skip to Main Content

Ecco che cosa fa (e farà) Eni in Egitto

Sanzioni Petrolio Russo

L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è riunito in Egitto con il presidente al-Sisi. Ecco di cosa hanno discusso

 

Oggi l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha incontrato il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il ministro del Petrolio Tarek al-Molla. Si è discusso delle attività di Eni in Egitto, e in particolare di produzione di gas naturale e della sua esportazione in forma liquefatta (Gnl).

L’AMBIZIONE ENERGETICA DELL’EGITTO

Dopo la scoperta, a opera di Eni, del grande giacimento di gas Zohr, l’Egitto ha assunto una nuova rilevanza energetica nell’area del Mediterraneo, e oggi ambisce a diventare un polo regionale per il gas.

Zohr è il giacimento più grande mai scoperto nel mar Mediterraneo. Nel 2020 ha raggiunto una capacità produttiva lorda di 87 milioni di metri cubi al giorno.

COSA FA ENI IN EGITTO

Eni – presente nel paese dal 1954 – produce attualmente circa l’80 per cento del gas destinato al mercato egiziano per la generazione di elettricità. Le esportazioni di combustibile dovrebbero aumentare, facendo dell’Egitto un esportatore netto di GNL, a seguito della riattivazione dell’impianto di liquefazione di Damietta, l’anno scorso.

L’impianto di liquefazione di Damietta ha una capacità di 7,5 miliardi di metri cubi all’anno. È di proprietà di SEGAS, la joint venture tra Eni (50 per cento) e le società egiziane EGAS (40 per cento) ed EGPC (10 per cento).

IDROGENO E CATTURA DELLA CO2

Ad al-Sisi ed el-Molla, Descalzi ha presentato i piani di Eni per la decarbonizzazione delle proprie attività attraverso lo sviluppo di progetti sulla cattura e lo stoccaggio di anidride carbonica e sulla produzione di idrogeno. A questo proposito, all’impianto di Damietta la società sta lavorando allo sviluppo di idrogeno low-carbon, associato a tecnologie di cattura della CO2, e di ammoniaca blu (cioè ricavata dal gas naturale ma “trattenendo” le emissioni per impedirne il rilascio nell’atmosfera).

Il progetto potrà eventualmente venire ampliato al di là dello stabilimento e permettere la decarbonizzazione dell’intera area industriale di Damietta attraverso la cattura (nello stadio iniziale) di 5 milioni di tonnellate di CO2.

UN PROGETTO SUL SOLARE FOTOVOLTAICO

Alla riunione si è poi discusso di un grosso progetto di Eni sull’energia solare la cui capacità non è nota (nel comunicato diffuso dalla società si parla di “svariati GW”), e anche delle cinque nuove licenze di idrocarburi che Eni si è aggiudicata di recente nel Mediterraneo orientale, nel golfo di Suez e nel deserto occidentale.

I NUMERI DI ENI IN EGITTO

Nel 2020 Eni ha prodotto in Egitto 24 milioni di barili di petrolio e 12,5 miliardi di metri cubi di gas naturale. È il principale produttore petrolifero del paese.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore