Energia

Eni e Total sospendono le attività di perforazione nel blocco di Cipro?

di

Cipro

Eni e Total avrebbero sospeso le attività di perforazione nel blocco esplorativo 7 di Cipro. Fatti, rumors e analisi

Eni e Total avrebbero sospeso le attività di perforazione nel blocco esplorativo 7 di Cipro.

Fonti di Cipro hanno affermato che il consorzio franco-italiano composto da Eni e Total inizierà le perforazioni nel blocco 7 alla fine del 2020 o all’inizio del 2021. Prima di allora inizierà a condurre attività di perforazione nei blocchi 6 e 8, dove ha più dati di ricerca con cui lavorare.

Al di là delle motivazioni addotte dal ministro per l’Energia cipriota Yiorgos Lakkotrypis – motivazione di ordine geologico puramente fittizie, secondo molti osservatori – la reale motivazione di questa sospensione è determinata dalla proiezione di potenza turca che attraverso due incrociatori di guerra che affiancano la sua nave di perforazione Yamuz, ritiene che le risorse presenti a Cipro Nord appartengano storicamente e geograficamente alla Turchia e non a Nicosia.

Nonostante le assicurazioni che erano state fornite ad ottobre proprio del ministro cipriota dell’Energia e nonostante la legittima reazione politica italiana, la Turchia – come ha recentemente fatto in Siria in funzioni anticurda- sta portando avanti una peculiare politica estera.

Dal punto di vista squisitamente geostrategico – come sottolineato su Start – la proiezione di potenza marittima alla quale ha fatto riferimento Erdogan si riferisce da un lato alla necessità di conseguire sempre di più una autosufficienza militare e dall’altro lato si riferisce alla necessità di salvaguardare i propri interessi a Cipr ocontesa con la Grecia in funzione anti europea e anti americana (non dimentichiamoci che la Turchia negò ad Obama l’uso della base di İncirlik per contrastare l’Isis).

Ebbene, l’isola di Cipro — isola mediterranea che occupa una posizione nevralgica tra Europa, Asia e Africa — rappresenta una sorta di naturale infrastruttura militare che consente di sorvegliare il Mar Caspio e il Golfo Persico, il Golfo di Aden e lo stretto di Hormuz.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati