skip to Main Content

Exxon vuole produrre carburante a partire dalle alghe

Exxon

Exxon vede l’oro verde nei combustibili a base di alghe. Gli scettici vedono il greenwashing. L’articolo del Wall Street Journal

Alcuni scienziati considerano la lunga ricerca della Exxon Mobil Corp. di trasformare le alghe in un carburante per il trasporto come poco più di una trovata pubblicitaria. Il gigante petrolifero dice che si sbagliano.

Usando l’ingegneria genetica, Exxon dice di essere più vicina al suo obiettivo di alimentare aerei a reazione e camion pesanti con olio distillato da questi piccoli organismi. Con le sovvenzioni e gli incentivi del governo, dice che è al passo per rendere il biocarburante di alghe commercialmente fattibile entro la fine del decennio.
Gli scettici abbondano. Quasi tutte le altre grandi compagnie petrolifere hanno abbandonato la ricerca sulle alghe dopo che una raffica di investimenti all’inizio dello scorso decennio ha dato pochi risultati. La Exxon pubblicizza pesantemente i suoi sforzi in pubblicità quasi onnipresenti con stagni di alghe verdi che ritraggono l’azienda come leader nello sviluppo dei carburanti del futuro – scrive il WSJ.

Exxon ha rivendicato una svolta nel 2017, ma deve ancora dimostrare i risultati. Fino a quando l’azienda non produrrà con profitto quantità commerciali del biocarburante, dicono gli scienziati che hanno familiarità con la ricerca sulle alghe, i dubbi rimarranno.

Vijay Swarup, vicepresidente di Exxon per la ricerca e lo sviluppo, ha detto di essere consapevole della percezione che la società sta usando la ricerca sulle alghe per bruciare le sue credenziali verdi. Exxon ha fatto promesse troppo ottimistiche che hanno alimentato questa critica, ha detto Swarup, ma il progetto e i suoi progressi sono reali.

“C’è sempre questo ottimismo irrazionale ed esuberanza all’inizio”, ha detto Swarup. “Devi avere una visione. Dopo di che, si tratta di ‘mostrare i progressi’. ”

Il fascino delle alghe è ovvio. Uno degli organismi più abbondanti sulla Terra, le alghe catturano l’anidride carbonica e quando vengono utilizzate come combustibile potrebbero ridurre le emissioni di carbonio del ciclo di vita di oltre il 50% rispetto ai combustibili fossili, secondo alcune ricerche. Le alghe possono anche crescere in acqua salata su terreni non coltivabili, il che significa che non competerebbero con i prodotti agricoli, come fa l’etanolo a base di mais.

Exxon sta portando avanti la sua ricerca sulle alghe con Viridos Inc, una società di San Diego co-fondata dal pioniere della genomica J. Craig Venter. Per anni, Viridos ha alterato le alghe usando lo strumento di editing genico CRISPR e altre tecnologie, sperando di aumentare il contenuto di grasso delle cellule algali per produrre più olio, rafforzando la loro capacità di crescere.

Ma ciò che è tecnicamente possibile in laboratorio non sempre si traduce sul campo, lasciando dubbi tra gli altri scienziati sul fatto che questi sforzi potrebbero produrre quantità sufficienti di alghe più oleose per produrre biocarburante su scala commerciale. Exxon e Viridos, precedentemente chiamata Synthetic Genomics Inc., dicono di aver replicato i risultati di laboratorio in stagni più grandi e all’aperto.

Gli stagni di Viridos nel deserto della California vicino al Salton Sea hanno prodotto 5 grammi di olio di alghe per metro quadrato al giorno l’anno scorso, da meno di 2 nel 2018. Le aziende stimano di poter raggiungere i 10 grammi entro la fine del 2021 e puntano ai 15 grammi entro il 2022, un livello che alcuni nella comunità scientifica vedono come un punto di inflessione in cui il biocarburante algale diventa commercialmente redditizio.

Anche se Exxon e Viridos raggiungessero l’obiettivo del 2022, le alghe non saranno economicamente competitive con i combustibili fossili nel prossimo futuro senza sostanziali sussidi governativi. Ma secondo i calcoli della Exxon, un barile di olio algale potrebbe valere fino a 350 dollari, quando si tiene conto degli standard esistenti per i carburanti a basse emissioni di carbonio e dei crediti d’imposta che aggiungono fino a 260 dollari di valore ad ogni barile. Il petrolio greggio tradizionale si vende attualmente a meno di 80 dollari al barile.

A quei prezzi, Exxon e Viridos possono fare un modesto profitto, ha detto l’amministratore delegato di Viridos Oliver Fetzer. L’obiettivo delle società per la fine del decennio è di 25 grammi per metro, a quel punto il business diventa molto attraente, ha detto.

Una volta che Exxon e Viridos avranno raggiunto questi obiettivi negli stagni esterni, la chiave sarà scalare la tecnologia in modo sostenibile e trovare clienti. Viridos dice che è in discussione con potenziali clienti e partner, comprese le compagnie aeree e altre grandi compagnie petrolifere, circa l’implementazione della tecnologia in modo più ampio.

Non tutti sono convinti. Il professor Kevin Flynn, un ecologo del plancton marino presso il laboratorio marino di Plymouth del Regno Unito, ha detto che i risultati di Viridos devono essere rivisti da esperti e che rimangono ostacoli significativi alla produzione su scala. Flynn, che ha studiato il biocarburante di alghe per anni, ha detto che tutto il suo lavoro e quello di altri indica che l’obiettivo è illusorio. Exxon e Viridos hanno detto che avrebbero condiviso i loro dati con la comunità scientifica.

I ricercatori delle alghe hanno incontrato una miriade di sfide. Oltre ai limiti della produttività biologica, la produzione di alghe su larga scala richiede enormi quantità di terra, acqua e fertilizzanti, rendendola proibitiva. Soddisfare solo il 10% della domanda di carburante dell’Europa con alghe non modificate richiederebbe l’inondazione di tre volte il Belgio in più di 7 pollici di acqua utilizzando il 50% del fertilizzante utilizzato per l’agricoltura europea, ha detto il signor Flynn.

Il processo richiede anche grandi quantità di energia per produrre le alghe, estrarre l’olio e poi raffinarlo, tanto che la produzione di biocarburante algale potrebbe consumare più energia di quella che produce, hanno concluso alcuni ricercatori.

“Se hanno effettivamente spuntato tutte le caselle, sarei molto sospettoso”, ha detto il signor Flynn. “Ci sono state persone che hanno cercato di fare questo per decenni”.

Exxon e Viridos dicono che le loro alghe geneticamente modificate sono più produttive, riducendo la quantità di risorse necessarie, e che riciclano fertilizzanti e altri input e usano acqua salata, rendendo il processo sostenibile.

Il signor Flynn e altri scienziati hanno anche sollevato preoccupazioni per le alghe geneticamente modificate che si fanno strada nell’ambiente naturale e sopraffanno le specie naturali. Exxon e Viridos dicono che tali preoccupazioni sono esagerate e fanno notare che l’Agenzia per la protezione dell’ambiente ha dovuto dare la sua approvazione prima che i loro filamenti potessero essere distribuiti all’aperto.

Il governo degli Stati Uniti ha finanziato la ricerca sulle alghe fin dagli anni ’70. Il Dipartimento dell’Energia ha assegnato centinaia di milioni di dollari in sovvenzioni di ricerca dal 2007 a società private e altri che ricercano il biocarburante da alghe.

Exxon ha detto di aver speso più di 300 milioni di dollari per la ricerca sulle alghe dal 2009, meno del 3% del suo budget annuale per la ricerca. L’azienda ha detto che sta ricercando una varietà di tecnologie per ridurre le emissioni di carbonio, compresi altri biocarburanti, la cattura del carbonio e l’idrogeno. Al contrario, Exxon ha speso più di 500 milioni di dollari in pubblicità tra il 2009 e il 2015, secondo uno studio del 2019 sulla rivista Climatic Change. Il procuratore generale del Massachusetts ha citato in giudizio Exxon nel 2019 per aver presumibilmente ingannato i consumatori sul cambiamento climatico, anche attraverso la sua pubblicità. Exxon nega le accuse e il caso è in corso.

Martin Keller, direttore del National Renewable Energy Laboratory del Dipartimento dell’Energia, ha detto che lo scetticismo sul biocarburante di alghe è comprensibile, ma che Viridos sembra aver fatto progressi significativi.

Secondo il signor Keller, i biocarburanti d’alga sono una soluzione potenziale per ridurre le emissioni di carbonio dai viaggi in aereo e dal trasporto pesante. Queste aree, che producono una quantità significativa di emissioni, sono particolarmente difficili da decarbonizzare perché le batterie elettriche sono troppo pesanti e non forniscono abbastanza autonomia per aerei e camion. Il Dipartimento dell’Energia ha impegnato altri 100 milioni di dollari per finanziare la ricerca sui biocarburanti per l’aviazione e altri settori all’inizio di quest’anno.

“Da una prospettiva biologica, è un risultato”, ha detto il signor Keller. “Come si fa a scalarlo? Questa è la prossima domanda”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore