skip to Main Content

Le importazioni europee di gas russo via mare raggiungono un livello record. Report Ft

Gas Russo Via Mare

Anche se quelle via tubi sono crollate, le importazioni di gas russo via mare da parte dell’Europa sono cresciute del 40 per cento nei primi dieci mesi del 2022. Ecco perché. L’articolo del Financial Times

L’Europa sta importando una quantità record di gas russo via mare, evidenziando come la regione non si sia completamente liberata dalla dipendenza della Russia per il carburante cruciale, anche se i flussi attraverso i gasdotti si sono praticamente fermati. Scrive il Financial Times.

Le importazioni di gas naturale liquefatto russo, tipicamente trasportato su grandi navi cisterna, sono aumentate di oltre il 40% tra gennaio e ottobre di quest’anno, rispetto allo stesso periodo del 2021, evidenziando la difficoltà dell’Europa a staccarsi dal gas di Mosca nonostante i tentativi di Bruxelles di allontanarsi dalle fonti russe.

Il GNL russo ha rappresentato il 16% delle importazioni europee via mare durante il periodo. Sebbene il volume totale di 17,8 miliardi di metri cubi rappresenti una frazione dei 62,1 miliardi di metri cubi di gas dei gasdotti in questo periodo, lascia comunque l’Europa esposta all’armamento energetico di Vladimir Putin.

Un giorno Putin potrebbe svegliarsi e dire: “Non invieremo più GNL in Europa”, costringendo la regione ad acquistare da un mercato spot ancora più costoso”, ha dichiarato Anne-Sophie Corbeau, studiosa di ricerca globale presso il Center on Global Energy Policy della Columbia University.

La Russia potrebbe anche dirottare i carichi verso Paesi affamati di GNL come il Bangladesh e il Pakistan a prezzi bassi per “ottenere vantaggi politici” e “fare pressione sugli europei”, ha aggiunto. “È molto importante non dimenticare che molti Paesi stanno soffrendo perché non possono permettersi il GNL”.

Non ci sono sanzioni sul gas russo, data la sua importanza per la sicurezza energetica di alcuni Paesi europei. Il Cremlino ne ha approfittato riducendo gradualmente il flusso attraverso i gasdotti dopo l’invasione dell’Ucraina, facendo lievitare i prezzi e alimentando una crisi del costo della vita in tutto il continente.

I flussi di gas attraverso il gasdotto Yamal, che attraversa la Polonia, sono stati interrotti da maggio e la Russia ha tagliato i flussi attraverso la linea Nord Stream 1 verso la Germania in estate. Il gasdotto si è poi rotto, in quello che alcuni Paesi europei hanno ritenuto essere un atto deliberato di sabotaggio.

La Russia ha anche recentemente minacciato di limitare le forniture all’Europa occidentale attraverso l’unico gasdotto che ancora collega la regione attraverso l’Ucraina. Secondo i dati del think tank Bruegel, il gas proveniente dalla Russia è diminuito di quasi l’80% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Per colmare il divario, l’Europa, che lo scorso anno ha importato 155 miliardi di metri cubi di gas naturale russo, compreso il GNL, si è rivolta al mercato internazionale del GNL. Tra gennaio e ottobre, secondo i dati di Refinitiv, l’Europa ha importato un quantitativo record di 111 miliardi di metri cubi di GNL a livello globale, con un aumento di quasi il 70% rispetto all’anno precedente.

Le importazioni dalla Russia nel periodo sono state pari a 17,8 miliardi di metri cubi, con un aumento del 42% rispetto allo stesso periodo del 2021, con Francia, Belgio, Spagna e Paesi Bassi che hanno assorbito quasi tutti i volumi.

La maggior parte del GNL russo proviene dalla joint venture Yamal LNG, la cui maggioranza è detenuta dalla società russa Novatek, mentre altre quote sono detenute dalla francese Total, dalla cinese CNPC e da un fondo statale cinese. Poco meno del 10% delle azioni di Novatek è di proprietà della società statale russa Gazprom.

In un altro segno dei legami dell’Europa con la Russia, una grande nave che trasportava GNL dall’impianto di Portovaya, vicino al confine meridionale della Russia con la Finlandia, è arrivata in Grecia il mese scorso, secondo la società di analisi dei dati satellitari QuantCube. Si tratterebbe del primo carico del progetto Portovaya, entrato in funzione all’inizio di quest’anno.

Dal 2017, il Paese è stato una delle prime tre fonti di approvvigionamento per l’Europa, rappresentando circa il 20% delle sue importazioni totali negli ultimi tre anni. Quest’anno, secondo Refinitiv, la Russia è stata la seconda fonte, ma la sua quota è scesa al 16% nonostante le importazioni record, poiché l’Europa ha assorbito più GNL dagli Stati Uniti, che ha rappresentato il 42%. Il Qatar è stato il terzo fornitore di GNL in Europa, con una quota del 13,7%.

“Il mio punto di vista, un po’ cinico, è che se compriamo GNL dalla Russia, va bene. Perché stiamo ricevendo dai russi ciò che altrimenti sarebbe stato inviato [altrove]”, ha dichiarato Georg Zachmann, senior fellow di Bruegel. “Ciò di cui l’Europa ha urgentemente bisogno è un meccanismo di protezione contro l’eventualità che la Russia invii selettivamente il gas a singoli acquirenti in Europa al fine di ottenere vantaggi politici”, aggiungendo che l’unità dell’Europa è stata messa a dura prova.

La solidarietà europea è già stata messa alla prova con lo sviluppo di una spaccatura tra Paesi come la Spagna e la Grecia a favore di un tetto ai prezzi del gas, mentre Germania, Danimarca e Paesi Bassi sono rimasti scettici nei confronti di una simile iniziativa. L’Ungheria, nel frattempo, ha firmato un nuovo accordo sul gas con Gazprom in agosto.

Se la solidarietà si rompe, “potremmo correre il rischio che altri Paesi, oltre all’Ungheria, siano disposti ad accettare facilmente il gas russo e questo sarebbe un grosso problema”, ha detto Zachmann.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore