skip to Main Content

Perché l’impennata delle materie prime peserà anche sulla Cina

Xi Hong Kong

La Cina è il principale importatore mondiale di materie prime e l’aumento dei prezzi delle materie prime potrebbe spingere verso l’alto la lettura anno su anno delle sue importazioni. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Le oscillazioni selvagge nei prezzi di energia, metalli e altre materie prime innescate dall’invasione russa dell’Ucraina potrebbero iniziare a pesare sull’economia cinese poiché le preoccupazioni per l’inflazione superano le preoccupazioni per i costi di produzione e le interruzioni della catena di approvvigionamento, secondo gli analisti.

Martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha imposto un divieto immediato sulle importazioni di petrolio russo e altre importazioni di energia nell’ultima rappresaglia per l’invasione dell’Ucraina che potrebbe aggiungere più turbolenze al mercato globale dell’energia.

La Cina è il principale importatore mondiale di materie prime e l’aumento dei prezzi delle materie prime potrebbe spingere verso l’alto la lettura anno su anno delle sue importazioni. Per numerosi analisti cinesi le importazioni di petrolio greggio della Cina rappresentano circa il 10 per cento delle sue importazioni totali in valore. L’indice dei prezzi alla produzione (PPI) della Cina, che riflette i prezzi che le fabbriche addebitano ai grossisti per i prodotti, è aumentato dell’8,8% a febbraio rispetto all’anno precedente, in calo rispetto a un aumento della crescita del 9,1% a gennaio.

Ma mentre la crescita del titolo rallentava, il PPI cinese è cresciuto dello 0,5% rispetto al mese precedente, segnando la crescita mese su mese più rapida da un aumento del 2,5% a ottobre.

China International Capital Corporation ha affermato che l’escalation del conflitto tra Ucraina e Russia, insieme alla lunga lista di sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione europea, farà salire significativamente i prezzi delle materie prime e sconvolgerà le catene di approvvigionamento. Anche il prezzo di una delle altre importazioni chiave della Cina, il nichel, è salito a un livello record sia sul mercato nazionale che internazionale.

Lo Shanghai Futures Exchange ha dichiarato martedì che avrebbe adottato ulteriori misure per tenere conto delle condizioni di mercato dopo che il metallo è salito a un livello record di 228.810 yuan (33.254 dollari) per tonnellata.

L’exchange, che all’inizio della giornata ha aumentato le sue commissioni per il trading di nichel, ha esortato gli investitori a “fendere i rischi, investire razionalmente e lavorare insieme per mantenere la stabilità del mercato”, senza fornire ulteriori dettagli.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore