Advertisement skip to Main Content

Svb

Criptovalute, minatori di bitcoin a caccia di centrali a carbone

L'energia usata per estrarre bitcoin ogni 60 secondi sarebbe sufficiente per alimentare la famiglia media americana per 17 anni. Il report del Guardian

Gli ambientalisti del Montana l’hanno chiamato “l’orologio della morte”. Dopo anni di perdite finanziarie, una delle poche centrali a carbone rimaste nello stato sembrava condannata, e il suo probabile destino offriva una piccola ma degna di nota vittoria nello sforzo di evitare disastrosi cambiamenti climatici. Ma poi una società di estrazione di bitcoin è intervenuta per resuscitarla.

La stazione di generazione di Hardin, un impianto a carbone da 115 megawatt situato a una dozzina di miglia dal sito storico della famosa battaglia di Little Big Horn nel sud del Montana, era stato previsto per la chiusura nel 2018 a causa di una mancanza di clienti per poi zoppicare in qualche modo, operando solo 46 giorni nel 2020. “Stavamo solo aspettando che questa cosa morisse”, ha detto Anne Hedges, co-direttore del Montana Environmental Information Center. “Stavano lottando e cercando di chiudere. Era sull’orlo del baratro. E poi è arrivata questa società di criptovaluta”.

In un accordo concluso alla fine del 2020, Marathon, una società di “estrazione” di bitcoin, è diventata l’unico destinatario dell’elettricità della centrale. Ha stabilito un centro dati allungato su 20 acri di terreno accanto alla struttura che è pieno di più di 30.000 unità Antminer S19, un computer specializzato che estrae bitcoin. Questa sete di energia è comune nella crittografia – globalmente il mining di bitcoin consuma più elettricità della Norvegia, un paese di 5,3 milioni di persone – scrive il Guardian.

Quando i minatori di bitcoin si sono trasferiti l’anno scorso, Hardin è tornato a ruggire. Solo nei primi nove mesi del 2021, le caldaie dell’impianto si sono accese in 236 giorni diversi. Anche le emissioni di calore del pianeta dovute alla combustione del carbone di Hardin sono aumentate, con 187.000 tonnellate di anidride carbonica emesse nel secondo trimestre dell’anno scorso, più del 5000% in più di quelle espulse nello stesso periodo nel 2020.

Nel terzo trimestre, sono state emesse altre 206.000 tonnellate di CO2, un aumento del 905% rispetto al 2020, secondo i dati dell’Environmental Protection Agency (EPA). Hardin stava operando a “quasi piena capacità”, ha detto Marathon in un aggiornamento di dicembre, con il centro dati che produceva circa 34 bitcoin il 1° dicembre.

“Sono rimasto inorridito nel vedere tutto ciò che è successo, è stata una terribile svolta degli eventi”, ha detto Hedges, che ha iniziato a visitare l’impianto e fotografare il nuovo centro dati mentre prendeva forma, con i ventilatori appollaiati sul tetto per aiutare a raffreddare il ronzante hardware del computer. “Questo non è aiutare le vecchie signore a non morire di freddo, è arricchire poche persone mentre si distrugge il clima di tutti noi. Se sei preoccupato per il cambiamento climatico non dovresti avere niente a che fare con le criptovalute, è un disastro per il clima”.

Hardin fa parte di un’ondata di impianti di combustibili fossili “zombie” d’America che sono stati riportati in vita da aziende di criptovalute che cercano di alimentare le insaziabili richieste di energia delle loro operazioni di estrazione. La Cina, in passato l’epicentro dell’industria del bitcoin, ha effettivamente bandito circa la metà dei minatori di valuta del mondo l’anno scorso e la conseguente ricerca di energia a basso costo ha visto le aziende guardare le centrali elettriche statunitensi in difficoltà.

Nel 2020, una centrale a carbone inattiva nello stato di New York è stata convertita per funzionare a gas e alimentare un’operazione di estrazione di bitcoin su larga scala, una mossa che il proprietario Greenidge Generation ha detto che sta “portando un pezzo del futuro digitale del mondo” allo stato. Eric Adams, il nuovo sindaco di New York City che ha detto che avrebbe accettato il suo primo stipendio in bitcoin, la scorsa settimana ha criticato l’impatto ambientale del crypto mining.

Nel frattempo, nella Pennsylvania occidentale, migliaia di computer per l’estrazione di bitcoin sono stati imballati in container di spedizione accanto all’impianto Scrubgrass, che brucia carbone di scarto ed era destinato a chiudere prima di passare al bitcoin. E nel Kentucky, un nuovo impianto di bitcoin è in costruzione accanto alla Big Rivers Electric Corporation, che possiede e gestisce quattro centrali elettriche a carbone.

Questa tattica, sostengono le aziende di criptovalute, genera posti di lavoro locali – il Kentucky ha puntato ad attirare i minatori di valuta facendo passare una legge che li esenta da una tassa sulle vendite di elettricità – e usa l’energia in eccesso senza sforzare la rete per case e imprese. Ma i critici fanno notare che l’enorme consumo di elettricità necessario per sostenere la moneta virtuale sta alimentando la crisi climatica e ora minaccia una parziale resurrezione del carbone negli Stati Uniti.

“Le centrali elettriche a carbone e a gas naturale utilizzate per l’estrazione di criptovalute, che altrimenti andrebbero in pensione con la decarbonizzazione, aggiungono ancora più carbonio all’atmosfera in un’epoca in cui dovremmo tagliare tali emissioni”, ha detto Benjamin Jones, uno specialista in economia delle risorse naturali presso l’Università del New Mexico. “L’uso continuato o in espansione dell’elettricità proveniente dai combustibili fossili impone alla società costi economici ambientali significativi”.

Jones ha detto che è “preoccupante” vedere che il già enorme consumo di energia del bitcoin sta aumentando e che la maggior parte di questo proviene da combustibili fossili, nonostante alcuni sforzi da parte delle società minerarie per aumentare la quantità di energia pulita che utilizzano. Marathon, la società che attinge energia da Hardin, ha stretto infatti un accordo separato in Texas per prendere energia da un parco eolico.

Anche alcuni dei primi campioni del bitcoin si sono opposti al suo uso dell’energia, con Elon Musk che l’anno scorso ha fermato l’uso della criptovaluta da parte di Tesla dal momento che la società di veicoli elettrici è “preoccupata per il rapido aumento dell’uso di combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di bitcoin, soprattutto il carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi carburante”. Uber, il servizio di ride-hailing, ha detto che non accetterà pagamenti in criptovalute fino a quando gli impatti sul clima non saranno ridotti.

Poco più di un decennio fa, era possibile estrarre bitcoin con un solo computer a casa, usando una quantità trascurabile di elettricità. La fornitura finale di bitcoin era limitata e i nuovi bitcoin venivano assegnati a coloro che potevano aiutare a convalidare le transazioni – i minatori.

Il processo di convalida comporta essenzialmente un gigantesco gioco di indovinelli che diventa più difficile quanto più minatori partecipano. Dato che l’interesse per i bitcoin è aumentato, computer veloci e potenti, stipati in magazzini, hanno ora una migliore possibilità di vincere il gioco di indovinelli e di essere premiati con diversi bitcoin, che attualmente valgono circa 42.000 dollari ciascuno.

Questa corsa alla ricchezza dei bitcoin divora un’enorme quantità di elettricità – circa lo 0,5% del consumo globale totale. L’energia usata per estrarre bitcoin ogni 60 secondi sarebbe sufficiente per alimentare la famiglia media americana per 17 anni, mentre il consumo annuale di elettricità per l’estrazione sarebbe in grado di alimentare tutti i bollitori usati per bollire l’acqua per il tè nel Regno Unito per 28 anni.

Mentre questo uso è stato criticato dagli attivisti del clima, i minatori di bitcoin sostengono che dovrebbe essere messo in un contesto diverso. Fred Thiel, amministratore delegato di Marathon, ha detto che il movimento di beni fisici in tutto il mondo, e anche l’uso delle lavatrici negli Stati Uniti, utilizza più energia del bitcoin. “Capisco il desiderio di alcune persone di indicare l’estrazione di bitcoin come il grande cattivo ragazzo, ma in un confronto con ogni altra industria là fuori, è insignificante”, ha detto in un’intervista.

Thiel paragona l’estrazione di bitcoin alle transazioni elaborate nei data center da aziende come Amazon e Google e ha sostenuto che l’industria si sta muovendo rapidamente verso l’energia rinnovabile – Marathon prevede di eliminare gradualmente il suo uso del carbone il prossimo anno – dopo aver trovato che le sue opzioni erano limitate quando i minatori hanno dovuto allontanarsi rapidamente dalla Cina.

“Tornando al 2020, le aziende rinnovabili non stavano offrendo energia ai minatori di bitcoin”, ha detto Thiel. “Pochissime persone volevano anche solo trattare con i minatori di bitcoin nel mondo dell’energia. E così i minatori di bitcoin passavano il tempo a cercare beni incagliati. E così l’unico modo per noi di minare era quello di trovare energia incagliata, cosa che abbiamo fatto trovando l’impianto Hardin”.

Resta da vedere se il bitcoin si allontanerà in modo significativo dai combustibili fossili, ma nel frattempo è probabile che sia sempre più sotto esame per il suo appetito per l’elettricità alimentata da combustibili fossili. “Semplicemente non sappiamo come saranno le emissioni dell’estrazione di bitcoin tra cinque o dieci anni”, ha detto Jones, il professore dell’Università del New Mexico. “Sembra probabile, però, che continuerà ad essere un grande consumatore di energia in futuro”.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top