Rathbone Greenbank, ad esempio, evitano di avere una forte inclinazione verso i settori growth o tech.

Rahab Paracha, specialista in sostenibilità di Rathbones, afferma: “Non siamo interessati a farci trascinare dal clamore e a investire in settori di crescita più speculativi, molti dei quali hanno corso durante la pandemia, ma che nell’ultimo anno hanno registrato una significativa debolezza a causa dell’aumento dei tassi di interesse”. L’investitore è invece alla ricerca di società di qualità con una gestione solida, una disciplina finanziaria e livelli di indebitamento ragionevoli.

Gli investitori possono anche costruire un portafoglio sostenibile utilizzando fondi passivi. Barnes di Netwealth, che gestisce portafogli passivi sostenibili, afferma che è importante individuare i fondi passivi ESG che aggiungono effettivamente valore, anziché limitarsi a escludere determinate società. Su questa base, Netwealth costruisce i portafogli utilizzando gli indici MSCI SRI, che si rivolgono alle società con i rating ESG più elevati.

Sophie Westwood e Laura Longley, gestori degli investimenti di Evelyn Partners, ritengono che, nonostante le condizioni di mercato siano attualmente molto difficili, vi siano ancora “fantastiche opportunità” per gli investitori ESG.

“Un’idea sbagliata comune è che tutti i fondi ESG siano super cresciuti, pieni di titoli tecnologici e rinnovabili non redditizi, ma non è così. Esiste una pletora di fondi con uno stile core o value, che investono in tutto lo spettro del capitale responsabile”, sostengono.

Anche i fondi tematici, come lo Schroder Energy Transition Fund, meritano un’occhiata. Solitamente i fondi azionari globali si concentrano su alcune aree come la transizione energetica o l’intelligenza artificiale. Ritengono che il drastico calo dei mercati azionari dello scorso anno abbia creato l’opportunità di acquisire grandi aziende a valutazioni interessanti.

Molti investitori ritengono che l’Inflation Reduction Act statunitense aiuterà i titoli sostenibili a fare bene nei prossimi anni. Rathbones detiene due società statunitensi che dovrebbero beneficiare della crescente domanda di edifici più sostenibili: Owens Corning, che fornisce isolamento per gli edifici, e Advanced Drainage Systems, che si occupa di infrastrutture per la gestione delle acque piovane.

Oltre le azioni

Sebbene la maggior parte dell’attenzione per gli investimenti sostenibili sia rivolta ai fondi azionari, gli investitori che desiderano costruire un portafoglio sostenibile dovrebbero guardare anche ad altre classi di attività. Alcuni sostengono che gli investitori possono avere un impatto maggiore investendo in obbligazioni, ad esempio, perché queste possono finanziare progetti specifici presso le aziende.

Westwood e Longley di Evelyn sottolineano che con molti titoli di Stato che oggi rendono più del 5%, gli investitori possono ottenere un rendimento decente su un asset sicuro, cosa a cui non erano abituati negli ultimi dieci anni. La maggior parte dei loro clienti sostenibili si trova a proprio agio nel detenere titoli di Stato, affermano, ma poiché non è possibile stabilire come un governo utilizzi i proventi, vale sempre la pena di verificare.

Il mercato dei green bond, in cui i proventi vengono utilizzati per finanziare progetti ambientali o rinnovabili, è cresciuto negli ultimi anni negli Stati Uniti e in Europa, ma è ancora agli inizi. “Ci auguriamo che in futuro questo settore abbia un posto più significativo nei portafogli sostenibili”, affermano. Un fondo obbligazionario che apprezzano è l’Aegon Short Dated Climate Transition Fund.

Altri investitori evitano i titoli di Stato nei portafogli sostenibili: Rathbones, ad esempio, non utilizza i Treasury statunitensi perché le obbligazioni devono rispettare determinati livelli in materia di cambiamento climatico, difesa, libertà civili e corruzione. Cerca invece obbligazioni più mirate, come un’obbligazione sostenibile emessa dal Nuovo Galles del Sud in Australia, con tutti i proventi utilizzati per finanziare progetti che migliorano l’ambiente e la società. Rathbones ha anche acquistato un’obbligazione verde della banca di sviluppo tedesca KfW che ha il vantaggio di essere denominata in corone norvegesi, offrendo una certa protezione dall’inflazione indotta dal petrolio.

Interactive Investor, una piattaforma di investimento britannica, raccomanda agli investitori alle prime armi di dare un’occhiata alla gamma di fondi multi-asset CT Sustainable Universal MAP, che offre opzioni “caute”, “bilanciate” e “growth”. Chi si sente a proprio agio nella scelta dei fondi può consultare l’ACE 40 della piattaforma, un elenco di fondi sostenibili selezionati dal suo team con l’obiettivo di aiutare gli investitori a costruire un portafoglio globale con una copertura etica.

A volte è difficile far coincidere gli asset di un portafoglio sostenibile con una controparte tradizionale. Barnes di Netwealth afferma che è difficile trovare un asset che si comporti allo stesso modo delle materie prime, che la piattaforma evita nei suoi portafogli sostenibili a causa delle preoccupazioni sull’impatto ambientale e sociale dell’estrazione. Invece, nonostante il suo effetto sui rendimenti, la piattaforma detiene liquidità, ritenuta “il modo meno negativo” di regolare il portafoglio sostenibile.

Timori di greenwashing

Va benissimo suggerire un equilibrio di fondi che non siano troppo focalizzati sulla crescita e che si concentrino su una serie di asset class e regioni, ma come possono gli investitori capire se sono effettivamente sostenibili?

L’anno scorso le autorità di regolamentazione statunitensi hanno comminato le prime multe ai gestori di fondi e l’autorità di regolamentazione britannica, la Financial Conduct Authority, ha previsto una revisione quest’estate. Si prevede che le sue nuove regole porteranno il numero di fondi che possono essere etichettati come sostenibili a un terzo della gamma esistente.

Gli investitori dovrebbero sempre controllare le prime 10 partecipazioni di qualsiasi fondo stiano valutando, piuttosto che limitarsi a pensare che “Sustainable Leaders”, “ESG Aware” o qualsiasi altro nome scelto dal gestore del fondo suoni bene. Guardare sotto il cofano di un fondo tende a riservare sorprese: un fondo sostenibile potrebbe avere compagnie petrolifere considerate “best-in-class”, come BP, o titoli tecnologici che non sembrano avere nulla a che fare con la salvaguardia del pianeta.

Dovrebbe anche essere possibile scoprire se i gestori dei fondi hanno una storia di impegno con le società in cui investono. Dovrebbero essere disposti a fornire esempi di quando hanno votato contro un’azienda e perché o quando hanno spinto per il raggiungimento di obiettivi più sostenibili.

Investimenti a lungo termine

Sebbene l’aumento dell’inflazione e dei tassi d’interesse, la guerra in Ucraina e la crisi energetica abbiano spostato gli investimenti sostenibili in fondo all’agenda di alcuni, l’opinione prevalente degli investitori professionali è che i fattori trainanti a lungo termine degli investimenti sostenibili rimangano intatti.

Tuttavia, nonostante i discorsi sul decollo degli investimenti sostenibili, per molti investitori è ancora necessaria una maggiore scelta di prodotti e una maggiore trasparenza per sentirsi a proprio agio. In Netwealth, ad esempio, solo il 4% dei clienti ha un portafoglio sostenibile.

Dzmitry Lipski, responsabile della ricerca sui fondi di Interactive Investor, sottolinea che molti fondi sostenibili sono stati lanciati di recente e sono quindi relativamente piccoli e con un track record breve, mentre in alcuni settori chiave come l’equity income la scelta per gli investitori retail è ancora limitata.

Ma si prevede che una maggiore regolamentazione giocherà un ruolo chiave: con la Financial Conduct Authority destinata a rendere più severe le regole su ciò che conta come sostenibile, gli investitori retail dovrebbero essere in grado di capire esattamente cosa stanno acquistando. Le turbolenze degli ultimi 18 mesi sono state probabilmente utili al settore degli investimenti sostenibili nel lungo periodo, in quanto hanno messo in luce i problemi di molti fondi e il modo in cui i gestori di fondi ottenevano rendimenti semplicemente investendo in titoli in crescita. Questo non è più un modo semplice per sovraperformare, mentre si è rafforzata la tesi della transizione energetica. Per gli investitori disposti a fare un po’ di lavoro supplementare, i portafogli sostenibili a lungo termine sembrano più raggiungibili.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top