Energia

Come e perché Biden farà sventolare l’eolico

di

Usa

Biden fissa l’obiettivo degli Stati Uniti per l’energia eolica offshore nel tentativo di far ripartire il settore. L’approfondimento del Financial Times


L’amministrazione Biden lunedì ha cercato di dare il via all’industria eolica offshore degli Stati Uniti fissando un obiettivo di distribuzione di 30 gigawatt di capacità di generazione – abbastanza per alimentare circa 10 milioni di case per un anno – da turbine che operano in acque costiere entro il 2030.
La Casa Bianca ha detto che l’obiettivo permetterebbe di perseguire ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione alimentando più di 12 miliardi di dollari all’anno di investimenti di capitale nel settore, creando al contempo decine di migliaia di posti di lavoro. Il Dipartimento dell’Energia darà accesso a 3 miliardi di dollari di finanziamenti attraverso un programma di garanzia dei prestiti – scrive il FT.

“Questo obiettivo eolico offshore è la prova del nostro impegno a usare l’ingegno e la forza americana per investire nella nostra nazione, far progredire la nostra sicurezza energetica e combattere la crisi climatica”, ha detto Jennifer Granholm, segretario all’energia degli Stati Uniti.

L’amministrazione Biden sta cercando di innescare un boom di sviluppo nell’industria eolica offshore degli Stati Uniti, che ha lottato per decollare negli ultimi anni, mentre l’Europa ha avuto un boom nella costruzione di turbine.

Il presidente degli Stati Uniti ha promesso di accelerare lo sviluppo del settore come parte del suo obiettivo di decarbonizzare l’energia statunitense entro il 2035.

Finora negli Stati Uniti sono stati costruiti solo due piccoli parchi eolici offshore, con appena 42 megawatt di capacità. Al contrario, c’erano circa 124 GW di capacità onshore installata alla fine del 2020, secondo Wood Mackenzie.

Sotto l’amministrazione Trump, la prima proposta di progetto su scala commerciale del paese, Vineyard Wind al largo della costa del Massachusetts, è stata ripetutamente ritardata perché le revisioni sono state trascinate per anni.

Dall’insediamento di Joe Biden, il Bureau of Ocean Energy Management ha completato la revisione ambientale per Vineyard Wind e ne ha iniziata una per un altro progetto su scala commerciale – lo sviluppo South Fork al largo di Long Island a New York.

Lunedì, ha iniziato il processo per un terzo progetto: il progetto Ocean Wind da 1.100MW proposto al largo del New Jersey. Ha in programma di iniziare le revisioni per altri 10 progetti proposti entro la fine dell’anno.

L’amministrazione ha anche legato lo sviluppo delle energie rinnovabili alla creazione di nuovi posti di lavoro. La Casa Bianca ha detto che il nuovo obiettivo creerebbe 44.000 posti di lavoro nell’eolico offshore e altri 33.000 nei settori di supporto entro il 2030.

“Il presidente Biden ha dichiarato molto chiaramente che quando pensa al clima, pensa alle persone e ai posti di lavoro – posti di lavoro con garanzie e ben pagati”, ha detto lunedì Gina McCarthy, consigliere della Casa Bianca per il clima.

“Da nessuna parte la portata di questa opportunità è più chiara che per l’eolico offshore. Questo impegno verso una nuova industria non sfruttata creerà percorsi verso la classe media per persone di ogni provenienza e comunità”.

Il presidente si recherà a Pittsburgh alla fine di questa settimana per svelare i dettagli di un piano energetico e infrastrutturale da 3 miliardi di dollari, che gli analisti si aspettano di fornire ulteriore sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili.
Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

Articoli correlati